Trova ricetta

Minestra di cannellini alla salvia

    4.0/5 (14 voti)

    Ricette primi piatti verdura

    Minestra di cannellini alla salvia


    Se vi piace il sapore della salvia, con il suo aroma persistente e delicato, questa minestra di cannellini alla salvia fa per voi. La prima volta preparatela come vi suggerisco in ricetta, la seconda volta se volete dosate la quantità di salvia secondo il vostro gusto personale: di meno per un aroma più delicato, di più per sentirlo più intenso e avvolgente. A ognuno il suo ;-)

    La minestra di cannellini alla salvia è ottima appena preparata, dopo un breve riposo necessario a farla intiepidire. Se avanza si conserva ottimamente in frigorifero per un giorno. Scaldarla brevemente prima di gustarla. Se volete, al posto della pasta si può usare un cereale, come il farro, il riso o l'orzo. Ottima anche con un misto in cui mettere un po' di quinoa.

    Per la preparazione di questa ricetta potete utilizzare fagioli cannellini cotti in casa a partire dal prodotto secco, oppure i fagioli in scatola o sotto vetro. Ottimi quelli cotti a vapore.

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 495 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 45 minuti

    INGREDIENTI

    Per il pesto di salvia

    Per completare la preparazione

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    VARIANTE VEGETARIANA

    Sei vegetariano e vuoi realizzare questa ricetta?

    Utilizzare un formaggio da grattugia con caglio vegetale al posto del Parmigiano Reggiano, come ad esempio il Verdiano.

    PREPARAZIONE

    1. Mettere i pinoli in un padellino antiaderente senza nessun condimento e portarlo su fiamma vivace.
    2. Far tostare i pinoli fintanto che non avranno assunto un bel colore ambrato. Attenzione a non farli bruciare perchè diventerebbero amari. Metterli in una ciotolina.
    3. Lavare le foglie di salvia, asciugarle con carta da cucina ed eliminare la nervatura centrale.
    4. Mettere in un frullatore le foglie di salvia, il Parmigiano grattugiato, il sale grosso, l'olio e frullare a velocità medio-bassa fintanto che non è tutto ben sminuzzato e omogeneo. Coprire e tenere da parte.
    5. Sgocciolare i fagioli e passarne la metà al passaverdure.
    6. Pelare l'aglio e la cipolla e tritare tutto finemente. Io di solito uso il lato fine di una grattugia 4 lati.
    7. Scaldare il brodo.
    8. In una pentola da minestra far soffriggere il trito nell'olio a fiamma media, fintanto che non assume un aspetto dorato. Unire un cucchiaio di brodo e proseguire la cottura per 4-5 minuti.
    9. Aggiungere un mestolo di brodo, mescolare, unire i fagioli interi, un pizzico maggiorana e lasciare insaporire qualche minuto a fiamma vivace.
    10. Stemperare i fagioli passati con mezzo mestolo di brodo e versare il composto nella pentola. Girare e lasciare insaporire qualche minuto.
    11. Versare quasi tutto il brodo e portare ad ebollizione. Regolare di sale.
    12. Buttare la pasta e cuocere mescolando spesso con un cucchiaio di legno, secondo il tempo di cottura del formato scelto. Aggiungere qualche mestolo di brodo se la minestra tende ad asciugarsi troppo.
    13. Spegnere il fuoco e unire il Parmigiano Reggiano, mescolando.
    14. Unire il pesto di salvia, una generosa macinata di pepe e mescolare bene.
    15. Lasciare intiepidire 5 minuti con il coperchio e servire con un filo d'olio a crudo.

    STAGIONE

    Gennaio, febbraio, marzo, ottobre, novembre, dicembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    I pici all'aglione sono una ricetta tipica Toscana, in particolare della zona di Siena, realizzata con i pici, che sono degli spaghettoni rustici piuttosto spessi. Si possono preparare in casa, ma si trovano anche da acquistare, specialmente in Toscana, come specialità tipica. L'aglione è ...



    La pasta con pesto alla trapanese è un primo piatto tipicamente estivo realizzato con un pesto a base di basilico e mandorle, al posto dei pinoli tipici del pesto alla genovese. La pasta con pesto alla trapanese viene inoltre arricchita dai pomodorini di ...



    La pasta zucchine e zafferano è un primo piatto tipico della primavera e dell'estate, quando le zucchine sono al massimo del loro sapore. E' una ricetta ricca e saporita, grazie all'aggiunta di panna e dello zafferano. Per la preparazione della pasta zucchine e zafferano scegliere zucchine ...



    La zuppa d'orzo e cavolfiore è una minestra calda a base di cavolfiore bianco, ma si può utilizzare con lo stesso risultato anche quello giallo, violetto oppure il broccolo romanesco. Allo stesso modo il cereale scelto, l'orzo, può essere sostituito con farro o un mix ...



    La pasta fredda pomodoro e mozzarella è la più classica delle paste fredde, tipicamente estiva, ottima da gustare nelle giornate calde, quando non si ha voglia di accendere i fornelli. Si può preparare la sera prima e conservare in frigorifero per 1 giorno. Per ...



    La pasta ai due cavolfiori è una minestra preparata con due tipi di cavolfiori diversi, brodo, pasta e una puntina di passata di pomodoro. Sana e nutriente, è perfetta nella stagione autunnale e invernale. La pasta ai due cavolfiori in genere io la preparo con ...



    Il risotto zucca e porcini è un gustoso risotto a base di cubetti di zucca e funghi porcini. La zucca migliore è quella mantovana, soda e poco acquosa, mentre i funghi possono essere sia quelli freschi, sia surgelati, ma anche secchi. Se usate i funghi porcini ...



    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato