Questo sito contribuisce alla audience di

Ho tante tante intolleranze e non so più cosa mangiare!

di Dott. Luigi Schiavo

Rubriche II nutrizionista risponde Intolleranze e allergie

Domanda

Salve mi chiamo Samanta ed ho 27 anni, da 8 mesi soffro di forti mal di testa, disturbi gastrointestinali, eczemi... cosi all'inizio mi hanno curato solo per una gastrite, l'ecografia fatta ha evidenziato una forte infiammazione con modico ispessimento del tratto sovracardiale dell'esofago quale possibile segno ecografico di flogosi (esofagite?).

Cosi avendo sempre dolori ho fatto le analisi al sangue per 221 alimenti ed è risultato intolleranza a svariati alimenti:
- latte di mucca
- latte di capra
- tuorlo
- albume
- caseina
- merluzzo
- albicocca
- ananas
- pompelmo
- arancia
- pomodoro
- pesca noce
- mandarino
- malto
- avena
- segale
- farro
- grano tenero
- grano duro
- lievito naturale
- lievito di birra
- aloe
- pepe nero/bianco
- peperoncino
- pinolo
- lenticchia
- pisello
- ravanello
- soia
- lievito di pane
- funghi
- scalogno

Ora ho eliminato dalla mia alimentazione questi alimenti non sapendo se posso mangiarli o in quali quantità ed il mal di testa, dolore e disturbi, sono notevolmente diminuiti, ma non so cosa posso mangiare. Latte di riso e pecora? E che tipo di formaggi? E' necessario che faccia altri tipi di analisi? Farina di mais? Di riso? Di kamut?

Vorrei dei consigli...grazie dottore per la sua gentilezza e disponibilità.

A presto
Samanta

 


Risposta

Carissima Samantha,

i sintomi che riferisci potrebbero essere riconducibili ad una intolleranza al lattosio, per cui le consiglio di chiedere al suo medico curante di prescriverle un test diagnostico attendibile. In particolare in genere questo tipo di intolleranza è diagnosticata mediante il cosiddetto "breath test" (letteralmente test del respiro) che in genere è di competenza dei reparti ospedalieri di gastroenterologia ed endoscopia digestiva. Se il test dovesse risultare positivo allora si potrà approntare una adeguata ed equilibrata dieta di esclusione e/o di rotazione che assolutamente potrà prevedere anche certi tipi di formaggio.

Inoltre per capire se il suo organismo si sta difendendo da qualche allergia, magari alimentare, esiste il PRIST test (su sangue venoso) che se positivo indica che lei è allergica a qualcosa; il colpevole poi lo si troverà con altri test (RAST Alimenti).

Serena giornata
Dott. Luigi Schiavo



Dott. Luigi SCHIAVO
Primo Policlinico, Seconda Università di Napoli, Ambulatorio di Chirurgia dell'obesità (IX Chirurgia Generale)
Nutrizionista (Numero Iscrizione Albo 055729)
Dottore di Ricerca [Settore Fisiologia, Endocrinologia e Metabolismo]
Socio SICOB [Società Italiana di Chirurgia dell'Obesità e delle Malattie Metaboliche]
Responsabile per la Regione Campania della Fondazione Italiana per la Lotta all'Obesità Infantile ONLUS

Esercita a:
CASERTA
Via F. Daniele 10 (angolo Via Roma-Corso Trieste), (Centro Medico VILLA ROSA), tel. 0823/1702419-22
LUSCIANO (CE)
Via Fratelli Cervi 3, tel. 334/5099818
MARCIANISE (CE)
Via Raffaele Musone 292 (Centro Medico), Tel. 0823/823616
NAPOLI
Via S. Tullio 101 (angolo Via Epomeo), (Studio Medico Polispecialistico GIFRAN), Telefono 081/7661730
ROMA
Via Tirone 11/13 (zona Marconi), presso Ufficio s.r.l., tel. 3345099818

sito web: www.schiavonutrizione.it
e-mail: posta@schiavonutrizione.it

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

Allergie alimentari? Ecco come leggere le etichette degli alimenti

Cosa dice la legge a proposito delle etichette dei prodotti confezionati, per tutelara la salute dei consumatori dal rischio di allergie alimentari

Vai all'articolo »