Trova ricetta

Frittura di calamaretti e patate

    5.0/5 (1 voti)

    Ricette secondi piatti pesce

    Frittura di calamaretti e patate


    La frittura di calamaretti e patate è un secondo piatto di pesce squisito, adatto ai momenti di festa, molto ricco e completo. Unisce il croccante delle patate fritte a sfoglia alla tenerezza del calamaretto fresco.

    Per infarinare i calamaretti si può usare farina 00 oppure semola di grano duro. C'è chi preferisce grandemente la semola, io sono invece per la farina. Se siete indecisi infarinatene metà in un modo e metà nell'altro e poi una volta fritto scegliete la versione che preferite.

    La frittura di calamaretti e patate per essere gustata al meglio deve essere preparata e servita al momento, calda e croccante. 

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 680 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 30 minuti

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    1. Pulire i calamaretti lavandoli accuratamente sotto acqua corrente, rimuovere la interiora e la lisca.
    2. Selezionare le teste raschiando la parte dura dei tentacolini, togliere il becco, sciacquarle bene e metterle in un colino.
    3. Affettare i corpi nello spessore di un paio di centimetri, sciacquarli e metterli a scolare assieme alle teste.
    4. Sciacquare le patate, sbucciarle e tagliarle a fette molto sottili, uno o due millimetri al massimo. Se avete una mandolina verranno perfette.
    5. Man mano che si tagliano, immergere le fettine di patata in una ciotola piena di acqua molto fredda. Una volta che si sono affettate tutte, cambiare l'acqua e lasciarle ammollo per 5 minuti. Scolarle e asciugarle accuratamente in uno strofinaccio.
    6. Scaldare abbondante olio in un padella. La temperatura ideale per friggere sono 180° C e vi consiglio un termometro da cucina per regolarvi al meglio.
    7. Quando l'olio è a temparatura unire l'aglio assieme alle patate, immergendone poche alla volta e movendole spesso con una paletta affinché non si attacchino tra loro. Togliere lo spicchio d'aglio se diventa troppo scuro.
    8. Quando le patate si sono uniformemente dorate, scolarle accuratamente con un mestolo forato e passarle sulla carta da cucina per eliminare l'unto in eccesso.
    9. Se occorre fare più cicli di cottura, per conservare quelle già cotte in attesa delle altre, trasferirle in un piatto e tenerle nel forno caldo, ma spento, e con lo sportello leggermente aperto.
    10. Procedere quindi con la cottura dei calamaretti.
    11. Passare i calamaretti nella farina, scuoterli leggermente per toglierne l'eccesso e friggerli. Fare attenzione agli schizzi.
    12. Lasciar friggere a fiamma vivace, fintanto che non sono ben dorati, quindi ritirarli con un mestolo forato ed asciugarli su un foglio di carta da cucina.
    13. Mescolare calamaretti e patatine, regolare di sale e servire immediatamente.

    STAGIONE

    Gennaio, settembre, ottobre, novembre, dicembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    Gli spiedini di gamberi al forno sono un secondo piatto leggero e saporito, preparato con poco condimento al forno. I gamberi cuociono con una leggera panatura aromatica mantenendo intatta la loro morbidezza. Serviteli insieme a insalata, oppure zucchine grigliate o al forno. Se si affettano ...



    Il filetto di salmone gratinato è un secondo piatto a base di pesce semplice da preparare, veloce, molto gustoso e anche leggero. Potete acquistare i filetti già tagliati e puliti in pescheria, oppure ricavarli da un codino. Se avete bisogno di indicazioni su come fare ...



    Il baccalà con i fagioli alla veneta è un piatto in umido tipico del padovano, che ho imparato a preparare direttamente da un piccolo produttore di fagioli, che con amore e dedizione coltiva questi legumi da oltre 50 anni. Spesso chiamata anche "zuppa", è intesa ...



    I pomodori ripieni di tonno sono squisiti pomodori rossi ramati ripieni di un composto a base di tonno e alici, aromatizzato con paté di olive nere. Per preparare un antipasto, anche da gustare come finger food, al posto dei pomodori ramati utilizzare dei piccoli pomodorini tondi ...



    L'insalata pantesca con sgombri è un piatto freddo tipico dell'isola di Pantelleria, in Sicilia, a base di sgombri e patate, pomodorini, cipolle, olive nere, origano e i capperi di Pantelleria, dal sapore unico e inconfondibile.   L'insalata pantesca con sgombri è ottima se fatta riposare per almeno mezz'ora, in ...



    Le seppie in umido con i piselli, spesso chiamate solo seppie con piselli, sono un secondo piatto diffuso soprattutto nel Lazio. Questa versione che vi proponiamo è con il pomodoro, ma abbiamo anche la variante in bianco. Le seppie in umido con i piselli ...



    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato