Trova ricetta

Pizza alle patate

    0.0/5 (0 voti)

    Ricette focacce, panini, pizze

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 850 Kcal a porzione
    • difficoltà media
    • pronta in 1 ora
    • ricetta vegetariana
    • si può preparare in anticipo
    • si può mangiare fuori

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    VARIANTE VEGAN

    Sei vegan e vuoi realizzare questa ricetta?

    E' sufficiente omettere la mozzarella. Aggiungere un filo d'olio in più per mantenere la pizza morbida.

    PREPARAZIONE

    1. Preparare la pasta della pizza secondo la ricetta di base.
    2. Terminata la lievitazione, preriscaldare il forno a 250° C accendendo le resistenze sia sopra, sia sotto.
    3. Ridurre la mozzarella a pezzettini sbriciolandola grossolanamente con le mani.
    4. Lavare le patate sotto acqua corrente, sbucciarle ed affettarle finemente.
    5. In un'ampia padella mettere l'olio e l'aglio spellato e schiacciato con i denti di una forchetta.
    6. Far soffriggere l'aglio fino a farlo dorare, quindi toglierlo e mettere le patate.
    7. Cospargerle con un pizzico di salamoia bolognese e farle cuocere per una decina di minuti circa, coperte, girandole di tanto in tanto con una paletta, fino a farle uniformemente rosolare. Spegnere il fuoco e tenerle da parte.
    8. Lavare il rosmarino, togliere le foglie e tritarle su un tagliere con una mezzaluna.
    9. Dividere la pasta della pizza in porzioni e stenderle con i polpastrelli direttamente dentro le teglie, lasciando il bordo un po' più spesso. Una porzione è in grado di foderare una teglia tonda del diametro di 28 cm.
    10. Cospargere con il pomodoro, unire la mozzarella, le patate, un filo d'olio ed una manciata di rosmarino tritato.
    11. Infornare per 15 minuti, coprendo per i primi 12 minuti con un'altra teglia rovesciata o carta stagnola.

    STAGIONE

    Ricetta per tutte le stagioni.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    APPROFONDIMENTI

    I suggerimenti di barbara

    Con una porzione di pasta è possibile foderare una teglia tonda da 28 cm di diametro. Utilizzando due porzioni è possibile foderare una teglia rettangolare di 30x40 cm.

    La cottura di due pizze contemporaneamente o di una pizza rettangolare richiede un tempo di cottura un po' più lungo.

    Il tempo di preparazione indicato non tiene conto di quello necessario per la preparazione della pasta (3 ore e mezza). Il tempo totale è di 4 ore e mezza.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    La pizza carasau è una ricetta in cui si condiscono i fogli di pane carasau come se fossero una pizza, con pomodoro, mozzarella, origano, olio extravergine e si passa poi tutto nel forno per una brevissima cottura. La ricetta di pizza carasau è velocissima ...



    La pizza ai wurstel è una pizza condita con pomodoro, mozzarella, wurstel e origano. La ricetta indicata è adatta alla preparazione nel forno domestico, che non raggiunge le elevate temperature dei forni a legna. La pizza ai wurstel è ottima appena preparata, ma se avanza si ...



    La pizza bianca patate e Brie è una pizza senza pomodoro, condita con fettine di patate, cubettini di formaggio Brie e aromatizzata con foglioline di rosmarino. Se l'avete, potete utilizzare al posto del sale la salamoia bolognese, un sale aromatico preparato con le spezie. La ricetta indicata ...



    La pizza marinara è una delle più classiche pizze napoletane, condita solo con pomodoro pelato spezzettato, aglio, origano e olio extravergine di oliva. La ricetta indicata è adatta alla preparazione nel forno domestico, che non raggiunge le elevate temperature dei forni a legna. Se avete la fortuna di ...



    La bruschetta è un piatto povero, di origine contadina, nato dalla necessità di conservare il pane a lungo. Il pane viene affettato, condito con olio, abbrustolito e strofinato con aglio. In alcune varianti è presente anche pepe, peperoncino, erbe e spezie. La bruschetta può ...



    Le crescentine montanare sono comunemente note come "tigelle", anche se si tratta di un nome improprio. "Tigelle" è il nome degli stampi di terracotta con cui una volta si cuocevano le crescentine nelle zone montane dell'Appennino Emiliano. Le tigelle sono quindi dei dischi di terracotta ...



    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web