Trova ricetta

Cotolette

    3.3/5 (24 voti)

    Ricette secondi piatti carne

    Cotolette


    Le cotolette sono fettine panate e fritte nell'olio, nella loro versione più semplice. Si può utilizzare la carne di vitello, manzo, maiale o pollo e tacchino che viene poi passata nell'uovo e nel pangrattato.

    La nostra versione delle cotolette prevede una panatura particolare, preparata con il pangrattato e il Parmigiano Reggiano, che rimane molto morbida e saporita. Nella mia famiglia si è sempre fatta così. Provate e poi mi saprete dire.

    Se la cotoletta vi piace leggera e croccante, fare una sola panatura, ma se vi piace più morbida e spessa fatene due: una vera leccornia.

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 500 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 1 ora
    • si può preparare in anticipo
    • si può mangiare fuori

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    1. Stendere la carne, rimuovere eventuali nervature o parti grasse. Se le fette sono molto grandi tagliarle a metà.
    2. In un piatto rompere le due uova con un cucchiaio di latte e sbattere con una forchetta, quindi unire una macinata di pepe.
    3. In un altro piatto versare il pangrattato e miscelarlo al Parmigiano Reggiano grattugiato.
    4. Prendere ad una ad una le fette di carne, passarle nell'uovo, quindi nel pangrattato e metterle in un piatto.
    5. Al termine della prima panatura, se piace, se ne può fare un'altra.
    6. In un padellino scaldare abbondante olio per friggere. Quando è ben caldo, 170° C circa, immergervi le cotolette. Non riempire troppo il padellino per non far diminuire eccessivamente la temperatura. Nel caso, effettuare più cotture consecutive.
    7. Quando la superficie della panatura risulterà ben dorata, scolare le cotolette e porle su un piatto con carta da cucina asciugandole accuratamente e regolare di sale.
    8. Servirle calde.

    CONTORNO DI ABBINAMENTO IDEALE

    Insalata mista, patate al forno

    STAGIONE

    Ricetta per tutte le stagioni.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    I suggerimenti di barbara

    Una volta preparate, se avanzano, le cotolette si possono conservare per un paio di giorni in frigorifero. Sono ottime a temperatura ambiente, oppure brevemente riscaldate nel forno.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    Il pollo ai funghi è un secondo piatto in umido di pollo, funghi, aromi, vino e polpa di pomodoro. Veloce da preparare, leggero e saporito è un ottimo piatto unico se accompagnato con fette di pane casereccio, molto adatto per gustarne il sughetto. Il ...



    La salsiccia alla piastra è una ricetta per la cottura della salsiccia sul fornello di casa, in modo semplice e veloce. Venendo aperta a libro, oltre a cuocere più velocemente si sgrassa, diventando quindi più magra e digeribile. E' un'alternativa alla classica salsiccia cotta intera. ...



    Lo spezzatino di vitello con piselli è un secondo piatto classico della tradizione italiana, che si trova proposto in tante regioni diverse, con numerose piccole varianti. La ricetta che vi proponiamo noi è una delle più semplici, preparata con carne, sugo e piselli. I ...



    La salsiccia al sugo con purè è un secondo piatto ricco e gustoso in cui il sugo si accompagna ottimamente al purè di patate. E' una preparazione prevalentemente autunnale o invernale, anche se può essere realizzata tutto l'anno. La salsiccia al sugo con purè ...



    Gli spiedini di salsiccia alla brace sono spiedini preparati arrotolando la salsiccia a nastro, chiamata anche Luganega, e infilzandola sugli spiedi. E' così molto più pratica da cuocere e da servire. Per la sua preparazione occorrono degli spiedi, di legno o di metallo, lunghi almeno ...



    5 commenti su questa ricetta

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Siamotuttichefcosi: l'olio di semi di arachide è adatto alla frittura poichè è molto stabile ed ha un buon punto di fumo (dai 180° delle versioni meno raffinate ai 220° di quelle che lo sono di più). Anche dal punto di vista nutrizionale non ci sono particolari controindicazioni essendo prevalentemente insaturo (come l'olio di oliva). Un caro saluto!

    Siamotuttichefcosi ha detto:
    Ma butta via quell'olio di semi ostrega !

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Rita: Certamente! Prendi una teglia, metti un filo d’olio, quindi le cotolette. Girale un paio di volte finchè non sono leggermente cosparse d’olio. Inforna quindi a 180° C con la funzione ventilata per 15 minuti circa, girandole a metà cottura. Buone e più leggere!

    Rita ha detto:
    Al forno non si possono fare? Non amo molto la frittura…

    lina ha detto:
    Complimenti di cuore sono soddisfattissima di queste ricette grazie

    5 commenti su 5
     

    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web