Questo sito contribuisce alla audience di

Da quando lavoro soffro di fame nervosa

di Dott.ssa Letizia Saturni

Rubriche II nutrizionista risponde Fame

Domanda

Salve, ho 23 anni e sono alta 1.67, da quando ho cominciato a lavorare penso di soffrire della così detta "fame nervosa", in passato ho avuto problemi di tipo alimentare e ho quasi rischiato l'anoressia. Il mio problema è che purtroppo sfogo il mio nervosismo e lo stress mangiando, il più delle volte mangiando cose sbagliate come ad esempio il dolce dopo i pasti.
Fortunatamente non ingrasso facilmente e vado 2 volte a settimana in palestra, però soffro di gastrite e colite e questo mio disordine alimentare aggrava il mio stato di salute.

Volevo sapere se potete consigliarmi dei rimedi per evitare di cedere alla tentazione nervosa che quasi tutti i giorni mi colpisce... insomma vorrei un vostro consiglio.

Grazie
Anonima da Bologna


Risposta

Gentile lettrice,

è molto importante distinguere la fame nervosa dalla fame biologica. La prima si manifesta con un atto di alimentare intriso di significati affettivi, psicologici, antropologici e rituali che sono da sempre alla base di questo momento. La fame biologica, invece è un segnale che porta il soggetto alla ricerca di cibo per soddisfare le esigenze nutrizionali.

Una volta imparato a differenziare le due situazioni, si può più facilmente imparare a soddisfare soltanto la fame biologica. Inoltre è corretto, come lei sta facendo, associare una buona attività fisica, che aiuta a migliorare il tono dell'umore e a tenere sotto controllo momenti di maggiore tensione, e quindi a ridurre l'eating emozionale. Uno stile di vita attivo contribuisce inoltre al mantenimento del normopeso.

Cordiali saluti
Dott.ssa Letizia Saturni

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

I 7 peccati di gola che non fanno male alla linea

Niente carboidrati né dolci e altre golosità. Ma siamo sicuri che rinunciare a tutti i cibi che piacciano aiuti a restare in forma? Se fatti con equilibrio gli strappi alla regola non fanno male, anzi...

Vai all'articolo »