Trova ricetta

Trofie al pesto con patate e fagiolini

    5.0/5 (1 voti)

    Ricette primi piatti verdura

    Trofie al pesto con patate e fagiolini


    Le trofie al pesto con patate e fagiolini sono una ricetta ligure che prevede, oltre all'utilizzo del famosissimo pesto genovese, anche verdure come fagiolini e patate, che cuociono insieme alla pasta. Le patate rilasciano amido in cottura, dando cremosità al piatto e i fagiolini danno croccantezza. E' molto importante, per non ottenere una poltiglia, rispettare i tempi di cottura delle verdure.

    Per la preparazione delle trofie al pesto con patate e fagiolini in metà tempo potete usare un pesto genovese preparato il giorno prima e conservato in frigorifero, ben coperto perchè non annerisca. In alternativa c'è sempre il pesto pronto, ma sceglierlo di ottima qualità e con i soli ingredienti indicati dal disciplinare. Se usate delle trofie secche, invece di quelle fresche indicate, calcolatene 80 grammi a testa anzichè 125 g. Poi dipende da quanto siete golosi ;-)

    Le trofie al pesto con patate e fagiolini sono ottime appena preparate. Siccome la pasta va condita in ciotola, vi consiglio di portarla in tavola e fare le porzioni al momento. E' un piatto che porta colore e allegria. Si può servire con scaglie di pecorino, Parmigiano, una manciata di pinoli tostati, oppure decorando con foglioline di basilico.

    INFORMAZIONI

    • 4 persone
    • 615 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 45 minuti

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    VARIANTE VEGETARIANA

    Sei vegetariano e vuoi realizzare questa ricetta?

    Usare formaggi da grattugia senza caglio animale al posto di quelli indicati nella preparazione del pesto. Si trovano diverse varietà di pecorino e il Parmigiano può essere sostituito dal Verdiano.


    PREPARAZIONE

    1. Preparare il pesto secondo la nostra ricetta di base che trovi cliccando qui. Tenerlo ben coperto fino al momento di utilizzarlo.
    2. Spuntare i fagiolini e tagliarli a pezzetti lunghi 3-4 centimetri. Sciacquarli.
    3. Pelare le patate, lavarle e tagliarle a cubetti di 1,5 centimetri di lato circa.
    4. Portare a bollore abbondante acqua. Usare una pentola molto ampia perchè trofie, fagiolini e verdure vanno cotti insieme secondo le indicazioni che trovate qui di seguito.
    5. Quando l'acqua bolle salarla. Servono 8-10 grammi di sale ogni litro d'acqua.
    6. Buttare i fagiolini e cuocerli per 5 minuti, senza coperchio altrimenti ingialliscono.
    7. Trascorso il tempo indicato unire le patate e cuocere per 2 minuti, sempre senza coperchio (non servirà più nella preparazione).
    8. Trascorso il tempo indicato unire le trofie e cuocere per 8 minuti. Attenzione, se il tempo di cottura delle trofie fosse molto più lungo ricalcolare quando buttarle nell'acqua perchè i fagiolini non devono cuocere più di 15 minuti e le patate non più di 10 minuti.
    9. Scolare la pasta con tutte le verdure quindi metterla in un'ampia ciotola.
    10. Unire un filo d'olio a crudo e mescolare bene.
    11. Unire il pesto, sempre mescolando.
    12. Servire immediatamente.

    STAGIONE

    Maggio, giugno, luglio, agosto, settembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    I suggerimenti di barbara

    Scegliere fagiolini piccoli e teneri, altrimenti rischiate che abbiano "il filo" ovvero un filamento legnoso che va da picciolo a picciolo antipatico da trovarsi sotto i denti. Quando li spuntate si può togliere. Trovate qui la nostra guida passo passo.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    La pasta alle cipolle è un primo piatto semplicissimo, economico e veloce da preparare. La protagonista è la cipolla rossa di Tropea, dolce, carnosa, il cui sapore viene messo in risalto da quello dell'aceto balsamico. Per i più golosi, decorare con qualche scaglia di pecorino ...



    Le tagliatelle ai funghi sono un primo piatto classico della cucina italiana, in cui le tagliatelle emiliane incontrano un sugo bianco di funghi porcini o misti a piacere. La mia versione non prevede l'utilizzo della panna, spesso presente in questa ricetta, perchè mi piace che ...



    La pasta ai due cavolfiori è una minestra preparata con due tipi di cavolfiori diversi, brodo, pasta e una puntina di passata di pomodoro. Sana e nutriente, è perfetta nella stagione autunnale e invernale. La pasta ai due cavolfiori in genere io la preparo con ...



    Gli gnocchi di melanzane al pomodoro fresco sono gnocchi tipicamente estivi nel cui impasto, oltre alle patate, c'è la polpa di melanzane aromatizzata con spezie e origano. Sono un po' elaborati da preparare, ma vi ripagheranno con un sapore unico, messo ancora di più in ...



    L'insalata di cereali e funghi trifolati è un'insalata da gustare tiepida o fredda, realizzata con riso, grano saraceno e miglio. Le proporzioni indicate possono essere variate a seconda del gusto personale, e se uno dei cereali utilizzato non piace può essere sostituito con un altro, ...



    I pisarei e fasò sono una ricetta tipica piacentina, complessa ed elaborata da preparare, il classico pranzo della domenica da fare in famiglia. Il sapore però è unico e vi saprà ripagare di tanto lavoro. Lavoro che deve essere lento, accurato, e che può essere ...



    I ravioli di spinaci burro e salvia sono una pasta fresca fatta in casa ripiena di ricotta e spinaci e condita con burro fuso aromatizzato con le foglie di salvia. Sono un grande classico della cucina italiana e sono diffusi in tante regioni, con piccole ...



    Il risotto piselli, asparagi e zafferano è un risotto a base di ortaggi primaverili come i piselli e gli asparagi, ottimo se preparato con ingredienti freschi e un brodo vegetale molto leggero, che non ne copra il sapore delicato. Il risotto piselli, asparagi e zafferano che ...



    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web