Trova ricetta

Pasta ai carciofi

    4.8/5 (10 voti)

    Ricette primi piatti verdura

    Pasta ai carciofi


    La pasta ai carciofi è un gustoso primo piatto semplice da realizzare e poco calorico, che mette ben in risalto il sapore della pasta e quello dei carciofi. E' un piatto tipico dell'inverno, quando i carciofi sono nel pieno del loro sapore e si trovano da acquistare freschi. E' ottima però anche in tarda primavera, quando si trovano gli ultimi carciofi, particolarmente grandi e poco costosi.

    Per la pulizia dei carciofi utilizzare dei guanti per evitare che le mani anneriscano e dotarsi di un'ampia ciotola contenente acqua e limone appena spremuto. Io tengo sempre un mezzo limone che ho già spremuto sul tagliere, perchè mentre pulisco e taglio i carciofi lo uso per sfregarli e farli così rimanere belli chiari.

    La pasta ai carciofi, se avanza, è ottima anche il giorno dopo, gratinata nel forno. Metterla in una pirofila inframmezzata da pezzetti di formaggio che fonde, cospargerla di Parmigiano e poi cuocerla per una decina di minuti a 200°C.

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 350 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 45 minuti
    • ricetta vegetariana e vegan
    • ricetta light

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    1. Pulire i carciofi togliendo le foglie dure più esterne fino ad ottenere i cuori formati solo da foglie chiare e tenere.
    2. Tagliare le punte, tagliarli a metà, quindi eliminare il fieno che si trova internamente, se presente.
    3. Ridurre i carciofi a spicchietti e metterli in acqua acidulata con il limone.
    4. E' possibile utilizzare anche i primi 8-10 centimetri del gambo. Togliere la parte esterna più coriacea con un pelapatate e affettarli nello spessore di mezzo centimetro circa. Mettere anch'essi nell'acqua acidulata.
    5. Durante le operazioni di pulizia, sfregare i carciofi con la parte aperta di un mezzo limone spremuto, aiuterà a mantenerli più chiari.
    6. Lavare il prezzemolo, selezionarne le foglie e tritarle finemente. Io uso la mezzaluna su un tagliere.
    7. Scaldare il brodo.
    8. In una padella antiaderente far imbiondire l'aglio spellato nell'olio, quindi toglierlo.
    9. Lasciar raffreddare per qualche istante l'olio fuori dal fuoco, unire i carciofi scolati e farli saltare a fuoco vivo per un paio di minuti.
    10. Abbassare il fuoco, aggiungere un cucchiaio di acqua acidulata, un pochino di brodo, un pizzico di sale, una macinata di pepe e lasciar proseguire la cottura a fiamma media, coperto, per 10-15 minuti circa. Se il fondo di cottura dovesse asciugarsi troppo aggiungere altro brodo vegetale.
    11. Trascorso il tempo indicato, scoperchiare ed assaggiare per regolare di sale e valutare la cottura dei carciofi. Devono essere morbidi, ma non sfaldarsi.
    12. Alzare la fiamma e far asciugare il fondo di cottura mescolando.
    13. Spegnere il fuoco, unire il prezzemolo tritato e tenere da parte, coperto.
    14. Lessare la pasta in abbondante acqua salata e, poco prima di scolarla, aggiungere mezzo mestolo di acqua di cottura nella padella del condimento, quindi accendere il fuoco.
    15. Saltare la pasta scolata a fiamma vivace nella padella del condimento per qualche minuto, girando di frequente.
    16. Servire immediatamente decorando con prezzemolo tritato, pepe macinato al momento ed un filo d'olio a crudo.

    PASTA DI ABBINAMENTO IDEALE

    Gramigna o fusilli.

