Questo sito contribuisce alla audience di

Valori alti di colesterolo e bassi di glicemia

di Dott. Luigi Schiavo

Rubriche II nutrizionista risponde Alimentazione e salute

Domanda

Salve,

sono un uomo di anni 52, non fumatore (mai fumato), alto cm. 175.
In data 05/03/07, con un peso corporeo di Kg.78/80 ca., dalle analisi si riscontravano i seguenti valori fuori norma:

1) colesterolo: 235 - (fattore rischio 4.2)
2) emoglobina: 13.1
3) emocromo M.C.H.C.: 31.3


In data 16/12/08, con un peso corporeo di Kg.75, dalle analisi si riscontravano i seguenti valori fuori norma:

1) colesterolo: 227 (fattore rischio 3.29)
2) emoglobina: 13.7
3) elettroforesi e sieroproteine Alfa2: 5.6

Faccio presente che sono uno sportivo, nell'anno 2008 ho praticato i seguenti sport:

1) Ciclismo su strada: ho percorso Km.12.700 allenandomi 3/4 volte a settimana.
2) Bici da città: per gli spostamenti urbani Km. 650
3) Nuoto: da Maggio a metà Ottobre 20/30 minuti 3/4 volte alla settimana
4) Kayak: Luglio/Agosto una 15ina di uscite in lago o mare di circa un ora
5) Sci Alpino: 5/8 sciate della durata di 5/6 ore cadauna
6) Ginnastica: (addominali, stretching, pesi, etc.) 2 volte la settimana.

Nonostante tutto i valori delle mie analisi sono i suddetti.

La domanda è la seguente:

Quali alimenti dovrei privilegiare, e quali ridurre o eliminare nella mia dieta affinchè i valori della mia glicemia si possano alzare e quelli del mio colesterolo abbassare???

Grazie per avermi letto.

Cordialmente,
Luigi da Terracina


Risposta

Carissimo Luigi,

il valore di colesterolo che mi riporta è definito colesterolo totale e non basta per fare diagnosi di ipercolesterolemia. Servono infatti anche i valori di colesterolo buono (HDL) e colesterolo cattivo (LDL). Comunque un buon rimedio naturale per abbassare i livelli di colesterolo cattivo è rappresentato dai cosiddetti FITOSTEROLI VEGETALI.

Recenti studi hanno infatti dimostrato che integrare la propria alimentazione con 3 grammi al giorno di tali sostanze riduce il colesterolo del 15-20%.

Per quanto riguarda la glicemia mi dice solo che è bassa, ma non mi riporta i valori delle analisi. Servirebbe almeno conoscere la sua glicemia basale (al mattino appena sveglio e prima di fare colazione) e quella post-prandiale (due ore dopo il pranzo). Se vuole mi scriva i valori delle analisi che le ho indicato e sarò lieto di darle qualche utile suggerimento nutrizionale.

Serena giornata
Dott. Luigi Schiavo, Caserta



Dott. Luigi SCHIAVO
Primo Policlinico, Seconda Università di Napoli, Ambulatorio di Chirurgia dell'obesità (IX Chirurgia Generale)
Nutrizionista (Numero Iscrizione Albo 055729)
Dottore di Ricerca [Settore Fisiologia, Endocrinologia e Metabolismo]
Socio SICOB [Società Italiana di Chirurgia dell'Obesità e delle Malattie Metaboliche]
Responsabile per la Regione Campania della Fondazione Italiana per la Lotta all'Obesità Infantile ONLUS

Esercita a:
CASERTA
Via F. Daniele 10 (angolo Via Roma-Corso Trieste), (Centro Medico VILLA ROSA), tel. 0823/1702419-22
LUSCIANO (CE)
Via Fratelli Cervi 3, tel. 334/5099818
MARCIANISE (CE)
Via Raffaele Musone 292 (Centro Medico), Tel. 0823/823616
NAPOLI
Via S. Tullio 101 (angolo Via Epomeo), (Studio Medico Polispecialistico GIFRAN), Telefono 081/7661730
ROMA
Via Tirone 11/13 (zona Marconi), presso Ufficio s.r.l., tel. 3345099818

sito web: www.schiavonutrizione.it
e-mail: posta@schiavonutrizione.it

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

La candida nell'uomo: sintomi e cura

La candida maschile è causata dallo stesso fungo che colpisce le donne, ma si manifesta in modo diverso

Vai all'articolo »