Questo sito contribuisce alla audience di

Ho smesso di fumare... e se ingrassassi?

di Dott. Luigi Schiavo

Rubriche II nutrizionista risponde Alimentazione e salute

Domanda

Buongiorno,

ho smesso di fumare da qualche settimana, poi ho letto un articolo che in merito alla cosa esponeva il problema dell'aumento di peso corporeo, dovuto alla mancanza di assunzione di nicotina e non alla variazione delle abitudini alimentari, bensì al cessare dell'azione anoressizzante della nicotina e ad un rallentamento del metabolismo.

Paragonavano la cosa a quel che succede nell'organismo di uno sportivo che cessa la sua attività, e pur mantenendo invariate le abitudini alimentari, si trova con un quantitativo di calorie in eccesso! Non nascondo che la cosa mi crei un certo turbamento interiore.

Conduco un regime alimentare piuttosto regolare, mi concedo qualcosa di dolce a fine pasto (può essere anche solo 1 biscotto o un paio di cucchiaini di miele), e nel fine settimana se ceno fuori, bevo un paio di calici di vino rosso, per il resto utilizzo poco condimento ed esclusivamente di tipo vegetale, mangio riso in bianco, pochi formaggi, molte verdure, carne bianca e pesce. Per 5 giorni alla settimana cammino per circa 1 ora, oppure se il tempo non consente, pedalo per 30 minuti con la cyclette.

Cosa posso fare oltre a questo, per evitare di trovarmi spiacevoli kg in più addosso, e finire depressa davanti allo specchio, invece che fiera per aver abbandonato la mia terribile dipendenza?

Grazie
Manuela da Porto Sant'Elpidio


Risposta

Carissima Manuela,

in genere quando una persona smette di fumare (e le faccio innanzitutto i miei complimenti per averlo fatto) l'eventuale aumento di peso che si verifica è attributo solo in minima parte alla mancanza di nicotina, ma in gran parte al fatto che il soggetto in questione sostituisce la gratificazione data dalla nicotina con quella data dagli alimenti con conseguente incremento dell'introito calorico e quindi aumento di peso.

Con il tempo l'organismo ritroverà i suoi giusti equilibri e quel minimo impatto sul peso dato dalla mancanza di nicotina non sarà più significativo. Le consiglio dunque di continuare ad avere un'alimentazione varia ed equilibrata e di continuare con costanza a praticare attività fisica. Vedrà che non si pentirà di aver smesso di fumare.

Serena giornata
Dott. Luigi Schiavo, Caserta



Dott. Luigi SCHIAVO
Primo Policlinico, Seconda Università di Napoli, Ambulatorio di Chirurgia dell'obesità (IX Chirurgia Generale)
Nutrizionista (Numero Iscrizione Albo 055729)
Dottore di Ricerca [Settore Fisiologia, Endocrinologia e Metabolismo]
Socio SICOB [Società Italiana di Chirurgia dell'Obesità e delle Malattie Metaboliche]
Responsabile per la Regione Campania della Fondazione Italiana per la Lotta all'Obesità Infantile ONLUS

Esercita a:
CASERTA
Via F. Daniele 10 (angolo Via Roma-Corso Trieste), (Centro Medico VILLA ROSA), tel. 0823/1702419-22
LUSCIANO (CE)
Via Fratelli Cervi 3, tel. 334/5099818
MARCIANISE (CE)
Via Raffaele Musone 292 (Centro Medico), Tel. 0823/823616
NAPOLI
Via S. Tullio 101 (angolo Via Epomeo), (Studio Medico Polispecialistico GIFRAN), Telefono 081/7661730
ROMA
Via Tirone 11/13 (zona Marconi), presso Ufficio s.r.l., tel. 3345099818

sito web: www.schiavonutrizione.it
e-mail: posta@schiavonutrizione.it

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

La nuova vita dei malati di sclerosi

Diventare mamme e fare sport agonistico fino a ieri erano due sogni impossibili. Oggi non più

Vai all'articolo »