Questo sito contribuisce alla audience di

Consigli alimentari con l'ernia iatale

di Dott.ssa Letizia Saturni

Rubriche II nutrizionista risponde Alimentazione e salute

Domanda

Salve,

mi chiamo Manu ho 32 anni alta 1.57 e peso 55 kg. Da qualche tempo ho problemi di digestione e pancia gonfia forse dovuti all'ernia iatale.
Cosa devo evitare per star meglio ed è vero che dovrò prendere delle medicine per lungo tempo? Quale dovrebbe essere la mia giusta alimentazione?

Un saluto e tante grazie
Manu da Forlì


Risposta

Salve Manu,

problemi di digestione e di gonfiore addominale possono essere correlati all'ernia iatale, ma non solo. Pasti consumati troppo velocemente, uno stile di vita un po' troppo sedentario e/o un'alimentazione poco equilibrata possono concorrere a questa sensazione che lei ha.

Comunque alcune indicazioni utili le trova di seguito:

DIETA
E' bene consumare diversi pasti durante la giornata. Il consumo di alcol, caffè, cioccolato, frutta acidula (agrumi), cipolle ed alimenti piccanti in genere, andrebbe limitato in quanto tende ad aumentare l'acidità dello stomaco risultando negativa anche per l'integrità della muscosa esofagea. Pasti abbondanti, specie se ricchi di grassi, allungano il tempo di permanenza del cibo all'interno dello stomaco aumentando la possibilità di reflussi gastrici.
Nelle due/tre ore successive al pasto è bene evitare di coricarsi o compiere lavori pesanti. La posizione orizzontale o il temporaneo aumento della pressione addominale potrebbero infatti facilitare la risalita del contenuto gastrico.
E' importante bere di più infatti saliva e liquidi proteggono le muscose esofagee dai succhi gastrici.

 

SMETTERE DI FUMARE
Il fumo e la secchezza orale favoriscono il reflusso acido.

NON ABUSARE DI ALCUNI FARMACI
Non abusare di fans (aspirina, ibuprofene, sedativi, tranquillanti, ...). Si consiglia in ogni caso di utilizzarli sempre sotto il controllo del medico, in modo da controllarne la compatibilità con la situazione in atto e trovando alternative idonee.

EVITARE I VESTITI ADERENTI
Aumentano la pressione sullo stomaco.

QUANDO SI DORME
Cercare di riposare appoggiando la testa sopra un cuscino, in questo modo la forza di gravità ostacolerà il reflusso. Per lo stesso motivo evitare di dormire con cuscini sotto la pancia.



Molti cari saluti
Dott.ssa Letizia Saturni

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

La nuova vita dei malati di sclerosi

Diventare mamme e fare sport agonistico fino a ieri erano due sogni impossibili. Oggi non più

Vai all'articolo »