Questo sito contribuisce alla audience di

Consigli alimentari in caso di diverticolite

di Dott. Luigi Schiavo

Rubriche II nutrizionista risponde Alimentazione e salute

Domanda

Buongiorno, da pochi mesi ho subìto un intervento di resezione del sigma a seguito di "diverticolite perforata", ma sono rimasti altri diverticoli. Mi hanno consigliato di seguire una dieta ricca di acqua di fibre insolubili e cereali integrali per ritrovare i giusti equilibri.
La mia domanda è: quale alimentazione seguire?

GRAZIE e cordiali saluti
Renato


Risposta

Carissimo Renato

I diverticoli sono delle estroflessioni sacciformi, ovvero delle erniazioni degli strati che compongono la parete intestinale a qualsiasi livello (esofago, duodeno, digiuno, ileo e vescica), con localizzazione elettiva a carico del colon e soprattutto del sigma. I diverticoli possono essere isolati o, più comunemente, numerosi e di diametro variabile. Con il termine diverticolosi ci si riferisce agli aspetti anatomici, ovvero alla presenza di diverticoli del colon. Per malattia diverticolare si intendono gli aspetti clinici, ossia la sintomatologia correlata alla presenza dei diverticoli. La diverticolite è una complicanza infiammatoria della diverticolosi.

Una delle cause principali dei diverticoli è una eccessiva pressione all'interno dell'intestino, causata da feci troppo secche e dure provocate da stipsi. Circa il 75-80% dei soggetti con diverticolosi rimangono asintomatici tutta la vita e spesso la diagnosi avviene casualmente. In tutti gli altri casi il paziente presenta disordini della motilità intestinale.

Tra le complicanze troviamo:

  1. Diverticolite: è una delle complicanze della diverticolosi e rappresenta un'infiammazione generalizzata della mucosa. Sintomi tipici sono: dolori addominali, febbre, disturbi gastrointestinali.
  2. Emorragie


Ecco alcune regole di carattere igienico sanitario che potranno alleviare questa fastidiosa patologia:

  • evitare la vita sedentaria;
  • fare una prima colazione abbondante;
  • consumare pasti regolari e non saltarli per nessun motivo;
  • andare in bagno regolarmente, a orari fissi (non rimandare!);
  • masticare bene e a lungo;
  • se necessario integrare l'alimentazione con fibre, come polvere di semi di lino o di psyllio;
  • bere molto, almeno 1,5-2 litri di liquidi nella giornata, anche fuori pasto (tè, acqua, orzo, tisane, decotto d'orzo, spremute, centrifugati di frutta e verdura);
  • assumere a cicli regolari fermenti lattici;
  • in caso di meteorismo non interrompere la dieta. Il problema si risolve in pochi giorni (eventualmente assumere carbone vegetale, tisane di semi di finocchio);
  • moderare il consumo di carne;
  • assumere, se tollerato, lo yogurt;
  • consumare cereali integrali (pane ben cotto o raffermo, pasta, orzo, riso, biscotti, grissini, fette biscottate), fiocchi d'avena, orzo, fiocchi di cereali;
  • consumare, aumentando gradualmente la quantità: verdura soprattutto carote, pomodori pelati e senza semi, scarola, sedano, cuori di carciofo, finocchi, spinaci, catalogna, funghi, punte di asparagi; frutta privilegiando mele, pere, arance, mele cotogne, albicocche fresche e secche;
  • consumare (valutandone la tollerabilità) cavolo, cavolfiore, broccoli, cavoletti di Bruxelles, legumi, prugne secche e fresche, uva (eliminando i semi);
  • si consiglia di asportare i semi e di evitare le varietà di frutta e verdura per le quali non è possibile allontanare le parti di fibra compatta: fichi, fragole, lamponi, ribes, more, kiwi, melograno, fagiolini, semi di girasole, nocciole e mandorle. In tal modo si vuole evitare che i semi o parti non ben frantumate con la masticazione rimangano intrappolate nei diverticoli infiammandoli;
  • evitare cioccolato, cibi piccanti, spezie (pepe, peperoncino, paprika), salse piccanti, bevande gassate, alcolici, vino, fritti, alcuni tipi di formaggi (gorgonzola, pecorino, provolone, Roquefort);
  • metodi di cottura consigliati: lessato, al vapore, al forno, alla griglia.

Durante le fasi acute (diverticolite) con dolori addominali diffusi e disturbi gastrointestinali sospendere la dieta ricca di fibre per alcuni giorni fino alla scomparsa dei sintomi e comporre il pasto con i seguenti alimenti:

  • pane bianco raffermo o tostato, grissini, crackers, fette biscottate, biscotti secchi;
  • pasta, riso, semolino (all'olio o burro crudo);
  • uova, carne, pesce, prosciutto cotto o crudo, bresaola, formaggi (in caso di disturbi gastrointestinali o meteorismo preferire parmigiano e groviera);
  • patate e carote lessate;
  • spremute filtrate o succhi al naturale;
  • centrifugati di verdura e frutta;
  • latte e yogurt (se tollerati);
  • acqua minerale naturale, tè orzo, tisane.


Distinti saluti
Dott. Luigi Schiavo, Caserta

 



Dott. Luigi SCHIAVO
Primo Policlinico, Seconda Università di Napoli, Ambulatorio di Chirurgia dell'obesità (IX Chirurgia Generale)
Nutrizionista (Numero Iscrizione Albo 055729)
Dottore di Ricerca [Settore Fisiologia, Endocrinologia e Metabolismo]
Socio SICOB [Società Italiana di Chirurgia dell'Obesità e delle Malattie Metaboliche]
Responsabile per la Regione Campania della Fondazione Italiana per la Lotta all'Obesità Infantile ONLUS

Esercita a:
CASERTA
Via F. Daniele 10 (angolo Via Roma-Corso Trieste), (Centro Medico VILLA ROSA), tel. 0823/1702419-22
LUSCIANO (CE)
Via Fratelli Cervi 3, tel. 334/5099818
MARCIANISE (CE)
Via Raffaele Musone 292 (Centro Medico), Tel. 0823/823616
NAPOLI
Via S. Tullio 101 (angolo Via Epomeo), (Studio Medico Polispecialistico GIFRAN), Telefono 081/7661730
ROMA
Via Tirone 11/13 (zona Marconi), presso Ufficio s.r.l., tel. 3345099818

sito web: www.schiavonutrizione.it
e-mail: posta@schiavonutrizione.it

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

6 consigli di salute e benessere se sei dei Pesci

Per essere felice questo segno ha bisogno di essere compreso, di mantenere la sua libertà e poter viaggiare. Ma anche di aiutare gli altri per sentirsi vivo.

Vai all'articolo »