Gnocchetti sardi pancetta e piselli

    5.0/5 (1 voti)

    Ricette primi piatti carne

    Gnocchetti sardi pancetta e piselli


    Gli gnochetti sardi pancetta e piselli sono un primo piatto semplice, ma particolarmente aromatico, dove un leggero sugo di pomodoro lega il gusto affumicato della pancetta a quello dolce dei piselli.

    I piselli sono un ortaggio tipicamente primaverile, stagione in cui gli gnochetti sardi pancetta e piselli sono particolarmente buoni. Nelle altre stagioni dell'anno si possono usare i piselli surgelati.

    INGREDIENTI

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 470 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 30 minuti
    • si può preparare in anticipo
    • si può mangiare fuori

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    • Ridurre la pancetta a cubetti.
    • Mettere in una padella l'olio e l'aglio spellato. Portarla sul fuoco e far rosolare l'aglio a fiamma dolce fintanto che non si sarà ben dorato.
    • Unire la pancetta e farle prendere colore mescolando.
    • Aggiungere i piselli e cuocere per 3-4 minuti mescolando spesso.
    • Aggiungere il pomodoro, mescolare bene e cuocere per 15 minuti a fiamma media, coperto, girando di tanto in tanto. Se il sugo tendesse ad asciugarsi troppo aggiungere qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta o di brodo vegetale. Regolare di sale solo a fine cottura.
    • Lessare la pasta in abbondante acqua salata e, poco prima di scolarla, aggiungere un mestolo di acqua di cottura nella padella del condimento, quindi accendere il fuoco.
    • Saltare la pasta scolata a fiamma vivace nella padella del condimento per qualche istante, girando di frequente.
    • Servire immediatamente con un'abbondante macinata di pepe.

    STAGIONE

    Marzo, aprile, maggio, giugno.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da . Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    I suggerimenti di barbara

    Questa pasta è ottima anche al forno. Disporla in una pirofila ben unta d'olio, cospargerla con Parmigiano grattugiato e gratinarla. In questo modo è possibile anche conservarla per un giorno in frigorifero, gratinandola solo poco prima di mangiarla. Ottima, se avanza, anche il giorno dopo, scaldata nel forno a 200°C per una decina di minuti. Se tende a scurirsi troppo coprirla con la carta stagnola.

    Nella versione al forno, si può congelare e conservare per 3 mesi circa. Al momento di consumarla metterla nel frigorifero la sera prima e scaldarla al momento di mangiarla nel forno come descritto in precedenza.


    www.lospicchiodaglio.it


    3 commenti su questa ricetta

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Roberto: in effetti la forma corretta è quella con l’articolo lo per il singolare e gli per il plurale: lo gnocco, gli gnocchi, ma accanto alla forma corretta vivono nell’uso colloquiale – soprattutto in Italia settentrionale – anche le forme il gnocco e i gnocchi: ridi che mamma ha fatto i gnocchi!
    Fonte: enciclopedia Treccani.

    A volte mi permetto qualche piccola libertà, pur restando nel consentito. Grazie comunque per la segnalazione!

    Roberto ha detto:
    Buona la ricetta, scarsa l'ortografia ( "i gnocchetti...")

    3 commenti su 3
     

    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web