Questo sito contribuisce alla audience di

Pulire i fagiolini

di Barbara Farinelli

Rubriche Scuola di cucina La preparazione delle verdure

I fagiolini sono legumi della famiglia delle Papilionacee. Sono i baccelli giovani della pianta del fagiolo, dal caratteristico colore verde brillante, la cui prerogativa è di essere commestibili per intero, senza dover essere sgranati. Sono da consumarsi previa cottura, preferibilmente a vapore, che mantiene inalterate le proprietà nutritive. Si abbinano particolarmente bene alle uova e al tonno.
Sono poco calorici, solo 18 calorie per 100 grammi di prodotto, e ricchi di vitamina A e C e sali minerali quali calcio e potassio.

Quando li acquistate controllate che abbiano il baccello integro, duro e sodo, di un vivo colore verde brillante. I migliori sono piccolini perchè privi di quel fastidioso filo coriaceo che occorre rimuovere prima della cottura.
Per conservarli teneteli nello scomparto della frutta e verdura per 2-3 giorni massimo. Cotti si mantengono per 2 giorni, in frigorifero, accuratamente coperti.


Tutto l'occorrente I fagiolini sono molto semplici da pulire, occorre semplicemente spuntarli. Per farlo utilizzare un coltello a lama liscia.
Eliminare le estremità
Aiutandosi con il coltello eliminare le estremità del fagiolino.
Eliminare anche il filo
Durante questa operazione tirarsi dietro anche il filo coriaceo. Se i fagiolini sono piccoli e teneri (come quelli che ho utilizzato io) il filo è quasi inesistente. Se invece è molto lungo e coriaceo i fagiolini non sono di buona qualità.
Il fagiolino spuntato Ecco come si mostra l'estremità del fagiolino quando è spuntato.
I fagiolini pronti da cuocere

Una volta che si sono spuntati tutti i fagiolini sciacquarli bene sotto acqua fresca corrente quindi passare alla cottura.



La cottura più semplice e salutare per i fagiolini è la cottura a vapore. In alternativa si possono lessare in acqua bollente salata per 15 minuti circa.

Approfondimenti:




www.lospicchiodaglio.it