Questo sito contribuisce alla audience di

Transaminasi alte: cosa fare?

di Dott. Luigi Schiavo

Rubriche II nutrizionista risponde Alimentazione e salute

Domanda

Dott. Luigi Schiavo,
le scrivo per chiederle consigli alimentari per il mio ragazzo.

Il mio ragazzo ha 34 anni, pesa 102 chilogrammi, è alto 180 cm, di corporatura robusta (giocava a Rugby), non fa uso di droghe, non fuma. Ha livelli di bilirubina superiori a 2 costituzionalmente, gli è stata diagnosticata la sindrome di Gilbert.

Dalle ultime analisi del sangue ha i livelli di trasaminasi più alti di 5 punti rispetto al massimo. Ha da subito sospeso l'assunzione di alcolici (l'unica bibita alcolica di cui fa uso è qualche bicchiere di vino rosso ai pasti). Io gli ho consigliato una dieta priva di grassi, fritti, cioccolata, uova, carni rosse, caffè.

Quale potrebbe essere un percorso alimentare per aiutarlo, senza troppi sacrifici, a far tornare gli enzimi epatici nella norma? Può condire le verdure con aceto? Dopo quanto tempo è giusto ripetere le analisi del sangue?

La ringrazio per la gentile attenzione.
PS:(gli antigeni per le epatiti e HIV sono negativi)
A.R.


Risposta

Carissima lettrice,

per quanto riguarda la Sindrome di Gilbert è, come sicuramente le avranno già detto, una condizione che non necessita di alcuna cura farmacologica e/o trattamento medico di alcun tipo. Sono solo da evitare digiuni ed attività fisica particolarmente stressanti per l'organismo in quanto rappresentano i fattori che maggiormente determinano un aumento dei livelli di bilirubina.

Per quanto riguarda invece il discorso transaminasi, non mi preoccuperei più di tanto di una variazione di soli 5 punti a carico di GOT o di GPT in quanto un regime alimentare ipocalorico (in quanto penso che qualche chiletto il suo ragazzo lo debba perdere) che veda limitati i grassi saturi (es, carne rossa e formaggi), le fritture, gli alcolici a favore dei grassi insaturi (es. pesce azzurro), della frutta, della verdura (condita con limone), dei legumi abbinati con cereali, riporterà certamente i valori nella norma. Io le consiglierei di ripetere le analisi almeno raggiunti i 95 Kg.

Serena giornata
Dott. Luigi Schiavo, Caserta



Dott. Luigi SCHIAVO
Primo Policlinico, Seconda Università di Napoli, Ambulatorio di Chirurgia dell'obesità (IX Chirurgia Generale)
Nutrizionista (Numero Iscrizione Albo 055729)
Dottore di Ricerca [Settore Fisiologia, Endocrinologia e Metabolismo]
Socio SICOB [Società Italiana di Chirurgia dell'Obesità e delle Malattie Metaboliche]
Responsabile per la Regione Campania della Fondazione Italiana per la Lotta all'Obesità Infantile ONLUS

Esercita a:
CASERTA
Via F. Daniele 10 (angolo Via Roma-Corso Trieste), (Centro Medico VILLA ROSA), tel. 0823/1702419-22
LUSCIANO (CE)
Via Fratelli Cervi 3, tel. 334/5099818
MARCIANISE (CE)
Via Raffaele Musone 292 (Centro Medico), Tel. 0823/823616
NAPOLI
Via S. Tullio 101 (angolo Via Epomeo), (Studio Medico Polispecialistico GIFRAN), Telefono 081/7661730
ROMA
Via Tirone 11/13 (zona Marconi), presso Ufficio s.r.l., tel. 3345099818

sito web: www.schiavonutrizione.it
e-mail: posta@schiavonutrizione.it

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

6 consigli di salute e benessere se sei della Bilancia

Scopri le dritte per stare in forma, rilassarti e avere grinta secondo l'oroscopo del tuo segno zodiacale

Vai all'articolo »