Trova ricetta

Zuppa di grano saraceno e lenticchie rosse

    5.0/5 (4 voti)

    Ricette primi piatti verdura

    Zuppa di grano saraceno e lenticchie rosse


    La zuppa di grano saraceno e lenticchie rosse è una minestra a base di legumi e cereali. Contiene porri, zucca, patate, grano saraceno, amaranto e lenticchie rosse. Leggera e salutare può essere un ottimo piatto unico.

    La zuppa di grano saraceno e lenticchie rosse è perfetta se gustata tiepida, quando i sapori si sono ben amalgamati fra loro. Si può accompagnare con crostini di pane e un filo d'olio a crudo.

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 385 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 45 minuti
    • ricetta light

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    VARIANTE VEGAN

    Sei vegan e vuoi realizzare questa ricetta?

    Omettere il Parmigiano Reggiano. I vegetariani possono sostituirlo con un formaggio da grattugio analogo non preparato con caglio animale.

    PREPARAZIONE

    1. Lavare bene il porro, eliminare lo strato più esterno, le radichette e tritare finemente la parte bianca.
    2. Affettare la zucca, eliminare la buccia e la parte filamentosa con i semi, quindi ridurre la polpa in cubetti di un centimetro scarso di lato.
    3. Lavare la patata, pelarla e tagliarla a cubetti di grandezza simile a quelli di zucca.
    4. Scaldare il brodo.
    5. Mettere in una pentola da minestra l'olio e il porro. Portarla sul fuoco e farlo dolcemente dorare su fiamma media assieme a un pizzico di sale.
    6. Unire la zucca e le patate e cuocere per un paio di minuti mescolando.
    7. Unire il brodo, lasciandone da parte qualche mestolo, e attendere che riprenda il bollore.
    8. Assaggiare per regolare di sale. Il brodo deve essere piuttosto saporito.
    9. Buttare il grano saraceno e l'amaranto.
    10. Cuocere a fiamma media per 5 minuti, quindi unire le lenticchie.
    11. Cuocere per 10 minuti a fiamma dolce, coperto.
    12. Aggiungere la curcuma, mescolare e proseguire la cottura per altri 5 minuti.
    13. Spegnere, regolare di sale e mantecare con il Parmigiano Reggiano grattugiato. Unire un filo d'olio a crudo, coprire e lasciar riposare per 5 minuti.
    14. Servire.

    STAGIONE

    Gennaio, febbraio, ottobre, novembre, dicembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    La zuppa di ceci neri della Murgia è una gustosissima minestra tipica del sud Italia, in particolare della Puglia e della Basilicata. I ceci neri sono legumi dalle origini antichissime che, dopo aver rischiato l'estinzione, sono ricomparsi sul mercato grazie alla riscoperta di alimenti sani e ...



    Il risotto alle carote è un primo piatto a base di riso dal sapore molto delicato. E' ottimo con le carote novelle, particolarmente dolci e aromatiche. Vi consiglio pertanto di prepararlo in primavera, anche se si può fare tutto l'anno. Il risotto alle carote ...



    La zuppa di cavolo rapa è una minestra tipica primaverile, quando compaiono sul mercato i piselli e il cavolo rapa, una varietà di cavolo che si presta molto alla preparazione delle zuppe, poichè ha un sapore delicato e una polpa croccante, fresca e particolarmente aromatica. ...



    I pomodori ripieni di riso sono un primo piatto a base di riso al pomodoro con un cuore di filante mozzarella, che viene servito dentro i pomodori e ripassato al forno. I pomodori ripieni di riso sono ottimi caldi, tiepidi, ma anche freddi purchè serviti ...



    Il cuscus alle verdure è un ottimo primo piatto a base di cuscus, fresco e leggero, adatto alle calde giornate estive. Può essere gustato anche il giorno dopo, a temperatura ambiente e si adatta benissimo a un pranzo fuori casa, anche in ufficio. Servito ...



    Il risotto primavera è un primo piatto a base di riso e verdure miste, tutte quelle che caratterizzano l'arrivo della primavera e la fine dell'inverno: carciofi, funghi champignon, asparagi e carote novelle, bietola, piselli, fagiolini, pomodorini e cipollotti. Se non trovate più i carciofi, vanno ...



    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web