Questo sito contribuisce alla audience di

Ho problemi di corretta alimentazione e di gonfiore

di Dott.ssa Letizia Saturni

Rubriche II nutrizionista risponde Problemi di gonfiore

Domanda

Gentile Dottore/ssa,
mi chiamo Claudio, sono un ragazzo di 25 anni che frequenta assiduamente la palestra. Il mio allenamento consiste in: tre volte a settimana di sollevamento pesi e tre volte cardio-fitness. In vita mia non ho mai avuto problemi alimentari, ho sempre mangiato di tutto. Ultimamente, però, ho iniziato a seguire una dieta in cui ho escluso del tutto i grassi, di qualsiasi tipo, ho eliminato i condimenti, ho iniziato a mangiare sempre in bianco e sempre scondito, continuando ad allenarmi sempre allo stesso modo, convinto che per avere degli addominali perfetti dovessi mangiare in questo modo, perché era, a mio parere, l'unico modo sano di mangiare.

Col passare del tempo, però, ho iniziato ad avere diversi problemi: intolleranza al latte, per cui ho eliminato il latte (adesso faccio colazione con lo yogurt), erezione blanda ed insufficiente (non riuscivo più ad avere un rapporto normale con la mia ragazza), eccesivo dimagrimento, spossatezza, mi si addormentavano mani e gambe mentre dormivo. Resomi conto di tutti questi problemi, ho deciso di consultare un medico: mi ha detto che avevo sbagliato alimentazione e che dovevo iniziare a mangiare di nuovo in maniera normale, a reintrodurre tutti gli alimenti. Insomma, ero diventato anoressico! Ci tengo inoltre a sottolineare come, prima di iniziare a mangiare in quel modo sbagliato, mangiavo molta frutta, sia a pranzo che a cena. E alla fine avevo eliminato anche quella, perchè credevo che facesse gonfiare la pancia, appannando gli addominali.

Adesso, ho ripreso a mangiare in maniera normale: ho solo aumentato le dosi di carne, pesce e verdura, oltre che di frutta, però pane e pasta li controllo sempre. Il problema è che da quando ho ricominciato a mangiare così, mi si è gonfiata la pancia in una maniera alluccinante, tanto che mi vergogno a farla vedere. Ed ho anche le gambe gonfie. Il dottore dice che è normale perchè il mio corpo non è più abituato a smaltire tutte quelle calorie, e adesso fa più fatica.

Dunque per riabituarsi ci vogliono un paio di mesi. Ma io non sono sicuro di questa interpretazione e ho paura che questo gonfiore sia la spia di qualche altro problema.

Spero tanto di averle spiegato bene il mio problema e, soprattutto, spero che lei mi possa aiutare.

Grazie infinite!
Claudio da Campobasso


Risposta

Salve Claudio,

credo che la sua preoccupazione per la pancia sia un pochino eccessiva. Va bene fare attività fisica così come lei sta facendo; va bene anche tonificare e mantenere gli addominali.

Sull'alimentazione sarei un pochino più attenta a non perdere mai il gusto di mangiare, sia nel suo significato calorico che antropologico e culturale. Va bene controllare i condimenti ma non debbono scomparire: tre cucchiai di olio extravergine di oliva per lei sono fondamentali per l'apporto di acidi grassi essenziali (omega3 ed omega6) per il corretto apporto di antiossidanti e alte componenti nutrizionali. Via invece burro, lardo e oli vegetali di altra origine.

Pasta, riso, pane, pizza, piadina e patate vanno utilizzati in sostituzione l'uno dell'altro e 1-2 porzioni al giorno debbono entrare nella nostra alimentazione.

Carne o pesce o formaggi freschi magri o prosciutto (cotto o crudo) o legumi anch'essi a rotazione settimanale almeno 1 volta al giorno debbono essere nei nostri menù.

Frutta e verdura vanno consumate in abbondanza almeno 5-6 porzioni al giorno.

E' importante bere almeno 8-10 bicchieri al giorno di acqua evitando bibite gassate e zuccherate. E' bene anche evitare alcolici e superalcolici; meglio 1-2 bicchieri al giorno di vino.

Se ha dei dubbi sul fatto che questo gonfiore possa essere sintomo di una intolleranza non deve fare altro che degli esami specifici per l'intolleranza al lattosio oppure al sorbitolo oppure al glutine. Sono le uniche tre intolleranza con basi scientifiche solide.

Per le allergie alimentari ci sono i test specifici eseguiti in un BUON centro di allergologia, mi raccomando!

Un caro saluto
Dott.ssa Letizia Saturni

www.lospicchiodaglio.it