Questo sito contribuisce alla audience di

Nasce Ezzelino: il passito che arriva dal passato

News Articoli

Nasce Ezzelino: il passito che arriva dal passato

 

La Cantina Beato Bartolomeo lancia sul mercato Ezzelino, passito rosso prodotto con uve Groppello, una varietà autoctona di Breganze recentemente recuperata.

 

La Cantina Beato Bartolomeo presenta Ezzelino, nuovo passito rosso prodotto con uve di Cabernet Sauvignon e Groppello di Breganze. Quest’ultima è una varietà autoctona coltivata da secoli nel breganzese, del tutto diversa dal Groppello dell’area del Garda (l’unica parentela è rintracciata con la rara Pignola in Valtellina). Vitigno a rischio di estinzione, è stato recuperato grazie al lavoro di Severina Cancellier, già ricercatrice all’Istituto Sperimentale per la Viticoltura di Conegliano, con il contributo della Camera di Commercio di Vicenza.

Si rintraccia il Groppello di Breganze in libri e documenti settecenteschi: Auerliano Acanti lo cita nel suo Roccolo Ditirambo.  Ed è certamente questa una delle uve coltivate da Ezzelino da Romano, il temibile signore che dominava la pedemontana vicentina intorno al 1200 e che per primo comprese che i suoi avamposti militari, nell’area collinare dove oggi sorge San Giorgio di Perlena, erano zone particolarmente adatte alla coltura della vite.

“Recuperare il Groppello oggi - spiega Piergiorgio Laverda, presidente della Cantina Beato Bartolomeo - significa ritornare alle origini della tradizione vitivinicola di Breganze”. Un’uva dal grappolo molto compatto, da cui si ricava un vino non particolarmente carico di colore, ma dal buon tenore alcolico, ricco di acidità e con un tannino assolutamente deciso. La tradizione breganzese lo voleva vinificato dopo un appassimento insieme ad altre varietà, tra cui il Cabernet, per farne un’alternativa al Torcolato ottenuto con l’uva Vespaiola. Nella tradizione contadina c’è ancora memoria di questo “Torcolato Nero”, come veniva chiamato. L’appassimento e l’assemblaggio con il Cabernet Sauvignon smussano le angolature più vive del Groppello e regalano un vino gentile e piacevole, ma dal carattere deciso in cui spiccano freschezza e tannicità.

Ezzelino è proposto nella bottiglia da 0,375 litri e per la prima annata è stato prodotto con 7000 bottiglie.


 

 

EZZELINO PASSITO

Scheda Tecnica

CLASSIFICAZIONE:  Ezzelino Rosso Passito IGT del Veneto

COLLOCAZIONE VIGNETI: località Costa di Fara Vicentino e Az.Agr.Bosco Grande gestita direttamente dalla Cantina Beato Bartolomeo

GIACITURA E TIPO DI TERRENO: collinare vulcanico con esposizione a sud

VARIETÀ: 50% Groppello e 50% Cabernet Sauvignon

SUPERFICIE:  1 ettaro distribuito su 3 aziende

ANNO DI IMPIANTO: vigneti di Groppello più di 40 anni

SISTEMA DI ALLEVAMENTO: guyot bilaterale doppio capovolto (cappuccina)

SESTO DI IMPIANTO: 2,5 x 1,2 m - 3.300 ceppi/ha

PRODUZIONE: 90 quintali/ha

VENDEMMIA: manuale in casse da 3 kg

BOTTIGLIE PRODOTTE: 6.000 da 375 ml

IMBALLO: astuccio personalizzato da una bottiglia

APPASSIMENTO: in fruttaio fino a dicembre quando raggiunge una concentrazione zuccherina del 38%. Resa in mosto 25%

VINIFICAZIONE: fermentazione in vinificatore da 5.000 kg - 3 follature giornaliere-20 giorni di macerazione

AFFINAMENTO: in vasca di acciaio  inox per 9 mesi

IMBOTTIGLIAMENTO: in piccole bottiglie bordolesi da 375 ml

 

Descrizione organolettica

COLORE: rosso rubino intenso

PROFUMO: intenso,fruttato di marasche stramature, speziato di pepe nero, delicata nota erbacea

PALATO: avvolgente, dolce, pepato, dal  tannino elegante in equilibrio con la morbidezza, fresco e dal finale asciutto, molto persistente

GRADO ALCOLICO: 14% vol

ABBINAMENTO: dessert a base di frutta rossa, ciliegie di Marostica e piccoli frutti di bosco, siano essi al taglio che al cucchiaio, e dessert conditi con spezie come i biscotti Pevarini Veneziani

TEMPERATURA DI SERVIZIO: 16-18 °C

di Barbara Farinelli, pubblicato il 11/12/2008


www.lospicchiodaglio.it