Crescentine montanare (Tigelle)

Ricette focacce, panini, pizze

Crescentine montanare (Tigelle)


Le crescentine montanare sono comunemente note come "tigelle", anche se si tratta di un nome improprio. "Tigelle" è il nome degli stampi di terracotta con cui una volta si cuocevano le crescentine nelle zone montane dell'Appennino Emiliano. Le tigelle sono quindi dei dischi di terracotta che si mettevano a scaldare fra le braci del camino e che poi si impilavano inframezzate dall'impasto e foglie di castagno per aromatizzare finché non fosse ben cotto.

Le crescentine montanare, o tigelle, oggi si preparano in apposite tigelliere da mettere sul fuoco e si gustano affettate e farcite con pesto modenese, affettato, formaggi freschi e accompagnate da verdure sottaceto. Provate a prepararle con la nostra ricetta!

INGREDIENTI

INFORMAZIONI

  • 4 persone
  • 500 Kcal a porzione
  • difficoltà media
  • pronta in 2 ore e ½
  • si può preparare in anticipo
  • si può mangiare fuori

In quanti siete?

Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

    

VARIANTE VEGETARIANA

Sei vegetariano e vuoi realizzare questa ricetta?

Al posto dello strutto unire un paio di cucchiai di olio extravergine di oliva.

PREPARAZIONE

  • Setacciare la farina in una terrina ed unirvi il sale, mescolando accuratamente affinché i due ingredienti si miscelino il meglio possibile. E' importante fare in modo che non si formino agglomerati di sale, perché sarebbero in grado di far lievitare male l'impasto.
  • Miscelare il latte con l'acqua in un pentolino e far appena intiepidire su fiamma bassa, quindi sciogliervi il lievito.
  • Unire la miscela alla farina, assieme allo strutto.
  • Impastare fino ad amalgamare gli ingredienti, quindi portare il composto sulla spianatoia.
  • Lavorarlo di polso fintanto che si forma un impasto morbido ed elastico.
  • Formare una palla, inciderla a croce, coprirla e farla lievitare per almeno 1 ora in un luogo ben riparato.
  • Stendere la pasta con il matterello in una sfoglia di mezzo centimetro e con un tagliabiscotti rotondo del diametro di 8 centimetri ricavare le crescentine. Metterle tutte su un ripiano, coprirle con uno strofinaccio pulito e farle lievitare per un'altra mezz'ora.
  • Ungere con olio di semi di arachide la tigelliera e farla ben riscaldare sul fuoco.
  • Sistemare dentro ogni scomparto un pezzetto di pasta, chiudere e cuocere per un minuto circa per lato. Il tempo di cottura dipende molto dallo spessore del metallo e dall'altezza della fiamma. La cottura deve essere piuttosto rapida, ma non eccessivamente, altrimenti le crescentine bruciano fuori e non cuociono dentro.
  • Man mano che sono pronte metterle in un cestino ben avvolte in uno strofinaccio, che le manterrà calde.
  • Servire accompagnate da pesto modenese, affettato, formaggi freschi e verdure sottaceto.

STAGIONE

Ricetta per tutte le stagioni.

AUTORE

Ricetta realizzata da . Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

I suggerimenti di barbara

Se avanzano si conservano ottimamente, chiuse in un sacchetto, per 4-5 giorni. In alternativa si possono congelare e conservare così per 3 mesi circa. Una volta scongelate, però, consumarle entro 1 giorno. Per scongelare le crescentine lasciarle qualche ora a temperatura ambiente, quindi metterle nel forno caldo per una decina di minuti. Attenzione a che non secchino troppo.


www.lospicchiodaglio.it



Ti potrebbero interessare anche:

3 commenti su questa ricetta

Daniele ha detto:
Buonissime, anche io uso lo stampo con i fiori, è quello originale con le due torri di bologna e l'ho trovato in offerta sul sito del produttore (www.enricopruni.it) solamente BUONISSIME!!!!!!

Barbara Farinelli ha detto:
@luisa: bravissima, buon divertimento!!!

luisa ha detto:
tigelle o crescentine.le ho fatte domenica per la prima volta. Troppo buone,adesso invitero' un macello di amici

3 commenti su 3
 

Lascia un commento!!!

richiesto

richiesto, non sarà pubblicato

il tuo sito web