Trova ricetta

Gnocchi di zucca burro e salvia

    4.5/5 (13 voti)

    Ricette primi piatti verdura

    Gnocchi di zucca burro e salvia


    Gli gnocchi di zucca sono una specialità autunnale e invernale, dal sapore caratteristico, molto particolari, un po' difficili da preparare, ma che vi daranno grande soddisfazione. E' assolutamente necessario scegliere una varietà di zucca poco acquosa, soda e compatta, come ad esempio la Mantovana o la Delica.

    La difficoltà nella preparazione degli gnocchi di zucca è nella lavorazione dell'impasto che deve prendere poca farina, per non diventare duro e attaccarsi al palato. Per non dover aggiungere troppa farina lavorarlo poco, oppure utilizzare una tasca da pasticcere.

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 360 Kcal a porzione
    • difficoltà media
    • pronta in 1 ora e ½
    • ricetta light
    • si può preparare in anticipo
    • si può mangiare fuori

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    VARIANTE VEGETARIANA

    Sei vegetariano e vuoi realizzare questa ricetta?

    Utilizza un formaggio da grattugia vegetariano al posto del Parmigiano Reggiano.

    PREPARAZIONE

    Preparazione degli gnocchi

    1. Lavare la zucca sotto acqua fresca corrente e tagliarla a metà.
    2. Eliminare i semi ed i filamenti aiutandosi con un cucchiaio.
    3. Eliminare la buccia e tagliarla a fette alte 1 centimetro. Fare molta attenzione a rispettare il peso indicato in ricetta.
    4. Mettere le fette di zucca su una teglia foderata con un foglio di carta da forno.
    5. Cospargere con un pizzico di sale ed infornare a 160° C per 30-35 minuti. Aprire il forno a metà cottura per far uscire il vapore, così si asciugherà meglio.
    6. Per capire se la zucca è pronta schiacciarla con una forchetta: deve essere tenera e spappolarsi.
    7. Sfornare e farla raffreddare.
    8. Schiacciare la zucca con una forchetta fino ad ottenere un composto cremoso e metterlo in una ciotola.
    9. Unire la farina, l'uovo, il Parmigiano grattugiato ed amalgamare.
    10. Dividere il composto in piccole parti e lavorarle una per una.
    11. Su un tagliere di legno appena infarinato lavorare una parte della pasta fino ad ottenere un rotolino di un paio di centimetri di diametro.
    12. Tagliare con un coltello dei pezzetti da due centimetri.
    13. Appoggiarli uno alla volta sui denti di una forchetta e rigarli spingendoli delicatamente con il pollice.
    14. Disporli su un vassoio infarinato facendo attenzione a che non si tocchino fra loro, altrimenti si attaccano.
    15. Se vuoi vedere una guida passo passo di come si preparano e rigano gli gnocchi, clicca qui.


    Alcune note sulla preparazione degli gnocchi

    1. E' importante usare meno farina possibile, altrimenti gli gnocchi diventeranno duri. Per questo è bene lavorare piccole porzioni di impasto alla volta.
    2. Se non siete molto esperti e non vi riesce di rigare gli gnocchi perchè sono troppo appiccicosi, piuttosto che aggiungere troppa farina cuoceteli senza rigatura, saranno comunque buonissimi.
    3. Se il composto è troppo morbido per essere lavorato su un tagliere, si può mettere in una tasca da pasticcere. Al momento di cuocerli far cadere pezzettini di impasto direttamente nell'acqua a bollore. Alternativamente prelevare l'impasto con un cucchiaino e farlo cadere nella pentola aiutandosi con un altro cucchiaino.


    Per completare la preparazione

    1. Sciogliere il burro in una capace padella assieme alle foglie di salvia. Spegnere fintanto che non si cominciano a ritirare gli gnocchi.
    2. Lessare gli gnocchi in abbondante acqua salata a bollore. La pentola deve essere ampia e contenere molta acqua rispetto alla quantità degli gnocchi. Il fuoco di adeguate dimensioni per mantenere il bollore.
    3. Durante la cottura non mescolare troppo spesso e non farlo violentemente. Gli gnocchi sono delicati. Sono cotti quando salgono in superficie. Io solitamente attendo in più un altro mezzo minuto a ritirarli perché mi piace che abbiano raggiunto un certo calore all'interno.
    4. Gli gnocchi non si scolano, ma si ritirano con una ramina mettendoli direttamente nella padella del condimento. Anche questa padella deve essere molto ampia e gli gnocchi devono poter essere mantecati delicatamente, utilizzando una paletta, per mescolarli al sugo senza strapazzarli troppo.
    5. Rivoltare deliatamente con una paletta gli gnocchi nella padella del condimento per qualche minuto e servire con altro Parmigiano grattugiato.

