Questo sito contribuisce alla audience di

Desideravo sapere se mangiare tanta frutta fa ingrassare

di Dott. Luigi Schiavo

Rubriche II nutrizionista risponde Consigli alimentari

Domanda

Caro dottore, sono una ragazza di 27 anni, peso 65 kg per 1,64 di altezza.

Il mio lavoro mi porta a stare seduta per molte ore (8) e la sera sono davvero esausta per poter affrontare la palestra. Le mie abitudini alimentari sono le seguenti:

  • Colazione: The verde + 2 barrette ai cereali (fitness) + caffè
  • Pranzo: Verdura cotta + legumi, insalata poco condita e frutta abbondante (circa 600 g) oppure petto di pollo ai ferri + insalata, bresaola, mozzarella, pesce
  • Durante la giornata qualche caffè senza zucchero e chewing gum
  • Cena: di solito un secondo con insalata + pane + frutta (come pranzo) oppure solo frutta.

Desideravo sapere se mangiare tanta frutta fa ingrassare, e cosa posso fare per diminuire i dosaggi perché non ci riesco. Vorrei perdere 5 kg mi può dare qualche consiglio.

Grazie

N.B. sono in amenorrea da circa un anno e da due mesi assumo INOFOLIC + SENECIOPLUS a gocce.

La saluto cordialmente
Francesca da Castelluccio Superiore (PZ)


Risposta

Carissima Francesca,

nonostante la grande importanza che rivestono i carboidrati nell'ambito di una dieta equilibrata e bilanciata, per un giusto mantenimento del peso corporeo, il consumo di zuccheri semplici non dovrebbe tuttavia essere eccessivo.

In particolare, gli zuccheri semplici più comuni nella nostra alimentazione sono il saccarosio (zucchero comune o contenuto nei dolci), il lattosio del latte e il fruttosio della frutta; si tratta di zuccheri a rapido assorbimento ovvero che forniscono un'energia immediata, ma se assunti in eccesso non vengono consumati e sono quindi trasformati in grassi che si depositano nell'organismo.

Da quanto riferisce, il suo consumo di frutta è di circa 1Kg e più al giorno, il che mi sembra un pochino eccessivo per i motivi menzionati in precedenza. Mi limiterei ad un frutto, uno a cena e magari uno come spuntino o merenda.

Comunque a mio parere anche la sua condizione ormonale e l'amenorrea conseguente gioca un ruolo importante e se corretta la porterà di certo a perdere automaticamente qualche chiletto.

Infine un pochino di moto le gioverebbe di sicuro; ricordi che volere è potere; quindi, non sia pigra :)

Serena giornata
Dott. Luigi Schiavo



Dott. Luigi SCHIAVO
Primo Policlinico, Seconda Università di Napoli, Ambulatorio di Chirurgia dell'obesità (IX Chirurgia Generale)
Nutrizionista (Numero Iscrizione Albo 055729)
Dottore di Ricerca [Settore Fisiologia, Endocrinologia e Metabolismo]
Socio SICOB [Società Italiana di Chirurgia dell'Obesità e delle Malattie Metaboliche]
Responsabile per la Regione Campania della Fondazione Italiana per la Lotta all'Obesità Infantile ONLUS

Esercita a:
CASERTA
Via F. Daniele 10 (angolo Via Roma-Corso Trieste), (Centro Medico VILLA ROSA), tel. 0823/1702419-22
LUSCIANO (CE)
Via Fratelli Cervi 3, tel. 334/5099818
MARCIANISE (CE)
Via Raffaele Musone 292 (Centro Medico), Tel. 0823/823616
NAPOLI
Via S. Tullio 101 (angolo Via Epomeo), (Studio Medico Polispecialistico GIFRAN), Telefono 081/7661730
ROMA
Via Tirone 11/13 (zona Marconi), presso Ufficio s.r.l., tel. 3345099818

sito web: www.schiavonutrizione.it
e-mail: posta@schiavonutrizione.it

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

La nuova vita dei malati di sclerosi

Diventare mamme e fare sport agonistico fino a ieri erano due sogni impossibili. Oggi non più

Vai all'articolo »