Trova ricetta

Pesto modenese

    5.0/5 (2 voti)

    Ricette salse

    Pesto modenese


    Il pesto modenese è un battuto di lardo di maiale, aglio e rosmarino che viene principalmente utilizzato per la farcitura delle tipiche tigelle montanare, specialità anch'essa modenese. La tigella, servita molto calda, viene tagliata in due e farcita con il pesto modenese e il Parmigiano Reggiano grattugiato. Chiusa immediatamente e mangiata dopo appena un minuto è squisita: il lardo del pesto si scioglie grazie al calore della tigella e sprigiona tutti gli oli essenziali del rosmarino.

    Il pesto modenese può essere utilizzato anche per la farcitura di altre specialità Emiliano-Romagnole, come ad esempio le piadine, ottime con pesto, prosciutto crudo e scaglie di Parmigiano.

    INFORMAZIONI

    • 10 persone
    • 222 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 15 minuti
    • si può preparare in anticipo

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    1. Sbucciare gli spicchi d'aglio e ridurli e pezzettini.
    2. Lavare il rosmarino e ricavarne solo le foglie, scartando il ramo.
    3. Mettere aglio e rosmarino su un tagliere e lavorarli a lungo con la mezzaluna, fino ad ottenere un trito estremamente fine. A tratti schiacciare il composto con il piatto della lama, per frantumare meglio l'aglio che altrimenti tende a rimanere un po' più grosso.
    4. Mescolare il trito al lardo accuratamente, amalgamando bene.
    5. Coprire con pellicola da cucina e conservare in frigorifero fino al momento dell'utilizzo.

    STAGIONE

    Ricetta per tutte le stagioni.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    I suggerimenti di barbara

    Per la preparazione del pesto serve del lardo di ottima qualità macinato molto finemente. Se lo trovate solo intero potete prima affettarlo sottile, poi tritarlo bene con il coltello fino a farlo diventare quasi una pasta.

    Il pesto modenese può essere conservato in frigorifero per una settimana, ben coperto con pellicola da cucina. Attenzione al sapore quando lo si serve, non deve essere irrancidito.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    Il pesto modenese è un battuto di lardo di maiale, aglio e rosmarino che viene principalmente utilizzato per la farcitura delle tipiche tigelle montanare, specialità anch'essa modenese. La tigella, servita molto calda, viene tagliata in due e farcita con il pesto modenese e il Parmigiano ...



    Il patè di olive nere è un'ottima salsina, ideale per condire crostoni, tramezzini, panini, ma anche come aggiunta in altre gustose ricette. Per la preparazione del patè di olive nere è indispensabile scegliere olive di ottima qualità, il cui sapore farà variare molto anche ...



    La melitzanosalata è una salsa di melanzane greca che viene gustata come antipasto assieme al pane, ma che si abbina ottimamente anche alla carne alla brace. Solitamente viene infatti preparata con melanzane cotte nella parte meno calda della griglia, che dona alla salsa anche un ...



    La maionese è una delle salse più utilizzate in cucina, sia nelle ricette più raffinate, sia in toast e panini. Con la sua squisita cremosità accompagna carne, pesce, insalate di pasta o di riso, verdure. Per semplificare la preparazione della maionese io utilizzo uova ...



    La salsa tartara è una salsa a base di maionese che troviamo nella cucina italiana in tantissime varianti, alcune molto differenti le une dalle altre. Nella nostra ricetta ve ne proponiamo una piuttosto semplice, caratterizzata da pochi ingredienti freschi, in prevalenza erbe appena raccolte. ...



    La salsa contadina, spesso chiamata anche salsa rossa o salsa rossa alla contadina, è un battuto di verdure cotte in aceto e conservate sott'olio. Il battuto è piuttosto grossolano, le verdure ancora croccantine, caratteristiche che donano a questa salsa un aspetto e un sapore particolarmente ...



    Il salmoriglio è una salsa della tradizione siciliana utilizzata per il condimento di carne e pesce, soprattutto alla griglia. Il salmoriglio ha diverse varianti di ricetta, che si differenziano soprattutto per le proporzioni di acqua e olio e i tipi di erbe presenti. In ...



    1 commenti su questa ricetta

    Andrea ha detto:
    Le TIGELLE MONTANARE non esistono. Esistono le CRESCENTINE (a cui si può aggiungere MONTANARE per distinguerle da quelle bolognesi).
    Le TIGELLE si usano per cuocere le CRESCENTINE e aggiungere MONTANARE non ha alcun senso dato che l'unico posto dove si fanno, dove sono nate, è in MONTAGNA e non esiste una versione di pianura/città/territori barbari

    1 commenti su 1
     

    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web