    STAGIONE

    Gennaio, febbraio, ottobre, novembre, dicembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    APPROFONDIMENTI

    Come si fa... a pulire la zucca? Guida fotografica passo passo.

    I suggerimenti di barbara

    Ottimi, se avanzano, anche il giorno dopo, scaldati nel forno a 200°C per una decina di minuti. Se tendono a scurirsi troppo coprirli con la carta stagnola. La versione pronta per essere gratinata può anche essere congelata. Si conserva così per 3 mesi circa. Al momento di consumarla metterla nel frigorifero la sera prima e scaldarla al momento di mangiarla nel forno come descritto in precedenza.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    La pasta alle zucchine trifolate è un primo piatto a base di verdure semplice da preparare, leggero, ma saporito. L'importante per prepararlo al meglio è scegliere zucchine piccole e di ottima qualità. La pasta alle zucchine trifolate può essere preparata anche nella variante fredda ...



    Il risotto ai peperoni è una preparazione veloce e leggera, tipica della stagione estiva, quando i peperoni sono dolci e carnosi, ricchi di sapore e vitamine. Con il loro aroma intenso e il colore allegro vi daranno un profumatissimo risotto. Per la preparazione del risotto ...



    La zuppa di cipolle aromatizzata allo speck è una zuppa tipica delle zone montane del Trentino e dell'Alto Adige. Preparata in diverse varianti, è un piatto che scalda e dà sostanza, anche se la versione che vi propongo è un po' alleggerita. Per la gratinatura occorrerebbe del ...



    La zuppa di zucca, ceci e bietole è una squisita minestra che mette insieme alcuni ortaggi tipici della fine dell'estate e dell'autunno. Secondo me è ottima con la zucca di qualità delica, ma va bene qualsiasi tipo, purchè a pasta dura e compatta, altrimenti si sfalda ...



    Il risotto ai carciofi è un gustoso risotto da servire come primo piatto, in cui il riso mette bene in risalto il sapore unico dei carciofi. Il risotto ai carciofi è un piatto tipico del periodo autunnale e invernale, quando i carciofi sono nel ...



    Il risotto alle zucchine è una delizia tipicamente primaverile, quando si trovano le zucchine piccole piccole, lunghe e sottili, adatte per questa preparazione perchè non si rompono in cottura. Hanno inoltre un sapore più intenso, che viene messo in risalto da aglio, prezzemolo e da ...



    L'insalata di farro e verdure saltate è un primo piatto vegan preparato con farro perlato e verdure cotte brevemente nel wok, il tutto condito con salsa di soia. Io ho usato cipolle, carote, zucchine e ravanelli, ma si possono usare anche melanzane, peperoni, fagiolini, funghi ...



    La pasta e piselli è una minestra veramente deliziosa in cui lo scalogno mette in grande risalto il sapore delicato e caratteristico dei piselli. Per la buona riuscita del piatto è fondamentale l'utilizzo di un ottimo brodo vegetale, che dà sapore e struttura al piatto. ...



    4 commenti su questa ricetta

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Marina: esatto! :-)

    Marina ha detto:
    Ciao! volendoli preparare per 4/5 persone devo semplicemente raddoppiare tutte le dosi? quindi 800gr di zucca, 200gr di farina e 2 uova? grazie!

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Carlo: secondo le regole del corretto italiano si deve usare "gli" gnocchi, ma è ammesso anche l'uso di "i" gnocchi, quale derivazione del detto popolare, soprattutto del nord italia (al sud si dice correntemente "gli" gnocchi). Cito dal sito della Treccani:

    "Ricordiamo che, davanti ai nessi consonantici complessi (dal diffusissimo st- di stato al rarissimo ft- di ftalato, passando attraverso gli iniziali z, s palatale [sci- e sc(e)], n palatale [gn-], x-, pn-, ps-, pt-, ct-, mn-), la norma prescrive l'uso di lo/gli e di uno/degli."

    http://www.treccani.it/magazine/lingua_italiana/domande_e_risposte/grammatica/grammatica_034.html

    Carlo ha detto:
    I GNOCCHI (non GLI gnocchi, gnocco!!!)

    4 commenti su 4
     

    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato