Questo sito contribuisce alla audience di

Ho da tempo una serie di dubbi riguardo il mio peso forma

di Dott.ssa Gloria M. Barraco

Rubriche II nutrizionista risponde Consigli alimentari

Domanda

Buongiorno, le scrivo perchè ho da tempo una serie di dubbi riguardo il mio peso forma, e non solo ma il mio regime alimentare, che vorrei togliermi parlando con un esperto.

Premetto che sono una ragazza di 18 anni, pesavo fino a giugno 68 kg e durante l'estate con lo sport, e riducendo le razioni di cibo, sono riuscita ad arrivare al peso di 59 kg (sono alta 1 e 70). Purtroppo ora che è iniziato l'inverno non posso più correre e mi sono data alla cyclette (1 ora al giorno per 4 giorni la settimana) soltanto che è molto stressante e spesso mi rende di cattivo umore. Ho paura che riducendo le ore di "sport fai da te" il mio peso aumenti e ne sono a dir poco ossesionata! Come il fatto che al sabato usualmente mangio la pizza (ricotta e spinaci ) e ho sempre paura di aumentare di peso.

La mia alimentazione consiste in 125 ml di latte con 4 biscotti "Colussi" (31 calorie ciascuno), un'arancia o una mela per merenda verso le 11, un bel piattone di pasta ben condita e una mela per pranzo e alla sera carne o pesce con verdura e comunque sia non mi faccio problemi a mangiare qualsiasi ricetta nuova mia mamma faccia anche perchè ho perso 9 kg e non vorrei perdere ancora peso. Ho letto qualcosa in internet riguardo la dieta di mantenimento ma non ho ben capito come funzioni o di che cosa si tratti. secondo lei il regime alimentare che seguo è corretto? Riguardo lo sport secondo lei potrei ingrassare riducendo a 2 volte alla settimana la seduta di cyclette? E riguardo la dieta di mantenimento?

Grazie!
Milena da Treviso


Risposta

Cara Milena,

uno stile di vita (regime alimentare e attività fisica) che rende di “cattivo umore” non è, di certo, quello giusto! Sulla base dei dati che mi hai fornito, ho potuto calcolare il tuo indice di massa corporea (IMC) e rientri nel range del normopeso. È più che noto che da solo l’IMC non ci dice tanto, l’ideale sarebbe, infatti, la valutazione della tua composizione corporea, ma a distanza ci accontentiamo di questo dato. Ti consiglio, in primo luogo, di non affannarti, dunque, dietro a quella caloria in più o in meno, né tantomeno dietro all’indecisione del concederti o meno una pizza.

Piuttosto, magari con l’aiuto di un esperto, come tu stessa ritieni importante, liberati, gradualmente, dallo stretto regime alimentare spesso fatto di rinunce e privazioni che hai seguito finora e dalle lunghe ore passate a correre o a fare cyclette che, a quanto mi racconti, ti hanno reso di cattivo umore.

Più che di una dieta di mantenimento, ti consiglio di acquisire uno stile di vita che ti permetta, prima di tutto, di stare bene con te stessa, delle abitudini alimentari e di movimento che ti permettano di liberarti dall’uso di bilance, misurini e conta calorie e di mantenere attivo al 100% il tuo metabolismo.

Come? Mantieni la sana abitudine di consumare 5 pasti al giorno e di non lasciare mai a digiuno per un tempo prolungato il tuo corpo. Non saltare mai la colazione che è, dopo una notte di digiuno, il segnale di attivazione più importante che tu possa dare al tuo corpo; fai una colazione abbondante; va bene latte e biscotti ma puoi variare nell’arco della settimana, per esempio, con yogurt e cereali o thè e fette biscottate o una spremuta e del pane…non saltare gli spuntini, che hai imparato a fare a base di frutta e va benissimo; a pranzo e a cena cerca di associare una fonte di carboidrati che sia pane, pasta, patate, che sia la pizza (perché mantenersi non vuol dire rinunciare alle uscite e alla pizza con gli amici) a una fonte di proteine che sia pesce, carne bianca o rossa, che siano i legumi, il formaggio o le uova. Varia, varia, varia nell’arco della settimana. Aggiungi sempre una bella porzione di ortaggi, crudi e cotti, vivi e colorati. Idratati con abbondante acqua durante tutta la giornata.

Quanto al movimento, mantieniti attiva senza vincoli, e con piacere… se ti rende triste stare ore intere alla cyclette, ma ti va di fare uno sport, provane qualcuno e scegline uno che ti piaccia, che ti faccia sentire bene e che ti permetta anche, magari, di stare con gli altri se è uno sport di squadra, per esempio. Oppure, se non ti va di fare uno sport, nel tuo caso specifico basterebbe usare le scale piuttosto che l’ascensore, approfittare delle uscite con gli amici per fare delle passeggiate, andare a piedi a scuola, e fare del movimento il proprio hobby quotidiano senza stress.

Basta seguire questi pochi piccoli consigli e, di certo, non sarà quella pizza, quel di più che ti concederai nei weekend o quando esci con gli amici o quella ora in meno passata alla cyclette a farti prendere peso. Lo sport non deve diventare un ossessione. Deve essere un piacere. Il cibo è piacere non una punizione.

Ultimo ma importantissimo consiglio non pesarti troppo spesso: per più della metà siamo fatti di acqua, le normali oscillazioni da un giorno all’altro di quel numeretto che leggi sulla bilancia sono, nella maggior parte dei casi, correlate ai cambiamenti dello stato di idratazione e non, di certo, all’aumento della massa grassa.

Spero di esserti stata d’aiuto

Cordialmente
Dott.ssa Gloria Barraco



Dott.ssa Gloria M. Barraco

Biologo Nutrizionista
gloriabarraco.nutrizionista@gmail.com
Seguimi su facebook: Officina del Nutrizionista

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

Crioterapia: cos'è e a cosa serve

Letteralmente la crioterapia è la "cura con il freddo", ma il freddo di cui si parla non è semplice ghiaccio, bensì una temperatura mai avvertita in natura

Vai all'articolo »