Questo sito contribuisce alla audience di

Potrei essere intollerante all'aglio?

di Dott. Luigi Schiavo

Rubriche II nutrizionista risponde Intolleranze e allergie

Domanda

Buongiorno,

mi chiamo Ivana, ho 30 anni, vi scrivo per avere un consiglio: fin da bambina ho problemi dopo l'assunzione di aglio, sia crudo che cotto, e anche se ingerito in minime quantità; il giorno dell'assunzione non avverto alcun problema, il giorno successivo mi sveglio con forte mal di testa, giri di testa, nausea e mal di stomaco.
L'anno scorso ho fatto le prove allergologiche, sia cutanee che tramite prelievo sanguigno, ma non sono risultata allergica, e mi è stato detto che potrei essere intollerante.
Come posso fare per verificarlo? E in ogni caso se dovessi assumere inavvertitamente poche quantità d'aglio (in genere mi accorgo della sua presenza dopo il primo boccone) come posso combattere questi fastidiosi sintomi che mi bloccano per mezza giornata o più? Esistono dei farmaci? Qual è la sostanza tossica che scatena tutto?

Grazie.
Ivana da Firenze


Risposta

Carissima Ivana,

molto probabilmente sei intollerante a qualche principio attivo presente nell'aglio. Se si trattasse di allergia l'unico rimedio sarebbe quello di non mangiare aglio, ma trattandosi potenzialmente di un'intolleranza potresti provare un'alimentazione di esclusione, ovvero escludere l'aglio almeno per sei mesi per poi reinserirlo gradatamente in modo da recuperare la tolleranza verso tale alimento.
Purtroppo io non sono un sostenitore dei test di intolleranza di qualsiasi tipo essi siano in quanto la variabilità di risposta che danno è per adesso troppo elevata. Quando devo testare un'intolleranza a qualche mio/a assistito/a lo faccio con un esame in vivo, ovvero cerco di far evitare l'alimento per un certo tempo e capire se la sintomatologia migliora. In effetti tu questo esame lo hai fatto già in quanto riferisci che mangiando l'aglio hai dei problemi mentre se non lo mangi il sintomo scompare, quindi averne una conferma analitica non è molto importante.

Distinti saluti
Dott. Luigi Schiavo, Caserta



Dott. Luigi SCHIAVO
Primo Policlinico, Seconda Università di Napoli, Ambulatorio di Chirurgia dell'obesità (IX Chirurgia Generale)
Nutrizionista (Numero Iscrizione Albo 055729)
Dottore di Ricerca [Settore Fisiologia, Endocrinologia e Metabolismo]
Socio SICOB [Società Italiana di Chirurgia dell'Obesità e delle Malattie Metaboliche]
Responsabile per la Regione Campania della Fondazione Italiana per la Lotta all'Obesità Infantile ONLUS

Esercita a:
CASERTA
Via F. Daniele 10 (angolo Via Roma-Corso Trieste), (Centro Medico VILLA ROSA), tel. 0823/1702419-22
LUSCIANO (CE)
Via Fratelli Cervi 3, tel. 334/5099818
MARCIANISE (CE)
Via Raffaele Musone 292 (Centro Medico), Tel. 0823/823616
NAPOLI
Via S. Tullio 101 (angolo Via Epomeo), (Studio Medico Polispecialistico GIFRAN), Telefono 081/7661730
ROMA
Via Tirone 11/13 (zona Marconi), presso Ufficio s.r.l., tel. 3345099818

sito web: www.schiavonutrizione.it
e-mail: posta@schiavonutrizione.it

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

Differenza tra allergie e intolleranze alimentari

Indicano entrambe una reazione indesiderata dell'organismo al contatto con una determinata sostanza, ma non sono la stessa cosa

Vai all'articolo »