Questo sito contribuisce alla audience di

Acquisto di una vaporiera

di Barbara Farinelli

Rubriche La posta dei lettori Padelle, pentole, elettrodomestici

Domanda

Salve! Volevo comprare una vaporiera, ma girando tra i negozi ho visto molte marche e modelli. Inoltre ho visto anche quelle non elettriche, che mi sembrano più economiche. Volevo sapere intanto se sia meglio una elettrica o no (anche nel rapporto qualità-consumo), e se c'è una marca o modello migliore di altri.

Grazie
Alessandro


Risposta

Gent.mo Alessandro
Sono Barbara della redazione dello spicchio d'aglio, grazie innanziutto per averci scritto!

Le vaporiere in commercio sono essenzialmente di due tipi: quella tradizionale (o cestello a vapore) che si pone in un recipiente a bollore sul fuoco e quella elettrica.
Il cestello a vapore è da secoli utilizzato, pur in diverse varianti, ed appartiene principalmente alla cucina orientale. La vaporiera applica lo stesso principio per arrivare ad ottenere un elettrodomestico di più rapido e semplice utilizzo.

Noi della redazione le possediamo entrambe e ti posso dire quanto segue:

IL CESTELLO A VAPORE
Per il suo funzionamento occorre porre la pentola sul fuoco con la giusta quantità di liquido, portarla a bollore e mettere il cibo nell'apposito cestello. Chiudere bene con il coperchio e portare a cottura.
Esistono cestelli di vario tipo, a partire da quelli orientali, in bambù, da usare con il wok, fino ad arrivare a quelli più moderni, in acciaio. Alcuni cestelli si adattano a tutti i tipi di pentola, altri invece vengono venduti con il suo utensile.
Sempre indispensabile il coperchio.

LA VAPORIERA ELETTRICA
E' un elettrodomestico composto da un serbatoio da riempire di acqua e da una serie di cestelli, spesso anche impilabili, in cui mettere il cibo che deve cuocere. Anche in questo caso è indispensabile il coperchio. Azionato l'apparecchio esegue la cottura in autonomia.

Entrambi i metodi sono validi ed i risultati sono pressochè identici. Personalment prediligo la vaporiera elettrica, per i seguenti motivi:

  • è molto comoda, si sporcano meno stoviglie, si sciacqua facilmente;
  • lascia il fornello completamente libero;
  • è più facile da utilizzare: essendo graduata non si corre il rischio che l'acqua finisca prima della cottura dell'alimento, si corre meno il rischio di scottature, il cibo non può venir schizzato dall'acqua in ebollizione poichè è presente un filtro di protezione.

Per quanto riguarda i consumi, non so dirti esattamente quale sia la più economica. Per il cestello a vapore si consuma gas, per la vaporiera corrente elettrica.

Sulle marche, noi possediamo una Kenwood, che ci ha dato ottimi risultati ed è molto pratica e robusta. Ne ho sentito parlare molto bene anche da amici e colleghi. Ha un'ottima garanzia.

Nel caso optassi per una vaporiera elettrica ti consiglio di valutare attentamente:

  • il numero di cestelli impilabili. La nostra ne ha 3 e non ti nascondo che spesso è molto comodo usarli tutti o usarne due;
  • che disponga della vaschetta di cottura per il riso;
  • che disponga di un dispositivo per il rabbocco dell'acqua durante la cottura pratico e sicuro;
  • che abbia i cestelli trasparenti, sono molto comodi per tenere sott'occhio la cottura del cibo;
  • se ha i cestelli ovali può contenere anche il pesce intero.


Le vaporiere più moderne dispongono inoltre di sistemi di ricircolo d'aria tali che in tutti i cestelli, anche se impilati, la cottura avviene in modo uniforme e con lo stesso tempo. Nelle vaporiere stardard, infatti, i tempi di cottura variano in funzione del piano cui si trova l'alimento.

Ti lascio alcuni link su cui trovi altre informazioni:
http://www.trovaprezzi.it/prezzo_elettrodomestici-cucina_vaporiera.aspx

Spero di esserti stata di aiuto.
Ciao, grazie e continua a seguirci!
Barbara

www.lospicchiodaglio.it