Trova ricetta

Miele: la dolcezza naturale che per secoli ha sostituito lo zucchero

News Articoli

Miele: la dolcezza naturale che per secoli ha sostituito lo zucchero

Cari golosoni: qual è il dolcificante naturale per eccellenza? Beh, il miele ovviamente!

Il miele è il delizioso alimento prodotto dalle api attraverso la trasformazione del nettare prelevato dai fiori melliferi.

La produzione del miele

Buono, dolce e salutare il miele viene prima immagazzinato dalle api, con un lavoro costante e meticoloso, nelle cellette dei favi contenuti nei melari, quindi estratto dall'uomo attraverso la centrifugazione nello smielatore.

Infine il miele viene filtrato, per raccogliere i residui di cera, viene fatto decantare nel maturatore e, quando è pronto, viene messo negli appostiti vasetti per essere poi gustato dai consumatori.

Un toccasana per la salute

Oggi esistono diversi tipi di miele, a seconda del fiore da cui proviene il nettare, che condividono però molte delle proprietà benefiche.

Il miele infatti è un alimento energetico, facile da digerire, ricco di vitamine, oligominerali, sostanze che fungono da antibiotici naturali ed enzimi.

Di conseguenza il miele aiuta a curare le infiammazioni delle vie respiratorie, aumenta la potenza fisica e la resistenza dei muscoli, protegge e disintossica il cuore, fa bene all'intestino, è diuretico, combatte l'anemia, e irrobustisce le ossa fissando calcio e magnesio.

In particolare i mieli consigliati sono:

  • miele di castagno, che funge da ricostituente,
  • miele di rosmarino, ottimo per il fegato e la colecisti,
  • miele di timo, che aiuta in caso di problemi respiratori,
  • miele di agrumi, un sedativo naturale,
  • miele di tiglio, ideale per combattere ansia e insonnia.


La storia

Il miele ha una storia millenaria, pensate che le prime arnie ad opera umana risalgono al VI millennio a.C.

Le prime testimonianze di utilizzo del miele arrivano dall'Egitto dove, ben 4000 anni fa, il miele veniva messo in grandi coppe di fianco alle mummie per accompagnarle nel loro viaggio nell'Aldilà.

Allora il miele aveva una funzione sia alimentare che medica, veniva infatti usato per i disturbi digestivi e per curare piaghe e ferite.

In particolare i Sumeri impastavano il miele con olio, argilla e acqua per farne degli unguenti, mentre i greci lo consideravano il "cibo degli dei" e lo utilizzavano nei riti come offerta votiva ed elisir di lunga vita.

I Babilonesi mettevano il miele nelle focaccine con sesamo e datteri, mentre per i Romani, che lo importavano da Creta, da Cipro, da Malta e dalla Spagna, era il dolcificante per eccellenza e lo usavano per idromele, birra, salse agrodolci e come conservante alimentare

Anche nel Medioevo il miele aveva un ruolo fondamentale: veniva infatti utilizzato come dolcificante e come conservante naturale e si produceva soprattutto nelle abbazie e nei conventi.

Nel Risorgimento il miele diventò un ingrediente di prestigio che veniva utilizzato per farcire carni e accompagnare zuppe e sformati nei banchetti sontuosi dell'aristocrazia.

Successivamente con l'introduzione dello zucchero raffinato industrialmente il miele iniziò ad essere utilizzato sempre meno.

Oggi il miele, grazie alle tante proprietà terapeutiche, è stato riscoperto e si è ricominciato ad utilizzarlo come dolcificante naturale e come integratore alimentare.


di Francesca Barzanti, pubblicato il 30/03/2018

www.lospicchiodaglio.it