Trova ricetta

Meringhe

    4.8/5 (4 voti)

    Ricette frutta e dolci

    Meringhe


    Le meringhe sono gustosi dolcetti a base di zucchero e bianco d'uovo montato a neve, dalla consistenza leggerissima e dal sapore inconfondibile. Le meringhe non subiscono un vero e proprio processo di cottura in forno, ma una lenta asciugatura che fa ottenere a questo dolcetto la caratteristica croccantezza.

    Le meringhe possono essere variate con l'aggiunta di altri ingredienti, come cacao, frutta secca tritata o spezie che si incorporano a fine preparazione, con movimento dal basso verso l'alto.

    INFORMAZIONI

    • 8 persone
    • 180 Kcal a porzione
    • difficoltà difficile
    • pronta in 4 ore
    • ricetta vegetariana
    • si può preparare in anticipo
    • si può mangiare fuori

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    1. Per una buona riuscita della ricetta occorre dosare bene il peso degli ingredienti. Una volta separati gli albumi dalle uova pesarli. La quantità di zucchero necessaria sarà esattamente il doppio del peso degli albumi. Ad esempio se i 4 albumi della ricetta pesano 180 grammi occorreranno 360 grammi di zucchero.
    2. Mettere gli albumi in una ciotola molto ben pulita, possibilmente di vetro o di acciaio.
    3. Cominciare a montarli con la frusta elettrica lentamente. Quando comincia a comparire un po' di schiuma morbida aumentare la velocità.
    4. Quando gli albumi cominciano a diventare bianchi e spumosi aggiungere lo zucchero, poco per volta, continuando a montare per incorporarlo completamente.
    5. Quando i bianchi saranno ben montati, lucidi e piuttosto sodi saranno pronti. Per verificarlo rovesciate la ciotola: dovranno restare fermi e non cadere.
    6. Mettere il composto in una tasca da pasticcere e spremere dei piccoli mucchietti su una teglia ricoperta con un foglio di carta da forno, lasciando un paio di centimetri di distanza fra uno e l'altro.
    7. Cuocerle per 3 ore nel forno preriscaldato a 80° C, meglio se con la funzione ventilata. Aprire il forno per qualche istante, di tanto in tanto, per aiutare la fuoriuscita di umidità.
    8. Conservate in una scatola di latta si mantengono buone per 10 giorni circa.

    STAGIONE

    Ricetta per tutte le stagioni.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Giovanni Caprilli. Fotografia di Christian Sabatino. Tutti i diritti riservati.

    APPROFONDIMENTI

    Grazie a Dario Bressanini per i preziosi consigli. Per un approfondimento sulla preparazione delle meringhe vi consiglio questo articolo del suo blog: le ricette scientifiche: le meringhe.

    I suggerimenti di barbara

    Utilizzare uova molto fresche. Se le uova sono vecchie la schiuma sarà meno stabile. Fare molta attenzione quando si separa l'albume: se vi rimangono tracce di tuorlo il grasso in esso contenuto non farebbe montare completamente l'albume. L'albume monta più facilmente se è a temperatura ambiente.

    Sostanze acide favoriscono la montatura. Per questo si può aggiungere un po' di succo di limone, che ha anche il vantaggio di rendere molto bianca la meringa. La giusta dose è di 4-5 gocce ogni 100 grammi di albume.

    Non aggiungere sale. Nonostante quanto si crede il sale destabilizza la schiuma. Utilizzando lo sbattitore elettrico il sale è perfettamente inutile, se non deleterio.

    La temperatura di cottura ottimale è tra i 65 e i 90°C. A temperature inferiori l'asciugatura non avviene in modo regolare, a temperature superiori si rischia di caramellare lo zucchero ed ottenere meringhe brune. Purtroppo però i forni domestici non sono così precisi a mantenere una temperatura costante. Mettendolo a 80°C c'è però buona possibilità che non scenda sotto i 60 e non superi i 100.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    Le raviole bolognesi al forno sono dolcetti tipici bolognesi, realizzati con la pasta da ciambella e ripiene di mostarda, una confettura preparata nelle case contadine emiliane con mele cotogne e scarti di frutta di vario tipo, in genere le prugne. Ha un sapore acidulo molto ...



    La cioccolata in tazza è una bevanda a base di latte e cioccolato, molto famosa e diffusa, soprattutto dove gli inverni sono lunghi e freddi. E' infatti un piacere gustarla, sia per il fatto che è calda, sia perchè il cioccolato è una vera golosità. ...



    La crostata alla Nutella è un classico della cucina italiana in quasi tutte le regioni. Molto semplice da preparare, si presta ottimamente come dolce per la colazione, la merenda o come fine pasto. La crostata alla Nutella è ottima con qualsiasi tipo di crema ...



    Le caldarroste sono castagne o marroni incise e cotte sul fuoco, all'interno di recipienti bucherellati. La cottura ideale avviene sulle braci di un camino, che aromatizzano le caldarroste, ma si riesce anche a cuocerle sul fornello, anche se non hanno lo stesso sapore. Le ...



    La cicerchiata è un dolce tipico di Carnevale, riconosciuto come Prodotto Agroalimentare Tradizionale per l'Abruzzo, le Marche ed il Molise, ma molto diffuso anche in Umbria e nel Lazio. L'impasto e la preparazione della cicerchiata sono molto simili a quello degli struffoli napoletani, che vengono ...



    I bocconcini di Pan di Spagna glassati sono dolcetti molto semplici da preparare, ma allo stesso tempo colorati e golosi. Qui sono stati decorati con codette di zucchero, ma si possono utilizzare anche codette di cioccolato, coriandolini di zucchero, fiorellini o quant'altro vi suggerisce la ...



    Il pandoro farcito è un classico pandoro natalizio farcito con una crema al mascarpone e decorato con cioccolato fondente. Ottimo per pranzi e cene del periodo natalizio, è molto scenografico e decorativo, oltre che buono. Il pandoro farcito si può preparare un giorno prima ...



    2 commenti su questa ricetta

    Barbara Farinelli ha detto:
    @fabrizio: hai seguito bene tutte le indicazioni? In particolare la ciotola deve essere molto pulita e di vetro. Non usare il proverbiale pizzico di sale. Utilizza uova molto fresche e a temperatura ambiente. Attenzione a quando separi tuorli e albumi: negli albumi non deve esserci alcuna traccia di tuorlo. Aggiungi 4-5 gocce di succo di limone ogni 100 grammi di albume. Utilizza lo sbattitore elettrico. In bocca al lupo per i tuoi prossimi tentativi!

    fabrizio ha detto:
    salve volevo sapere xche nn mi monta l'impasto.
    sono 2 volte che provo a farlo ma il risultato e lo stesso.

    2 commenti su 2
     

    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web