Trova ricetta

Pasta ai carciofi

    4.8/5 (11 voti)

    Ricette primi piatti verdura

    Pasta ai carciofi


    La pasta ai carciofi è un gustoso primo piatto semplice da realizzare e poco calorico, che mette ben in risalto il sapore della pasta e quello dei carciofi. E' un piatto tipico dell'inverno, quando i carciofi sono nel pieno del loro sapore e si trovano da acquistare freschi. E' ottima però anche in tarda primavera, quando si trovano gli ultimi carciofi, particolarmente grandi e poco costosi.

    Per la pulizia dei carciofi utilizzare dei guanti per evitare che le mani anneriscano e dotarsi di un'ampia ciotola contenente acqua e limone appena spremuto. Io tengo sempre un mezzo limone che ho già spremuto sul tagliere, perchè mentre pulisco e taglio i carciofi lo uso per sfregarli e farli così rimanere belli chiari.

    La pasta ai carciofi, se avanza, è ottima anche il giorno dopo, gratinata nel forno. Metterla in una pirofila inframmezzata da pezzetti di formaggio che fonde, cospargerla di Parmigiano e poi cuocerla per una decina di minuti a 200°C.

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 350 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 45 minuti
    • ricetta vegetariana e vegan
    • ricetta light

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    1. Pulire i carciofi togliendo le foglie dure più esterne fino ad ottenere i cuori formati solo da foglie chiare e tenere.
    2. Tagliare le punte, tagliarli a metà, quindi eliminare il fieno che si trova internamente, se presente.
    3. Ridurre i carciofi a spicchietti e metterli in acqua acidulata con il limone.
    4. E' possibile utilizzare anche i primi 8-10 centimetri del gambo. Togliere la parte esterna più coriacea con un pelapatate e affettarli nello spessore di mezzo centimetro circa. Mettere anch'essi nell'acqua acidulata.
    5. Durante le operazioni di pulizia, sfregare i carciofi con la parte aperta di un mezzo limone spremuto, aiuterà a mantenerli più chiari.
    6. Lavare il prezzemolo, selezionarne le foglie e tritarle finemente. Io uso la mezzaluna su un tagliere.
    7. Scaldare il brodo.
    8. In una padella antiaderente far imbiondire l'aglio spellato nell'olio, quindi toglierlo.
    9. Lasciar raffreddare per qualche istante l'olio fuori dal fuoco, unire i carciofi scolati e farli saltare a fuoco vivo per un paio di minuti.
    10. Abbassare il fuoco, aggiungere un cucchiaio di acqua acidulata, un pochino di brodo, un pizzico di sale, una macinata di pepe e lasciar proseguire la cottura a fiamma media, coperto, per 10-15 minuti circa. Se il fondo di cottura dovesse asciugarsi troppo aggiungere altro brodo vegetale.
    11. Trascorso il tempo indicato, scoperchiare ed assaggiare per regolare di sale e valutare la cottura dei carciofi. Devono essere morbidi, ma non sfaldarsi.
    12. Alzare la fiamma e far asciugare il fondo di cottura mescolando.
    13. Spegnere il fuoco, unire il prezzemolo tritato e tenere da parte, coperto.
    14. Lessare la pasta in abbondante acqua salata e, poco prima di scolarla, aggiungere mezzo mestolo di acqua di cottura nella padella del condimento, quindi accendere il fuoco.
    15. Saltare la pasta scolata a fiamma vivace nella padella del condimento per qualche minuto, girando di frequente.
    16. Servire immediatamente decorando con prezzemolo tritato, pepe macinato al momento ed un filo d'olio a crudo.

    PASTA DI ABBINAMENTO IDEALE

    Gramigna o fusilli.

