Questo sito contribuisce alla audience di

Domande sull'uso della vaporiera elettrica per cuocere il riso

di Barbara Farinelli

Rubriche La posta dei lettori Padelle, pentole, elettrodomestici

Domanda

Buongiorno,
ho appena acquistato una vaporiera a tre piani e innazitutto volevo dirvi che sono molto contenta di avere trovato le vostre informazioni altrimenti non avrei saputo come fare... infatti mi domandavo come facevo a mettere il riso che sarebbe caduto nei buchi!! Da quel che ho capito sia per riso che per pasta bisgona metterlo nella vaschetta chiusa dentro un cestello (è meglio nel primo?) e con acqua e sale, praticamente è la stessa cosa di quando si cuoce normalmente sul gas? E dov'è il beneficio?
Un'altra cosa, dato che io metto l'acqua della Britta che filtra il calcare pensavo se avanza di lasciarla dentro per la volta successiva, è possibile oppure non va bene lasciarla dentro?

Grazie mille per la vostra risposta e complimenti per il sito molto utile
Elena


Risposta

Cara Elena
Per cuocere il riso è in effetti meglio mettere la vaschetta sul primo cestello: essendo più vicino all'erogatore di vapore la cottura è più veloce, con risparmio di tempo e corrente elettrica.

Il beneficio della cottura del riso a vapore, rispetto a quella in pentola sul gas, è che l'acqua che metti è calibrata per essere totalmente assorbita dal riso, che mantiene pertanto inalterate tutte le proprietà nutritive che in pentola si disperdono invece nell'acqua che poi butti via quando lo scoli. Anche la temperatura è molto importante: nella vaporiera la vaschetta raggiunge al massimo gli 85-90 gradi, mentre sul fuoco si sale sensibilmente con maggior distruzione di nutrienti.

Anche se filtri l'acqua con la caraffa, è sempre bene pulire la vaporiera ad ogni utilizzo. Ci sono sempre dei minerali disciolti nell'acqua, perfino in quella imbottigliata, che tendono con il tempo a depositarsi e formare calcare.

Un caro saluto
Barbara

www.lospicchiodaglio.it