Questo sito contribuisce alla audience di

Quanto aglio mangiare al giorno per trarne beneficio?

di Dott. Luigi Schiavo

Rubriche II nutrizionista risponde Alimenti

Domanda

Buongiorno ho 42 anni ed ho scoperto da poco i benefici fantastici dell'aglio mangiato crudo. Adesso però mi chiedo quanto aglio si può mangiare al giorno, per quanto tempo (mesi alterni - stagionalmente o sempre tutti i giorni) ed è meglio al mattino a digiuno? Io ho cominciato con mangiarne 1/2 spicchio al giorno e penso di arrivare a mangiarne massimo 1 al giorno non di più (è un grosso sacrificio).
Dimenticavo e meglio masticarlo o ingoiarlo così si evita di avere cattivo odore all'alito?

Ringrazio per la risposta che riceverò
Tania da Barletta


Risposta

Carissima Tania,

l'aglio può essere considerato un alimento-medicamento. Recenti studi hanno dimostrato che un consumo abituale di aglio porta ad una significativa riduzione dei livelli di colesterolo plasmatici, svolgendo anche un ruolo importante nella prevenzione dell'aterosclerosi.

Le sue peculiari proprietà medicamentose sono da attribuire alla presenza di solfuro di allile ma anche ad altri composti solforati come l'ajoene e l'allicina. Recentemente sono state attribuite all'aglio anche proprietà antitumorali infatti è stato provato - in provetta - che sostanze estratte dall'aglio sono in grado di ostacolare la formazione di molecole con ben documentata attività cancerogena.

L'efficacia del principio attivo dell'aglio è massima nell'aglio fresco e crudo (circa 1 spicchio). L'odore caratteristico dell'aglio è dovuto a numerosi composti organici di zolfo tra cui il solfuro di diallile e l'allicina. Alcuni consigliano, non per eliminare ma almeno per minimizzare il problema, di asportare dall'aglio il cosiddetto "cuore" ovvero quel piccolo bulbo interno che rappresenta la parte a più alto contenuto di tali composti organici. Io invece, mangio una caramella all'anice e mastico un paio di chicchi di caffè.

In conclusione, le proprietà benefiche dell'aglio sono indubbie tanto che anche la moderna farmacologia lo utilizza per preparare dei medicamenti. Naturalmente l'aglio fresco è significativamente più efficace delle altre forme che ci vengono proposte in commercio. Purtroppo nonostante le sue proprietà non è ne consigliabile, ne necessario farne abuso in quanto più di uno spicchio di aglio crudo al giorno può causare in soggetti predisposti irritazioni alle pareti intestinali. Infatti io consiglio di utilizzarlo con cautela a persone con alterazioni della coagulazione, gastrite, ulcera peptica ed in presenza di bruciori gastro-enterici ed anemia.

Quindi moderazione, come in tutte le cose.

Serena giornata
Dott. Luigi Schiavo



Dott. Luigi SCHIAVO
Primo Policlinico, Seconda Università di Napoli, Ambulatorio di Chirurgia dell'obesità (IX Chirurgia Generale)
Nutrizionista (Numero Iscrizione Albo 055729)
Dottore di Ricerca [Settore Fisiologia, Endocrinologia e Metabolismo]
Socio SICOB [Società Italiana di Chirurgia dell'Obesità e delle Malattie Metaboliche]
Responsabile per la Regione Campania della Fondazione Italiana per la Lotta all'Obesità Infantile ONLUS

Esercita a:
CASERTA
Via F. Daniele 10 (angolo Via Roma-Corso Trieste), (Centro Medico VILLA ROSA), tel. 0823/1702419-22
LUSCIANO (CE)
Via Fratelli Cervi 3, tel. 334/5099818
MARCIANISE (CE)
Via Raffaele Musone 292 (Centro Medico), Tel. 0823/823616
NAPOLI
Via S. Tullio 101 (angolo Via Epomeo), (Studio Medico Polispecialistico GIFRAN), Telefono 081/7661730
ROMA
Via Tirone 11/13 (zona Marconi), presso Ufficio s.r.l., tel. 3345099818

sito web: www.schiavonutrizione.it
e-mail: posta@schiavonutrizione.it

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

Let's go Donne Moderne: le ricette del nostro aperitivo con le lettrici

Sai come si prepara il mojito? E lo spritz? Te lo spieghiamo noi! E ti forniamo anche tanti consigli per realizzare aperitivi perfetti

Vai all'articolo »