    STAGIONE

    Gennaio, febbraio, marzo, aprile, dicembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    APPROFONDIMENTI

    Come si fa... a pulire i carciofi per farli trifolare? Guida fotografica passo passo.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    Il risotto con le patate è un primo piatto a base di riso molto semplice da realizzare, economico, ma il cui sapore saprà stupirvi per la sua bontà. E' ideale per organizzare un pranzo o una cena per tante persone senza disporre di grande attrezzatura ...



    I pomodori ripieni di riso sono un primo piatto a base di riso al pomodoro con un cuore di filante mozzarella, che viene servito dentro i pomodori e ripassato al forno. I pomodori ripieni di riso sono ottimi caldi, tiepidi, ma anche freddi purchè serviti ...



    I cannelloni ricotta e spinaci sono un classico della cucina italiana, in cui i cannelloni vengono farciti con un ripieno di ricotta e spinaci, conditi con la besciamella e gratinati nel forno. Il tempo di preparazione dei cannelloni ricotta e spinaci è stato calcolato ...



    I cappellacci di zucca sono una tipica ricetta ferrarese, ormai un simbolo della città, tantoché nel 2016 ha acquisito il marchio IGP. La ricetta dei cappellacci di zucca ha origine nel Rinascimento, alla corte del Duca Alfonso II d'Este. Ne esistono testimonianze scritte che risalgono al 1584 poichè ...



    La pasta e fagioli preparata secondo questa ricetta è molto veloce e semplificata, adatta alla cucina di tutti i giorni. Se si utilizzano fagioli in scatola preferire quelli cotti a vapore e sciacquarli prima dell'utilizzo. Ottimi quelli conservati sotto vetro. Per una preparazione più classica ...



    Gli gnocchi di prezzemolo con funghi e fontina sono un primo piatto a base di gnocchi profumati al prezzemolo, conditi con funghi porcini trifolati e una crema di fontina. E' un piatto tipico di inizio autunno, ma si può preparare per tutto il tempo in ...



    I pisarei e fasò sono una ricetta tipica piacentina, complessa ed elaborata da preparare, il classico pranzo della domenica da fare in famiglia. Il sapore però è unico e vi saprà ripagare di tanto lavoro. Lavoro che deve essere lento, accurato, e che può essere ...



    Il riso saltato con verdure alla soia è un piatto derivato dalla cucina orientale che prevede di saltare del riso cotto a vapore con verdure e salsa di soia. Utilizzato come contorno a piatti di carne o di pesce, io lo trovo ottimo anche come ...



    11 commenti su questa ricetta

    Nadia ha detto:
    @Barbara: secondo me se i carciofi sono buoni e usi un ottimo olio la ricetta è spettacolare! Si sentono tutti i profumi e i sapori.

    Barbara ha detto:
    La ricetta per me non è grande ricetta ,manca qualcosa !!!

    Barbara Farinelli ha detto:
    @marco: si, va benissimo anche l'acqua calda. Il brodo vegetale è più saporito, l'acqua neutra. Valutare sempre assaggiando prima della fine della cottura.

    marco ha detto:
    restando sul light, se non si vuole mettere il brodo sarebbe meglio al posto dell'olio aggiungere un pochino di acqua calda

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Heikki: sono proprio 50 ml, un mestolo, poco più. I carciofi non devono bollire, ma stufare in padella. Basta quindi fornirgli un po' di fondo di cottura. Si possono anche preparare senza brodo, mettendo un pochino più di olio, tenendo la fiamma molto bassa e il coperchio. Hanno così un sapore più intenso, ma sono più difficili da cuocere ;-)

    Heikki ha detto:
    Davvero, 50 ml di brodo? Deve essere 50 cl.

    Omelis ha detto:
    Complimenti, che bell'angolo di cucina... questa ricetta è semplice ma saporitissima. Da oggi in poi sò che imparerò tante buonissime ricette. Grazie!!!

    santina ha detto:
    Vi seguo come posta di ogni giorno

    Barbara Farinelli ha detto:
    @santina: bravissima! Continua così!

    11 commenti su 11
     

    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web