Questo sito contribuisce alla audience di

Pulire le canocchie

di Barbara Farinelli

Rubriche Scuola di cucina La preparazione del pesce

Dopo aver cotto le canocchie nel modo più classico, ovvero dopo averle lessate, occorre pulirle per liberare la polpa. Vediamo come.

Tagliare la testa alla canocchia Prendiamo le canocchie una per una e cominciamo con l'operazione di pulizia.
Innanzitutto tagliamo la testa con un paio di forbici da cucina.
Tagliare la coda della canocchia Tagliare quindi la coda.
Tagliare le zampette della canocchia Tagliare le zampette.
Tagliare le appendici ventrali della canocchia Tagliare le appendici che si trovano sul ventre.

Tagliare tutte le appendici della canocchia Tagliare le appendici anche lungo tutto il dorso della canocchia, fino ad eliminarle completamente.
Tagliare le estremità della canocchia A questo punto occorre togliere l'ultima parte di guscio per liberare la polpa. Tagliare le estremità destra e sinistra della canocchia.

Togliere il guscio dalla canocchia Una volta tagliate le estremità sarà sufficiente tirare il guscio, che verrà via molto facilmente. Se dovesse rimanere attaccato in alcuni punti aiutarsi con le forbici per staccarlo.
Togliere il guscio dalla canocchia Man mano che si toglie il guscio resterà scoperta la polpa.
La polpa della canocchia Alla fine resterà la base della canocchia sulla quale rimane attaccata la polpa.



Per gustare al meglio le canocchie condirle con un filo d'olio e qualche goccia di succo di limone. In alternativa possono essere usate per preparare ottimi sughetti, zuppe o pasta asciutta.
Se occorre utilizzare solo la polpa è possibile staccarla dalla base del guscio semplicemente con le dita.

Approfondimenti:




www.lospicchiodaglio.it