Trova ricetta

Marmellata di albicocche

    5.0/5 (1 voti)

    Ricette frutta e dolci

    INFORMAZIONI

    • 200 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 1 ora
    • ricetta vegetariana e vegan
    • ricetta light
    • si può preparare in anticipo
    • si può mangiare fuori

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    1. Lavare accuratamente le albicocche sotto acqua fresca corrente. Scartare quelle non perfettamente integre, ammaccate o ammuffite.
    2. Tagliarle a metà, eliminare il picciolo e i noccioli.
    3. Metterle in una pentola assieme allo zucchero, mescolare e portare sul fuoco.
    4. Cuocere per 30 minuti circa, soperto, a fuoco basso, mescolando piuttosto spesso. Alla fine la consistenza deve essere abbastanza soda. Se colata su un piatto ed inclinato deve scendere piuttosto lentamente.
    5. Mettere la marmellata ancora bollente nei vasi ben puliti, chiuderli senza forzare troppo utilizzando capsule nuove e capovolgerli.
    6. Lasciarli capovolti finché non si saranno raffreddati. Quando si ribaltano dovranno aver formato il vuoto. Se così non fosse procedere con la sterilizzazione in pentola.
    7. Avvolgere i vasi con degli stracci puliti, metterli in una capace pentola in modo che non si muovano ed unire acqua fredda fino ad averne almeno una decina di centimetri sopra i vasi. Mettere sul fuoco e far bollire per 30 minuti calcolati da quando l'acqua comincia a bollire vistosamente. Trascorso il tempo indicato spegnere il fuoco e lasciare i vasetti a raffreddare nell'acqua.
    8. Conservare in luogo fresco e asciutto, possibilmente al buio.

    STAGIONE

    Giugno, luglio, agosto.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    I suggerimenti di barbara

    Le calorie indicate si riferiscono a 100 grammi di prodotto.

    La quantità di zucchero utilizzata è piuttosto scarsa rispetto le normali dosi consigliate, che possono arrivare anche ad eguagliare il peso della frutta. Variare a seconda del gusto personale, ma non scendere sotto quando indicato per non compromettere la conservabilità della marmellata.

    Attendere almeno un mese prima di consumare la marmellata, ma finirla entro l'anno.

    Una volta aperta conservare in frigorifero.

    La buona riuscita della marmellata dipende fortemente dalla qualità delle albicocche, che devono essere particolarmente buone e nel pieno della loro stagione.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    La crema di yogurt con ciliegie sciroppate è un dessert leggero e molto semplice, fresco, ottimo in tarda primavera, quando le ciliegie sono nel pieno del loro sapore. Si può preparare con lo yogurt, ma anche con del budino alla vaniglia. Per la realizzazione ...



    La torta di mele è uno dei dolci più preparati in tutto il mondo, di cui esistono numerose ricette (a altrettante varianti), molto buone e caratteristiche. In questa versione, una delle tante che vi proporrò, la torta di mele è particolarmente soffice e alta, con le ...



    La torta fredda allo yogurt è un dolce molto semplice da preparare, che non richiede cottura, ed è quindi molto indicata nei mesi più caldi dell'anno, soprattutto in estate. La torta fredda allo yogurt si può preparare con yogurt di qualsiasi gusto. Noi qui ...



    I cuori di San Valentino sono golosi dolcetti di pasta frolla ripieni di Nutella o di altra crema spalmabile a scelta. Sono molto semplici da preparare, ma di sicuro effetto. Per preparare i cuori di San Valentino occorrono stampini a forma di cuore, grandi circa 8-10 ...



    Le coppe di mascarpone al caffé sono un dolce al cucchiaio tipico per il finepasto, molto semplice e veloce da preparare, dove il mascarpone viene aromatizzato al caffè e servito assieme alle nocciole tostate. Le coppe di mascarpone al caffé devono essere servite fredde, dopo essere ...



    Le sfrappole sono un tipico dolce di Carnevale, dalle origini antichissime, che troviamo in molte regioni con nomi diversi, anche se il più comune è chiacchiere. In Emilia, oltre che "sfrappole", vengono chiamate anche frappe, in Toscana troviamo i cenci, mentre in Piemonte le bugie. ...



    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato