Trova ricetta

Pane frattau

    0.0/5 (0 voti)

    Ricette focacce, panini, pizze

    Pane frattau


    Il pane frattau è una ricetta tipica sarda in cui il pane Carasau viene condito con passata di pomodoro, pecorino sardo e olio extravergine di oliva.

    La ricetta del pane frattau che vi proponiamo è quella più semplice e legata alla tradizione, nata per recuparare i pezzi rotti del pane Carasau che venivano bagnati, ricomposti nel piatto e coperti con sugo (se disponibile) e pecorino (spesso le scaglie o la grattugiatura degli avanzi e della parte appena sotto la crosta).

    Questa variante semplice del pane frattau spesso viene arricchita da un uovo in camicia, adagiato in cima alla preparazione. Se vi piace potete aggiungerlo per ottenere un piatto ancora più ricco e sostazioso.

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 485 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 20 minuti
    • ricetta vegetariana
    • si può preparare in anticipo
    • si può mangiare fuori

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    1. Per la preparazione del pane frattau occorre un'ottima passata di pomodoro, densa e poco acquosa, oppure del sugo preparato con aglio e cipolla con aggiunta di erbe aromatiche quali basilico o origano.
    2. Il pecorino va grattugiato, oppure ridotto a scaglie.
    3. Mettere in un capace piatto un dito di acqua tiepida con un pizzico di sale fino. Mescolare con una forchetta per far sciogliere meglio il sale.
    4. Bagnare il primo foglio di pane Carasau e metterlo in un piatto. Se si è spezzettato ricomporlo sovrapponendo leggermente i vari pezzi.
    5. Unire metà pomodoro, cospargerlo bene con il dorso di un cucchiaio, unire un filo d'olio e metà pecorino.
    6. Bagnare l'altro foglio, sovrapporlo, unire la restante passata, un altro filo d'olio ed il restante pecorino.
    7. Lasciar riposare una decina di minuti prima di servire.

    STAGIONE

    Ricetta per tutte le stagioni.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    I tramezzini pomodoro e mozzarella sono sfiziosi tramezzini da gustare come pasto unico, anche fuori casa, oppure come antipasto o aperitivo, nel qual caso tagliarli più piccolini. I tramezzini pomodoro e mozzarella possono essere preparati il giorno prima e conservati in frigorifero, ben coperti, fino ...



    Il calzone farcito è una pizza che viene condita e poi ripiegata a metà e sigillata. Gli ingredienti all'interno cuociono nel loro vapore e rimangono molto saporiti. Il ripieno più classico è a base di prosciutto cotto e funghi, ma il calzone si presta a ...



    La pizza bianca patate e Brie è una pizza senza pomodoro, condita con fettine di patate, cubettini di formaggio Brie e aromatizzata con foglioline di rosmarino. Se l'avete, potete utilizzare al posto del sale la salamoia bolognese, un sale aromatico preparato con le spezie. La ricetta indicata ...



    Atta Roti è un pane indiano leggermente acidulo, ottimo per accompagnare piatti a base di pollo e agnello o verdure quali peperoni e cipolle. Ha una consistenza simile a quello della piadina romagnola e si può utilizzare anche per essere farcito. Atta Roti è ...



    La focaccia mozzarella, pomodoro e insalata è un classico e gustoso trancio di focaccia bianca farcita con mozzarella di bufala e pomodori affettati, insalata e maionese. Potete preparare la focaccia secondo la nostra ricetta base, oppure acquistarla già pronta. La focaccia mozzarella, pomodoro e insalata è ...



    5 commenti su questa ricetta

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Giuseppina: ho fatto diverse prove, io trovo che con il riposo il pane assorba meglio gli aromi degli ingredienti e il sugo si intiepidisca facendo gustare più piacevolmente il piatto. Se però a te piace caldissimo ben venga!

    Giuseppina ha detto:
    Lasciare riposare 10 minuti??!! ma quando mai...è un piatto che va servito caldissimo...!

    MARCO GHISU ha detto:
    Mio padre era barbaricino di Orune e diceva che l'uovo in camicia era una variante nuorese che lui non apprezzava.Secondo lui era senza uovo.Il sugo col timo selvatico(detto armidda)era tipico delle zone dove questo ingrediente era reperibile.Io sono di Lei e il timo lo si coglieva su in montagna,specie nel sito di Ortachis, in territorio di Bolotana.Qualcuno lo adopera per insaporire il pecorino.

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Simonetta: ciao Simonetta, grazie del tuo commento. La questione dell'uovo è molto dibattuta. Una volta posi il quesito a un vecchio pastore sardo molto anziano, il quale mi disse che questa ricetta, nata per recuparare i pezzi rotti del pane Carasau che venivano bagnati, ricomposti nel piatto e coperti con sugo (se disponibile) e pecorino (spesso le scaglie o la grattugiatura degli avanzi e della parte appena sotto la crosta) in origine veniva preparata senza uovo in camicia. C'è invece chi asserisce che la ricetta nasca già con l'uovo.
    Io per non sbagliare dico sempre che quella che propongo io è una "variante semplice" ;-)

    Simonetta ha detto:
    Buon pomeriggio!
    Volevo precisare, da buona sarda legata alle tradizioni, che nella ricetta TIPICA SARDA l'origano non è tra gli ingredienti del pane frattau, non lo sarebbe nemmeno il timo in realtà poiché il sugo dovrebbe essere preparato con aglio e cipolla aggiungendo al limite una foglia di alloro. Tra l'altro l'uovo non è una variante, questo piatto nasce con l'uovo in camicia posto alla fine della composizione del piatto stesso, la variante sarebbe non metterlo!!!!!!!!! :D

    5 commenti su 5
     

    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web