Trova ricetta

Risotto cavolfiore e Gruyere

    0.0/5 (0 voti)

    Ricette primi piatti formaggio

    Risotto cavolfiore e Gruyere


    Il risotto cavolfiore e Gruyere è un primo piatto a base di riso, cavolfiori bianchi e Gruyere. E' semplice da preparare, non troppo calorico ed ha un sapore deciso, ma raffinato.

    Il risotto cavolfiore e Gruyere è ottimo nel periodo autunnale e invernale, quando i cavolfiori sono nel pieno della loro stagione. L'abbinamento con il Gruyere ne mette in risalto il sapore caratteristico.

     

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 460 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 1 ora
    • ricetta vegetariana

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    1. Grattugiare il Gruyere con una grattugia a fori larghi.
    2. Pulire il cavolfiore selezionando le cimette, lavarle sotto acqua fresca corrente e separarle fino ad ottenere fiorellini piccolini.
    3. Scaldare il brodo.
    4. In una pentola da minestra mettere l'olio e tritare lo scalogno molto finemente. Portare la pentola sul fuoco e far soffriggere a fiamma bassa finchè non diventa dorato, quindi unire un paio di cucchiai di brodo, un pizzico di sale e proseguire la cottura per un paio di minuti.
    5. Quando lo scalogno sarà ben dorato e il fondo di cottura asciutto, unire il riso e lasciarlo tostare per un minuto.
    6. Unire 4-5 mestoli di brodo bollente, le cimette di cavolfiore, una manciata di origano, una macinata di pepe, un pizzico di sale e impostare il timer secondo i minuti di cottura del tipo di riso che si sta usando (solitamente 15-18 minuti).
    7. Continuare unendo il brodo man mano che viene assorbito, mescolando di tanto in tanto, senza lasciare che il composto si asciughi troppo, altrimenti cuocerebbe male ed in modo discontinuo.
    8. A fine cottura unire il Gruyere, tenendone da parte un pochino per decorare, e mescolare per amalgamare con cura.
    9. Spegnere il fuoco, lasciare riposare un paio di minuti coperto e servire decorando con il Gruyere tenuto da parte.

     

     

    STAGIONE

    Gennaio, febbraio, marzo, ottobre, novembre, dicembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    APPROFONDIMENTI

    Il Gruyère è un formaggio svizzero D.O.P. di latte vaccino a pasta dura, cotto e stagionato. Ha sapore fruttato, di sapidità variabile a seconda del periodo di stagionatura. Ha una crosta unta giallo-bruna, granulosa ed una pasta morbida, di color avorio o giallo, con o senza occhiature. La forma è tonda, grande, piatta. Maggiori informazioni si possono trovare sul sito ufficiale al seguente indirizzo: www.gruyere.com.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    I ravioli di patate gorgonzola e noci sono un tipo di pasta ripiena realizzata con un impasto a base di farina e patate, anzichè con la classica sfoglia. E' un po' come mangiare degli gnocchi ripieni, soltanto che la pasta viene tirata sottile, farcita e ...



    La pasta alla ricotta è un primo piatto molto semplice da preparare, leggero, che piace solitamente anche ai più piccoli. Il condimento è a base di ricotta fresca, aromatizzata con noce moscata e pepe nero macinato al momento. La pasta alla ricotta è ottima ...



    Gli gnocchi al Taleggio sono un primo piatto a base di gnocchi e formaggio molto goloso e nutriente, adatto per un pranzo speciale o per le tavole delle feste. Gli gnocchi al Taleggio si possono anche mettere in una pirofila unta di burro, cospargere ...



    La pasta al gorgonzola è un primo piatto veloce, saporito e solitamente gradito a chi ama il gorgonzola dolce. Le foglie di salvia, lo scalogno e la noce moscata ne mettono in risalto il sapore, dando ancora più struttura al piatto. La pasta al ...



    Gli gnocchi viola con fonduta al Taleggio sono squisiti gnocchi preparati con le patate vitelotte, che hanno la caratteristica di avere la polpa viola intenso. Sono particolarmente adatte a preparare gli gnocchi e richiedono poca farina, essendo già per natura piuttosto appiccicose. Gli gnocchi ...



    I passatelli in brodo sono una minestra tipicamente Emiliano Romagnola e Marchigiana, caratteristica del periodo invernale e dei pranzi domenicali. I passatelli sono grossi spaghettoni composti da pangrattato, Parmigiano, uova e noce moscata, ottenuti tramite un apposito ferro, oppure con lo schiacciapatate a fori grossi. ...



    I ravioli di caprino al pesto sono una pasta ripiena la cui particolarità è quella di esere preparati non con la pasta all'uovo, ma con un impasto di patate simile a quello degli gnocchi che viene quindi farcito e cotto. I ravioli di caprino al pesto sono ...



    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web