Trova ricetta

Cavolo nero ripassato

    4.0/5 (4 voti)

    Ricette contorni

    Cavolo nero ripassato


    Il Cavolo nero ripassato è un contorno tipicamente toscano preparato con cavolo nero cotto a vapore o lessato e ripassato in padella con olio, aglio e pepe nero. Se vi piace il piccante potete sostituire il pepe a peperoncino.

    Il cavolo nero ripassato è perfetto con secondi piatti a base di carne, ma è anche un'ottima base per preparare frittate, torte salate, o semplicemente per preparare un gustoso antipasto, adagiato su fettine di pane a bruschetta.

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 130 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 30 minuti
    • ricetta vegetariana e vegan
    • ricetta light

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    1. Pulire il cavolo nero. Le coste, particolarmente dure, vanno tolte tramite un'operazione chiamata "sbrucchiatura". E' sufficiente impugnare con una mano la parte verde carnosa della foglia e con l'altra mano rimuovere la costa. E' bene infatti consumare solo le foglie, meglio se piccole che sono più tenere.
    2. Sciacquare sotto acqua fresca corrente.
    3. Lessare in abbondante acqua salata per 10-15 minuti, oppure mettere le foglie nella vaporiera e cuocere per 20-25 minuti.
    4. Scolarlo o ritirarlo in un colino e pestarlo bene con un cucchiaio per eliminare l'acqua in eccesso.
    5. Mettere in una padella l'olio, l'aglio spellato e tritato molto finemente oppure spremuto con l'apposito attrezzo.
    6. Portare la padella sul fuoco e far dorare l'aglio dolcemente. Attenzione a non farlo bruciare, altrimenti diventa amaro.
    7. Unire il cavolo nero, girare e saltare per 4-5 minuti in padella aggiungendo sale e pepe macinato al momento.
    8. A fine cottura il cavono nero deve esserersi asciugato e insaporito.
    9. Servire con un filo d'olio a crudo.

    STAGIONE

    Gennaio, febbraio, ottobre, novembre, dicembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    I suggerimenti di barbara

    Se avanza si conserva ottimamente in frigorifero per un giorno. Si può gustare a temperatura ambiente oppure brevemente scaldato in un padellino.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    Le melanzane fritte a funghetto sono un contorno a base di melanzane ricco e saporito, semplicissimo da preparare, ma veramente ottimo se le melanzane sono fresche e di stagione. I mesi di giugno, luglio, agosto e i primi di settembre sono il periodo ideale per ...



    Il gurguglione è un piatto tipico elbano, soprattutto della zona di Rio Marina, dove ho la fortuna di andare in vacanza tutti gli anni. Una volta assaggiato te ne innamori e in estate è un classico da fare e rifare. Il gurguglione si trova ...



    Ho assaggiato la prima volta questa insalata di carote e radicchio all'origano in Alto Adige. La trovo ottima. Il gusto dolce della carota viene messo in risalto da quello amarognolo del radicchio. Insieme all'aceto, un condimento molto presente nella cucina altoatesina, e all'origano è davvero ...



    I peperoni in padella sono una ricetta semplice e veloce per preparare uno squisito contorno a base di peperoni. Per avere un effetto visivo migliore, usare colori misti fra rosso, giallo o anche verde. Le foglie di basilico, oltre che per insaporire, sono ottime anche ...



    Gli anelli di cipolla fritti sono un gustoso contorno a base di anelli di cipolla tuffati in una delicata pastella molto semplice e poi fritti. In questa versione che vi proponiamo non è presente uovo o altro nella pastella che non acqua, sale e farina.   Gli ...



    Gli spinaci burro e Parmigiano sono un contorno dal sapore caratteristico, in cui il Parmigiano e il burro mettono in risalto il particolare aroma degli spinaci. Gli spinaci burro e Parmigiano sono semplici e veloci da preparare. Con la tecnica di cottura vitamine e ...



    L'insalata di rinforzo è un piatto tipico napoletano che si serve nella cena della Vigilia di Natale. Ne esistono tantissime varianti, qui vi proponiamo la nostra. Circa l'origine del nome, l'insalata di rinforzo sembra chiamarsi così perchè il suo compito era quello di "rinforzare" ...



    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato