Questo sito contribuisce alla audience di

Ho un'intolleranza a tanti tipi di cibi

di Dott.ssa Letizia Saturni

Rubriche II nutrizionista risponde Intolleranze e allergie

Domanda

Buongiorno,
un anno fa dopo mesi di sofferenza mi hanno diagnosticato il clostidium difficile. Purtroppo non hanno subito individuato la mia patologia. Mi hanno dovuto ricoverare perché con gli antibiotici che mi avevano somministrato non riuscivo più a mangiare e a bere.
Una volta uscita dall'ospedale non riuscivo a mangiare la maggior parte dei cibi. Passato un anno non riesco ancora a mangiare molti cibi. Ho fatto dei test per capire se ero intollerante al lattosio ma è risultato negativo anche se io non riesco a mangiarli. Non mangio più neanche cibi fritti ne legumi. Come posso riuscire a rimangiare tutto?

Laura


Risposta

Buongiorno Laura,

purtroppo il Clostridium difficile non sempre viene diagnosticato facilmente e successivamente non è facile da curare.

Per quanto riguarda l'alimentazione non ci sono indicazioni particolari. La sua sicuramente è una situazione destinata a cambiare. I tempi non sono prevedibili, perché sono legati a fattori peculiari per ciascun soggetto.

I formaggi possono essere sostituiti con latte, yogurt, senza mai smettere di assaggiare le diverse tipologie di formaggio, provando anche le diverse modalità di preparazione. Sicuramente tornerà a mangiarne. I legumi possono essere sostituiti da altre fonti proteiche, pesce, carne, uova... ma anche in questo caso l'assaggio deve rimanere.

Per i cibi fritti direi invece di non preoccuparsi, anzi ha tutto da guadagnare! Gli alimenti fritti, sicuramente molto buoni, sono da tenere sotto controllo e da limitarne il consumo per il loro elevato apporto calorico, per la difficile digeribilità e per la formazione di composti - durante la frittura - con effetti negativi sulla salute.

Un caro saluto
Dott.ssa Letizia Saturni

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

Allergie alimentari? Ecco come leggere le etichette degli alimenti

Cosa dice la legge a proposito delle etichette dei prodotti confezionati, per tutelara la salute dei consumatori dal rischio di allergie alimentari

Vai all'articolo »