Trova ricetta

Polpo alla catalana

    5.0/5 (6 voti)

    Ricette antipasti pesce

    Polpo alla catalana


    Il polpo alla catalana è un antipasto a base di pesce tipico della Sardegna, ma diffuso in tutto il sud Italia. Il polpo bollito viene tagliato a tocchetti e insaporito con cipolla rossa di Tropea e pomodorini.

    Il polpo alla catalana è ottimo freddo, nelle calde giornate estive e può essere anche un secondo piatto o un piatto unico se accompagnato da buon pane fresco o abbrustolito.

    INFORMAZIONI

    • 4 persone
    • 200 Kcal a porzione
    • difficoltà media
    • pronta in 1 ora e ½

    INGREDIENTI

    Per la cottura del polpo

    Per completare la preparazione

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    Preparare il polpo

    1. Lavare il sedano, eliminare le parti rovinate, quindi affettarlo nello spessore di mezzo centimetro circa.
    2. Lavare la carota, eliminare le estremità e affettarla nello spessore di mezzo centimetro circa.
    3. Pulire la cipolla eliminando lo strato esterno di consistenza cartacea, quindi tagliarla a spicchietti.
    4. Mettere in una pentola piuttosto alta l'acqua e le verdure. Aggiungere il pepe nero in grani e metterla sul fuoco. Portarla a bollore.
    5. Nel frattempo pulire il polpo lavandolo accuratamente sotto acqua fresca corrente, eliminare le viscere contenute nella sacca, gli occhi, il dente centrale e strofinarlo per eliminare la patina vischiosa.
    6. Quando l'acqua bolle unire il polpo calandolo nell'acqua tenendolo per la testa. Se volete far arricciare i tentacoli, immergetelo per tre volte prima di calarlo definitivamente.
    7. Coprire, attendere che riprenda il bollore, quindi abbassare a minimo la fiamma. L'acqua deve appena sussultare per tutta la durata della cottura.
    8. Cuocere per 20 minuti a pentola coperta.
    9. Trascorso il tempo indicato spegnere il fuoco e lasciar riposare 20 minuti, sempre a pentola coperta.
    10. Sollevare il polpo con una pinza da cucina e infilare i denti di una forchetta alla base dei tentacoli. Deve entrare morbidamente, segno che è ben cotto. Se la carne del polpo fa resistenza proseguire l'ammollo per un altra decina di minuti.
    11. Quando pronto tirarlo su dall'acqua e metterlo su un tagliere.
    12. Se occorre eliminare la pelle è sufficiente strofinarlo, verrà via molto facilmente. Non togliete però la pelle fra i tentacoli perchè li rovinerebbe e verrebbero tutti via.
    13. Togliere la pelle dalla testa perchè in genere è un po' duretta.
    14. Affettare il polpo a tocchetti, lasciando un po' più lunghi i tentacoli nella parte terminale.
    15. Mettere tutti i pezzettini di polpo in una ciotola.


    Per completare la preparazione

    1. Pulire la cipolla eliminando lo strato esterno di consistenza cartacea, tagliarla a metà per il lungo, quindi affettarla fine. Metterla a bagno in acqua e aceto per 5 minuti, quindi scolarla e unirla al polpo.
    2. Lavare i pomodorini, tagliarli a spicchi e unire anche questi al polpo assieme alle foglie di basilico lavate e spezzettate.
    3. Condire con l'olio e mescolare bene.
    4. Assaggiare per regolare di sale.
    5. E' buono anche appena mangiato, ma è migliore se fatto riposare in frigorifero per un'oretta.

    STAGIONE

    Gennaio, giugno, luglio, agosto, settembre, ottobre, novembre, dicembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    Il polpo alla catalana è un antipasto a base di pesce tipico della Sardegna, ma diffuso in tutto il sud Italia. Il polpo bollito viene tagliato a tocchetti e insaporito con cipolla rossa di Tropea e pomodorini. Il polpo alla catalana è ottimo freddo, ...



    Le capesante gratinate alla paprica sono una variante alle classiche capesante gratinate, dal sapore più deciso e aromatico perchè la panatura viene arricchita al sapore dello scalogno e della paprica. Sono deliziose, appena sfornate oppure tiepide. Le capesante gratinate alla paprica sono un ottimo ...



    Le capesante gratinate sono un ottimo antipasto a base di pesce, semplice da preparare e molto gustoso grazie alla delicata panatura che qui vi proponiamo senza l'aggiunta di formaggi, per gustarne appieno il delicato sapore. Le capesante gratinate non si possono cuocere in anticipo ...



    Le cozze alla marinara sono un antipasto semplice e veloce da preparare, poco calorico, in cui il sapore delle cozze viene preservato dalla delicatezza della cottura e messo in risalto da qualche goccia di succo di limone. Le cozze al limone così preparate si ...



    Le capesante al gratin di capperi sono un antipasto semplice da preparare e molto gustoso grazie alla delicata panatura aromatizzata con i capperi. Vi consiglio di utilizzare quelli sotto sale e sceglierli di ottima qualità, perchè in questa ricetta devono dare sapore e risalto alla ...



    Le tagliatelle di calamari sono sottili striscioline di calamari lessate in acqua o cotte a vapore e condite con olio e un trito di aglio e prezzemolo. Le tagliatelle di calamari sono ottime come antipasto, ma possono anche essere una base per altre ricette ...



    Le cappe e pomodorini al gratin è una ricetta a base di vongole, cozze e pomodorini tipo Pachino che vengono gratinati al forno con una farcitura di pane, aglio e prezzemolo, aromatizzata con il liquido di cottura dei molluschi. Sono ottimi appena sfornati, dopo appena ...



    Le capesante alla veneziana sono un antipasto a base di pesce molto delicato, gustoso e bello da vedere poichè i gusci sono particolarmente scenografici. Le capesante alla veneziana si possono gustare appena preparate, ma anche fredde. Si conservano ottimamente per qualche ora in friforifero, ...



    4 commenti su questa ricetta

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Elena: certamente! Mettilo a tocchetti in una ciotola condito con olio e mescola bene. Copri e conserva in frigorifero. Tienilo un po’ a temperatura ambiente prima di completare la preparazione perché con il freddo tende a gelificare.

    Elena ha detto:
    Posso cuocerlo e tagliarlo la sera prima e terminare il condimento la mattina dopo? Se sì, posso lasciarlo semplicemente nel frigo?
    Grazie.

    Barbara Farinelli ha detto:
    @concetta: cruda! Ma fatta marinare in acqua e aceto, diventa più digeribile.

    concetta ha detto:
    Non ho capito se nel polpo alla catalana la cipolla di tropea va messa cotta o cruda.

    4 commenti su 4
     

    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web