Questo sito contribuisce alla audience di

Consigli per evitare le abbuffate prima del ciclo

di Dott.ssa Sabrina Saltini

Rubriche II nutrizionista risponde Consigli alimentari

Domanda

Salve, sono una ragazza di 25 anni, ho passato un anno con problemi di amenorrea, infatti non ho avuto il ciclo per un anno intero. Il problema non si è risolto e adesso mi hanno prescritto la pillola anticoncezionale per cercare di risolverlo almeno momentaneamente. Mi sono accorta, da qualche mese, che la settimana prima del ciclo e per tutto il suo periodo mi gonfio come un palloncino e tendo ad abbuffarmi in modo esagerato e ad avere sempre un'estrema e incontrollabile voglia di dolci. E' possibile? Cosa posso fare per limitare questo problemino che ogni mese mette a dura prova la mia linea?! C'è qualcosa per evitare il gonfiore?

Grazie mille per l'attenzione.
Cordiali saluti
Elisa da Cremona


Risposta

Cara Elisa,

il tuo è un quesito che mi viene posto spessissimo dalle pazienti che accedono presso il mio studio. L'assetto ormonale che precede il mestruo causa una serie di variazioni del nostro organismo. Il tuo quadro sintomatico è tipico della cosiddetta sindrome pre-mestruale che caratterizza le donne in età fertile in maniera più o meno problematica a seconda dell'intensità. Le fluttuazioni premestruali dei livelli degli estrogeni causano una caduta dei livelli di serotonina nel cervello. Questo neurotrasmettitore è il più importante regolatore del tono dell'umore ecco perché una sua riduzione può associarsi ad alcuni sintomi come irritabilità, stanchezza, cambiamento d'umore, crisi di pianto, gonfiore addominale, tensione mammaria, disturbi dell'appetito con una ricerca di cibi dolci.

I disturbi sono variabili da donna a donna e in genere compaiono 4-7 giorni prima delle mestruazioni per poi migliorare a partire dal primo giorno di mestruazioni.

Per meglio affrontare questo periodo non esiste una ricetta ma una serie di atteggiamenti mentali ed abitudini sane che bisogna imparare a sostenere:

  • dormire otto ore per notte. Il sonno è il grande custode della nostra salute e la carenza cronica di sonno (quantitativa o qualitativa, quando il sonno è disturbato da frequenti risvegli) crea squilibri nella regolazione ormonale del ciclo mestruale, facilita la depressione e peggiora nettamente la sindrome premestruale;
  • ridurre lo stress quotidiano, con ridimensionamento dei compiti, individuando uno spazio, anche piccolo, di relax (per coltivarsi due fiori sul balcone o sul terrazzino, per un bagno alla sera, una lettura in pace, una tisana e po' di musica rilassante prima di dormire, per una pausa di bellezza, anche solo per guardare il cielo);
  • fare sport regolarmente: il movimento fisico consente di scaricare tensioni e aggressività in modo naturale, evitando che il sovraccarico di energia negativa si ripercuota sull'equilibrio ormonale e psichico;
  • ridurre o meglio abolire il sale ed i cibi precucinati che contengono glutammato di sodio o cloruro di sodio per ridurre la ritenzione idrica;
  • bere acqua naturale durante la giornata e svolgere pasti regolari, non abbondanti ma frequenti per ridurre la sensazione di fame che rende ancora più vulnerabili nei confronti di altre tentazioni.

Tutto quello che porta il corpo in equilibrio aiuta a rasserenare la nostra mente e a farci vivere in armonia.

Buon lavoro
Dott.ssa Sabrina Saltini

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

La nuova vita dei malati di sclerosi

Diventare mamme e fare sport agonistico fino a ieri erano due sogni impossibili. Oggi non più

Vai all'articolo »