Questo sito contribuisce alla audience di

Ho le transaminasi alte, dipende dalla dieta?

di Dott. Francesco Morano

Rubriche II nutrizionista risponde Alimentazione e salute

Domanda

Salve,

ho scoperto di avere il valore delle transaminasi più alto della norma e il mio dottore mi ha consigliato una dieta (però) non esaustiva secondo il mio parere.
Inoltre, ho trovato discordanze tra gli alimenti consigliati/sconsigliati dal dottore e qualche lista trovata in qualche sito online.

Vorrei sapere la vostra opinione a riguardo (possibilmente con una lista dettagliata di alimenti permessi e vietati).

Grazie per la possibilità di questa richiesta.
Buon lavoro.

Federico da Ruffano


Risposta

Gentile Federico,

bisognerebbe valutare quanto alto è il valore delle transaminasi e cosa si nasconde precisamente dietro queste transaminasi alte. Magari il suo medico le avrà consigliato delle analisi aggiuntive e/o un'ecografia epatica per poter valutare di cosa si tratta. Certo è che quando il valore delle transaminasi è alto, vuol dire che, per un qualche motivo, il fegato sta soffrendo.

Potrebbe dipendere dalla dieta? Potrebbe. Uno stile di vita non sano con scarsa attività fisica ed un'alimentazione poco varia, squilibrata in micro e macronutrienti, magari eccessivamente ricca di zuccheri semplici, alimenti raffinati e il consumo di alcool potrebbero incidere negativamente sulla salute epatica. Ma così a distanza e con i pochi dati fornitimi non sono in grado di poterle stilare una lista di alimenti permessi/proibiti ammesso che questo sia possibile.

Ogni caso patologico è a se stante e bisogna vederlo e conoscerlo da vicino.

Un cordiale saluto,

Dott. Francesco Morano



Dott. Francesco Morano

Biologo Nutrizionista
francescomorano.nutrizionista@gmail.com
Seguimi su facebook: Officina del Nutrizionista

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

Osteopatia pediatrica: che cos'è e cosa cura

Si tratta di medicina preventiva: la 'terapia' per il trauma da parto che il neonato subisce alla nascita oppure la riattivazione del meccanismo di respirazione primario.

Vai all'articolo »