Questo sito contribuisce alla audience di

Informazioni sulla margarina

di Dott.ssa Letizia Saturni

Rubriche II nutrizionista risponde Alimenti

Domanda

Ciao a tutti,
è sicuramente superfluo dirvi che siete bravissimi, ma devo farlo perché lo meritate.
Ho appena letto l'articolo sul burro e visto che mi è piaciuto molto vorrei chiedervi delle informazioni sulle margarine vegetali, con omega 3, con e senza questi grassi idrogenati.
Ma quanto ci fanno male? Non è meglio utilizzare il burro?

Un mega abbraccio,
vostra affezionatissima Rosaria da Eboli


Risposta

Ciao Rosaria,

a nome di tutti la ringrazio moltissimo! Fa sempre piacere sentire un caloroso ed affettuoso riscontro...

Dobbiamo a Napoleone III l'invenzione della margarina. Infatti nel 1866 l'imperatore bandisce un concorso per inventare un grasso economico e di facile conservazione, destinato ai lavoratori, alla marina e all'esercito. Appare sul mercato "l'oleomargarina", fatta di grasso di bue fuso e raffreddato, emulsionato con una miscela di acqua e caseina di latte. Da qui in breve tempo la margarina trovò largo impiego e fu un prodotto ben accolto anche da altri Paesi. L'allargamento della sua produzione fu un fatto vantaggioso per i semi oleaginosi d'importazione. Potevano essere utilizzati sia attraverso la tecnologia dell'idrogenazione - un olio fluido diventa un prodotto denso - sia con la tecnica del frazionamento che permette di separare la parte solida da quella liquida.

Il trionfo della margarina e dei grassi idrogenati che ne derivano sarà consacrato in Europa nel 1929. Dopo la seconda guerra mondiale si assiste ad una crescita ulteriore. Olio di mais e di soia vengono successivamente utilizzati come materie prime. Oggi la soia domina il mercato ed è usata nell'80% degli oli idrogenati.

L'accordo in campo scientifico è unanime: gli acidi grassi trans - che derivano dal processo di idrogenazione- nella dieta sono un fattore di rischio poiché aterogenici. Aumentano infatti il rischio di patologie cardiovascolari.

Non è dunque il valido sostituto del burro come era stata presentata. Con il passare degli anni si è guadagnata l'immagine di prodotto salutare che ha conquistato i consumatori, sebbene si tratti di una rappresentazione non veritiera frutto di campagne pubblicitarie che hanno giocato su proprietà di leggerezza - perché vegetale - non vere.

Un caro saluto
Dott.ssa Letizia Saturni

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

Gli stuzzichini per una cena veloce con gli amici

Tante piccole idee per accogliere gli ospiti in modo goloso e colorato

Vai all'articolo »