Questo sito contribuisce alla audience di

Tiroidite autoimmune e alimenti

di Dott. Luigi Schiavo

Rubriche II nutrizionista risponde Alimentazione e salute

Domanda

Buongiorno,
mi è stata riscontrata una tiroidite autoimmune allo stato iniziale con i valori degli anticorpi fuori quadro, ma non mi è stata prescritta nessuna terapia endocrina. Vorrei sapere quali sono gli alimenti positivi, cioè quelli che migliorano la funzionalità tiroidea e quelli negativi. Faccio attività fisica (ho un cane) e non ho un lavoro sedentario, sono sempre in movimento.

Il sale iodato è consigliato? Alimenti che contengono più iodio vanna bene?
Grazie per le indicazioni,
Titti da Novara


Risposta

Carissima Titti,

presuppongo che quando parla di tiroidite autoimmune con valori anticorpali fuori range si riferisca agli anticorpi anti-perossidasi ed anti-tireoglobulina.

Se il suo endocrinologo non ha ritenuto opportuna una terapia farmacologica sostitutiva, vuol dire che la sua funzione tiroidea è nella norma, nel senso che nonostante i valori anticorpali alterati, i valori di FT3, FT4 e TSH sono nella norma.

In questo caso, dal punto di vista strettamente alimentare, particolari accortezze da seguire non c'è ne sono anzi la esorto a diffidare dalle diete indicate in rete che promettono di incrementare la funzionalità tiroidea aggiungendo o eliminando determinati cibi in quanto non hanno, per adesso, alcun riscontro e fondamento scientifico.

Se invece ha riscontrato anche una ridotta sintesi degli ormoni tiroidei, il discorso cambia un pochino in quanto potrebbe essere utile limitare quegli alimenti con effetto cosiddetto goitrogeno quali semi di rapa, cavolo, cavolini di Bruxelles, broccoli, cavolfiori e patate dolci. Da consigliare invece alghe, pesce, barbabietole e radicchio.
Inoltre se un giorno dovesse cominciare una terapia farmacologica sostitutiva, ad esempio con Eutirox, limitare carne, latte e latticini, uova e frumento la aiuterà certamente a normalizzare gli anticorpi anti-tireoglobulina ed a ridurre significativamente quelli anti-tireoperossidasi.

Infine sostituire il comune sale da cucina con del sale iodato è consigliabile.

Serena giornata
Dott. Luigi Schiavo, Caserta



Dott. Luigi SCHIAVO
Primo Policlinico, Seconda Università di Napoli, Ambulatorio di Chirurgia dell'obesità (IX Chirurgia Generale)
Nutrizionista (Numero Iscrizione Albo 055729)
Dottore di Ricerca [Settore Fisiologia, Endocrinologia e Metabolismo]
Socio SICOB [Società Italiana di Chirurgia dell'Obesità e delle Malattie Metaboliche]
Responsabile per la Regione Campania della Fondazione Italiana per la Lotta all'Obesità Infantile ONLUS

Esercita a:
CASERTA
Via F. Daniele 10 (angolo Via Roma-Corso Trieste), (Centro Medico VILLA ROSA), tel. 0823/1702419-22
LUSCIANO (CE)
Via Fratelli Cervi 3, tel. 334/5099818
MARCIANISE (CE)
Via Raffaele Musone 292 (Centro Medico), Tel. 0823/823616
NAPOLI
Via S. Tullio 101 (angolo Via Epomeo), (Studio Medico Polispecialistico GIFRAN), Telefono 081/7661730
ROMA
Via Tirone 11/13 (zona Marconi), presso Ufficio s.r.l., tel. 3345099818

sito web: www.schiavonutrizione.it
e-mail: posta@schiavonutrizione.it

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

Ginnastica dolce: 5 esercizi per collo e schiena

Se la cattiva postura ti provoca spesso nevralgie al collo e alla schiena, con questi esercizi di ginnastica dolce ritroverai il benessere e sconfiggerai il dolore

Vai all'articolo »