Trova ricetta

Calamaretti fritti

    5.0/5 (3 voti)

    Ricette secondi piatti pesce

    Calamaretti fritti


    I calamaretti fritti sono un secondo piatto di pesce veramente squisito, adatto ai momenti di festa, ottimo se preparato nel periodo in cui i calamari sono di stagione, ovvero fra metà settembre e fine gennaio.

    I calamaretti fritti per essere gustati al meglio devono essere mangiati appena cotti, quando sono molto caldi e croccanti. Per infarinare i calamaretti si può usare farina di grano duro o di grano tenero. Io trovo che con il grano duro siano più croccanti, ma come sapore li preferisco infarinati con il grano tenero. Se volete tastare il vostro gusto personale infarinatene metà in un modo e metà in un altro, friggeteli e poi scegliete il vostro preferito :-)

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 400 Kcal a porzione
    • difficoltà media
    • pronta in 30 minuti

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    1. Pulire i calamaretti.
    2. Staccare la testa dal corpo tirando delicatamente e portandosi dietro tutte le interiora.
    3. Tagliare la testa appena sotto i tentacoli, eliminare il becco e i due tentacoli più lunghi, quindi sciacquarla bene e metterla in un colino. Pulire così tutte le teste.
    4. Spellare i corpi dei calamaretti, pulire bene l'interno e rimuovere la lisca cornea. Affettarli nello spessore di un paio di centimetri scarsi. Metterli nel colino assieme alle teste.
    5. Scaldare l'olio in una padella. La temperatura ideale per la frittura è di 180°.
    6. Mentre l'olio si scalda passare i calamaretti nella farina, scuoterli leggermente per toglierne l'eccesso e friggerli nell'olio bollente. Fare attenzione agli schizzi, perché tendono a farne parecchi.
    7. Lasciar friggere fintanto che non sono ben dorati, quindi ritirarli con una schiumarola forata ed asciugarli su un foglio di carta da cucina.
    8. Regolare di sale e servire immediatamente.

    CONTORNO DI ABBINAMENTO IDEALE

    Insalata mista

    STAGIONE

    Gennaio, settembre, ottobre, novembre, dicembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    I filetti di platessa alla sorrentina sono gustosi filetti di platessa cucinati brevemente in padella con una base di aglio e prezzemolo e con l'aggiunta di pomodoro e olive nere. I filetti sono ottimi anche tiepidi, quindi possono essere preparati con un po' di anticipo. ...



    I tranci di salmone al vino sono gustosi tranci di salmone cotti in padella con un trito di aglio, prezzemolo e vino bianco secco. La cottura lenta e delicata permette di mantenere sapore e morbidezza. I tranci di salmone al vino si conservano per un ...



    Gli spiedini di salmone e gamberetti con tagliatelle di calamari sono un secondo piatto a base di pesce leggero, saporito e veloce da preparare. Se il pescivendolo vi vende il pesce già pulito in soli 20 minuti è tutto pronto. Gli spiedini di salmone ...



    Le frittelle al baccalà sono gustose frittelle di pasta lievitata al cui interno vengono mescolati baccalà, aglio, prezzemolo e olive nere. Le frittelle al baccalà sono ottime come secondo piatto in accompagnamento a insalata. Per prepararle si possono utilizzare anche gli scarti di baccalà, le ...



    Il branzino al cartoccio è una delle ricette più utilizzate per la preparazione del branzino perchè è molto semplice, ma al tempo stesso capace di mettere in risalto la morbidezza e il sapore del pesce. Il branzino al cartoccio si può preparare sia con ...



    Il merluzzo alla livornese è un secondo piatto della tradizione Toscana, ma preparato con diverse varianti in molte altre parti d'Italia. I filetti di merluzzo cuociono lentamente insaporendosi con pomodoro, cipolla, aglio e origano o basilico, a seconda della stagione. In estate preferire il basilico ...



    2 commenti su questa ricetta

    Barbara Farinelli ha detto:
    @federica: invece che infarinarli passali nel pangrattato. Impanali bene, ma scuoti con cura le eccedenze. Metti in una teglia da forno, condisci con un filo d'olio e inforna nel forno preriscaldato a 180°C per 20 minuti circa. Devo essere ben dorati. Regola di sale solo dopo la cottura.
    Se ti piace puoi aromatizzare il pangrattato con paprica dolce, prezzemolo tritato, pepe bianco... spezie e aromi che preferisci!

    federica ha detto:
    Buongiorno,
    se volessi farli al forno? Come devo fare la pastella? Grazie.

    2 commenti su 2
     

    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web