Questo sito contribuisce alla audience di

Alcuni consigli alimentari in gravidanza

di Dott.ssa Letizia Saturni

Rubriche II nutrizionista risponde Gravidanza e allattamento

Domanda

Gentilissimi Medici,

sono una giovane donna di 31 anni che ha iniziato il settimo mese di gravidanza. Sono alta 169 cm e il mio peso iniziale era di 58,5 Kg. Al momento ne peso 66 Kg.
Ho sempre frequentato assiduamente la palestra e per quanto mi sia possibile lo sto ancora facendo. Ho adottato una scheda di allenamento molto soft basata prevalentemente sulla camminata tramite tapis roulant, cyclette e qualche esercizio leggero per gambe e braccia.

Durante l'ultimo controllo mensile presso la mia ginecologa, avvenuto agli inizi di gennaio, sono stata fortemente rimproverata per aver avuto un forte incremento di peso nell'arco di un solo mese (ben 3 kg). Mi è stato detto di non dover ingrassare un solo etto da lì alla prossima visita prevista per gli inizi di febbraio. Ma come è possibile?

Ne sono rimasta molto stupita perché la mia alimentazione è ricca di alimenti semplici e non elaborati. Avendo io un'intolleranza a lieviti e farine non integrali non faccio consumo di pasta, né pane né alimenti da forno in genere.
La mia dieta è abbastanza frugale; la mattina consumo un bicchiere di latte e dei biscotti per celiaci. A metà mattina e a metà pomeriggio un frutto o uno yogurt. A pranzo cerco di mangiare almeno due volte a settimana del riso oppure in alternativa carne o pesce o formaggio o due uova accompagnate da un abbondante contorno di verdure e un frutto. La cena è identica al pranzo prestando attenzione a cambiare gli alimenti in modo tale da assicurarmi una buona varietà di nutrienti.
Al posto del riso a volte mi concedo cereali tipo orzo, lenticchie, farro, etc. Se la sera prima di coricarmi ho fame consumo un bicchiere di latte o uno yogurt.

Non sono un'assidua consumatrice di dolci...ho una maggiore predisposizione per il salato anche se in gravidanza ho delle strane voglie di cioccolato che cerco di soddisfare pochissime volte a settimana (1 o 2 al massimo) a suon di qualche scaglia di cioccolato... non di più!

Mi sono fortemente meravigliata dell'incremento di peso anche perché visivamente tutti mi ritengono in linea! L'unica cosa che ho notato è una forte ritenzione di liquidi nella zona di fianchi e glutei... sto facendo dei linfodrenaggi per favorire un po' la situazione.

La ginecologa mi ha detto che tale ritenzione è causata dal fatto che mi muovo troppo, sovraffaticando il mio fisico e producendo alti livelli di cortisolo. E mi ha prescritto riposo adducendo al fatto che in gravidanza "si dimagrisce di più restando fermi!".

Vi chiedo aiuto, sia per darmi delle indicazioni alimentari adeguate per questi ultimi mesi di gestazione e per il periodo dell'allattamento... anche per tornare in forma abbastanza velocemente... e poi dei consigli per dosare l'attività fisica ora e nel periodo post parto, in modo tale da non sovraffaticare il fisico con sforzi dannosi.

Grazie fin d'ora per la vostra collaborazione.
Una mamma in trepida attesa


Risposta

Cara mamma in dolce attesa,
credo che la tua ginecologa abbia ragione: devi controllare il tuo peso o meglio devi controllare la tua dieta intesa come alimentazione e stile di vita. Va bene e fa bene muoversi, dalla passeggiata alla bicicletta, alla ginnastica dolce ma devi anche fare attenzione all'alimentazione.

Mi chiedevo come mai l'uso di prodotti privi di glutine. A mio avviso ti consiglierei di mangiare pasta o riso o minestrone con pasta o cereali oppure zuppe di legumi, un buon contorno di verdure e frutta fresca di stagione a pranzo. A cena puoi scegliere tra carne, pesce, uova, prosciutto crudo, formaggi freschi magri ai quali aggiungi sempre un contorno e un frutto. Anche la pizza una volta a settimana può entrare tranquillamente.

Il dolce cerca di controllarne e limitarne l'uso a 1-2 volte a settimana scegliendo tra dolci secchi (crostate, biscotti secchi) e non al cucchiaio (tiramisù, zuppa inglese...).

Mi raccomando bevi molta acqua. Per il periodo di allattamento ci risentiremo...

Un caro saluto
Dott.ssa Letizia Saturni

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

Violenza ostetrica: #BastaTacere

Spopola sui social e ci parla di violenza ostetrica. Ecco cos'è e da dove nasce #BastaTacere, la campagna delle donne contro gli abusi in sala parto

Vai all'articolo »