    STAGIONE

    Gennaio, febbraio, marzo, aprile, dicembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    APPROFONDIMENTI

    Come si fa... a pulire i carciofi per farli trifolare? Guida fotografica passo passo.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    La zuppa ceci e avena è una minestra nutrizionalmente molto completa, oltre che veramente squisita, che unisce legumi e cereali per un piatto unico sano e nutriente. La zuppa ceci e avena è ottima appena preparata, dopo averla lasciata intiepidire per 5 minuti, ma ...



    La zuppa frantoiana è una gustosa zuppa toscana, la cui caratteristica è di essere condita a crudo con l'olio toscano novello, quello prodotto da poco, dal tipico sapore intenso, piccante e pungente. La zuppa frantoiana è preparata con ingredienti semplici della cultura contadina, fagioli, ...



    Le penne all'arrabbiata sono un primo piatto tipico della tradizione culinaria romana molto semplice da realizzare. Sono caratterizzate da un gusto intenso e deciso, attenzione però a dosare il peperoncino secondo il gusto personale o quello degli ospiti. Le penne all'arrabbiata che vi proponiamo ...



    La pasta con pesto alla trapanese è un primo piatto tipicamente estivo realizzato con un pesto a base di basilico e mandorle, al posto dei pinoli tipici del pesto alla genovese. La pasta con pesto alla trapanese viene inoltre arricchita dai pomodorini di ...



    Le orecchiette alle cime di rapa sono un primo piatto italiano tipico della cucina Pugliese, in particolare della provincia di Bari. Si preparano con le cime di rapa, un ortaggio tipico della stagione autunnale e invernale, dal sapore intenso e lievemente piccante. Per un'ottima ...



    Gli gnocchi di zucca sono una specialità autunnale e invernale, dal sapore caratteristico, molto particolari, un po' difficili da preparare, ma che vi daranno grande soddisfazione. E' assolutamente necessario scegliere una varietà di zucca poco acquosa, soda e compatta, come ad esempio la Mantovana o ...



    Il risotto asparagi e stracchino è un gustoso primo piatto semplice e veloce da preparare, adatto anche a un pranzo di festa. Il sapore degli asparagi viene arricchito dalla nota lievemente acida dello stracchino, assieme alla cremosità tipica di questo formaggio. Il risotto asparagi e stracchino è un ...



    Le foglie di ulivo alla ligure sono un piatto tipico della Liguria e si servono spesso condite con un sugo di pomodoro e funghi porcini, così come vi proponiamo in questa ricetta. Le foglie di ulivo alla ligure prendono questo nome dal formato di ...



    11 commenti su questa ricetta

    Nadia ha detto:
    @Barbara: secondo me se i carciofi sono buoni e usi un ottimo olio la ricetta è spettacolare! Si sentono tutti i profumi e i sapori.

    Barbara ha detto:
    La ricetta per me non è grande ricetta ,manca qualcosa !!!

    Barbara Farinelli ha detto:
    @marco: si, va benissimo anche l'acqua calda. Il brodo vegetale è più saporito, l'acqua neutra. Valutare sempre assaggiando prima della fine della cottura.

    marco ha detto:
    restando sul light, se non si vuole mettere il brodo sarebbe meglio al posto dell'olio aggiungere un pochino di acqua calda

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Heikki: sono proprio 50 ml, un mestolo, poco più. I carciofi non devono bollire, ma stufare in padella. Basta quindi fornirgli un po' di fondo di cottura. Si possono anche preparare senza brodo, mettendo un pochino più di olio, tenendo la fiamma molto bassa e il coperchio. Hanno così un sapore più intenso, ma sono più difficili da cuocere ;-)

    Heikki ha detto:
    Davvero, 50 ml di brodo? Deve essere 50 cl.

    Omelis ha detto:
    Complimenti, che bell'angolo di cucina... questa ricetta è semplice ma saporitissima. Da oggi in poi sò che imparerò tante buonissime ricette. Grazie!!!

    santina ha detto:
    Vi seguo come posta di ogni giorno

    Barbara Farinelli ha detto:
    @santina: bravissima! Continua così!

    11 commenti su 11
     

    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web