Questo sito contribuisce alla audience di

Questa dieta che mi è stata data è giusta?

di Dott. Luigi Schiavo

Rubriche II nutrizionista risponde Diete

Domanda

Salve,

la dieta che sto seguendo mi è stata data da una naturopata per perdere 2-3 kg soprattutto dalla vita in giù. Sono alta 1.66 m peso 57 kg (tutti concentrati dalla vita in giù), ho 44 anni.

Faccio l'ellittica per 40 minuti (fase aerobica) 3 volte la settimana.
La dieta consiste:

  • Colazione: a digiuno una pastiglia di PHYTHOPLUS CELL (laminaria digitata, spirulina, palmaria), latte e 4 fette biscottate con un velo di marmellata.
  • Metà mattina: un frutto
  • Pranzo: a digiuno una pastiglia di PHYTHOPLUS CELL, carboidrati con sughi alle verdure (posso mangiarne anche 2 hg), verdura, un pezzo di pane.
  • Metà pomeriggio: (prima delle 17.00) un frutto o gelato alla frutta.
  • Cena: proteine (pesce-carne quantità non definite anche un pollo intero/salumi/formaggi/uova q.tà limitate), passati di verdura, verdura.
  • Bere tanta acqua
  • Le patate sono da considerarsi verdure (quindi ne posso mangiare a volontà)
  • I legumi sono considerati proteine (quindi se mangio una minestra di fagioli non posso introdurre altre proteine)
  • Attenzione: ASSOLUTAMENTE non si può mischiare carboidrati con proteine
  • Alla sera prima di coricarsi una pastiglia di DRAIN (rafano) dovrebbe farmi sgonfiare

Gentilmente vorrei sapere soprattutto se queste pastiglie (che dovrei prendere per sempre) fanno male alla salute, e se una dieta così è giusta o sbagliata?

In attesa di una Vostra gradita risposta Vi saluto e faccio i miei complimenti.
Milena da Alessandria


Risposta

Carissima Milena,

a mio modesto parere, per perdere 2-3 chilogrammi non si dovrebbe ricorrere a diete particolari e soprattutto all'assunzione di integratori.

Comunque se ha deciso di intraprendere questo percorso, l'importante è che poi lo porti avanti per sempre in quanto non appena comincerà ad alimentarsi in modo diverso, ed ad non assumere più tali sostanze, le assicuro che riprenderà il peso perso.

Se fossi in lei continuerei a praticare attività fisica e dal punto di vista alimentare mi limiterei ad avere uno stile alimentare vario ed equilibrato che comprenda tutti i nutrienti che la nostra dieta Mediterranea ci mette a disposizione. Il risultato che otterrebbe sarebbe lo stesso se non migliore e soprattutto non dimagrirebbe il portafoglio.

Serena giornata
Dott. Luigi Schiavo



Dott. Luigi SCHIAVO
Primo Policlinico, Seconda Università di Napoli, Ambulatorio di Chirurgia dell'obesità (IX Chirurgia Generale)
Nutrizionista (Numero Iscrizione Albo 055729)
Dottore di Ricerca [Settore Fisiologia, Endocrinologia e Metabolismo]
Socio SICOB [Società Italiana di Chirurgia dell'Obesità e delle Malattie Metaboliche]
Responsabile per la Regione Campania della Fondazione Italiana per la Lotta all'Obesità Infantile ONLUS

Esercita a:
CASERTA
Via F. Daniele 10 (angolo Via Roma-Corso Trieste), (Centro Medico VILLA ROSA), tel. 0823/1702419-22
LUSCIANO (CE)
Via Fratelli Cervi 3, tel. 334/5099818
MARCIANISE (CE)
Via Raffaele Musone 292 (Centro Medico), Tel. 0823/823616
NAPOLI
Via S. Tullio 101 (angolo Via Epomeo), (Studio Medico Polispecialistico GIFRAN), Telefono 081/7661730
ROMA
Via Tirone 11/13 (zona Marconi), presso Ufficio s.r.l., tel. 3345099818

sito web: www.schiavonutrizione.it
e-mail: posta@schiavonutrizione.it

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

Adele è dimagrita 30 chili con la dieta Sirt

Scoperto il segreto del dimagrimento della cantante, ora si punta sul gene magro per sfruttare le virtù di alcuni alimenti e perdere peso.

Vai all'articolo »