Questo sito contribuisce alla audience di

Ricetta per la buccia d'arancia candita

di Barbara Farinelli

Rubriche La posta dei lettori Richiesta di ricette

Domanda

Come si fa la buccia d'arancia candita? Per favore indicatemi un procedimento dalla riuscita garantita.

Grazie.
Anna Maria da Acquaviva d. Fonti


Risposta

Cara Anna Maria

Ho questa ricetta della mia nonna, che le preparava con tanto amore, anche se richiedeva tanto tempo e pazienza. Ti do solo una raccomandazione. Devi essere molto certa della provenienza delle arance, che devono essere rigorosamente non trattate e da agricoltura biologica. Devi infatti considerare che in questa preparazione mangi le bucce che, se le arance sono state trattate, trattengono grossi dosi di pesticidi, diserbanti, anticrittogamici.

Arance candite
di Barbara Farinelli

Ingredienti

  • 6 arance da agricoltura biologica non trattate
  • zucchero semolato
  • acqua

Preparazione

  • Lavare molto bene le arance spazzolandone accuratamente la buccia con uno spazzolino.
  • Incidere la buccia delle arance in spicchi staccandoli dalla polpa cercando di non romperli. Non rimuovere la parte bianca. Tagliare gli spicchi in striscioline di un centimetro di larghezza circa.
  • Mettere le bucce in un'ampia ciotola piena di acqua fredda e riporla nel frigorifero per 48 ore cambiando l'acqua ogni 12 ore.
  • Mettere in una pentola 1 litro di acqua, sciogliervi 1 Kg di zucchero, mescolare bene e portare sul fuoco. Quando l'acqua arriva a bollore unire le bucce delle arance ben scolate.
  • Cuocere per un'ora a fiamma bassa, mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.
  • Trascorso il tempo indicato ritirare le bucce delle arance con una schiumarola scolandole bene e metterle in un ampio piatto pieno di zucchero, cospargendole e tenendole non troppo addossate le une alle altre.
  • Prima di consumarle occorre attendere che si asciughino bene. In genere occorrono 48-72 ore nelle quali vanno tenute nello zucchero che deve essere cambiato quando diventerà troppo umido perché il suo scopo è proprio quello di far asciugare le scorze delle arance.

Note:

  • Per asciugare bene le scorze di 6 arance occorrono mediamente 2 Kg di zucchero. Quando lo si cambia, quello inumidito lo si può mettere ad asciugare su un ampio piatto. E' possibile consumarlo, entro un paio di giorni, per preparare altri dolci, come ad esempio delle buone focacce.
  • Le scorze candite, chiuse in un contenitore ermetico, si conservano per 3 mesi circa.
  • Con lo stesso procedimento si può candire anche la buccia dei limoni o dei cedri.


Un caro saluto
Barbara

www.lospicchiodaglio.it