Trova ricetta

Frittelle ai carciofi

    5.0/5 (2 voti)

    Ricette secondi piatti verdura

    Frittelle ai carciofi


    Le frittelle ai carciofi sono gustose frittelle di pasta lievitata al cui interno vengono mescolati carciofi trifolati e Parmigiano Reggiano grattugiato. Traggono origine dalla cucina partenopea e sono un ottimo secondo piatto in accompagnamento a insalata, formaggi e affettati.

    Se avanzano le frittelle ai carciofi sono ottime anche il giorno dopo appena riscaldate sulla griglia del forno a 200°C con la funzione ventilata. Mettere una leccarda sotto per evitare che l'olio in eccesso coli sul fondo del forno. Una volta sfornate asciugarle con carta da cucina e saranno croccanti come appena fatte!

    INFORMAZIONI

    • 4 persone
    • 300 Kcal a porzione
    • difficoltà media
    • pronta in 1 ora
    • ricetta vegetariana
    • si può preparare in anticipo
    • si può mangiare fuori

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    VARIANTE VEGAN

    Sei vegan e vuoi realizzare questa ricetta?

    Omettere il Parmigiano Reggiano e servire come piatto unico.


    PREPARAZIONE

    1. Preparare la pastella di base per frittelle. Nel frattempo che lievita, preparare i carciofi.

    Preparazione dei carciofi trifolati

    1. Lavare i carciofi, togliere le foglie dure più esterne fino ad ottenere i cuori formati solo da foglie chiare e tenere, tagliare le punte.
    2. Tagliarli a metà, eliminare il fieno, ridurli a spicchietti e metterli in acqua acidulata con il limone.
    3. E' possibile utilizzare anche i primi 8-10 centimetri del gambo. Togliere la parte esterna più coriacea con un pelapatate ed affettarli. Mettere anch'essi nell'acqua acidulata.
    4. Durante tutte le operazioni di pulizia io utilizzo la parte aperta di mezzo limone per fregare i carciofi, così rimangono più chiari.
    5. Lavare il prezzemolo, selezionarne le foglie e tritarle finemente. Io uso la mezzaluna su un tagliere.
    6. Scaldare il brodo.
    7. In una padella far imbiondire l'aglio spellato nell'olio, quindi toglierlo.
    8. Lasciar raffreddare per qualche istante l'olio fuori dal fuoco, unire i carciofi ben scolati e farli saltare a fiamma vivace per un paio di minuti.
    9. Abbassare il fuoco, aggiungere un mestolo di brodo, un pizzico di sale, una macinata di pepe e lasciar proseguire la cottura a fiamma media, coperto, per 10-15 minuti circa. Se il fondo di cottura dovesse asciugarsi troppo aggiungere altro brodo vegetale.
    10. Il tempo esatto di cottura dipende dal tipo di carciofo e da come vi piace. Assaggiare dopo 10 minuti e regolare la cottura di conseguenza.
    11. A fine cottura scoperchiare, alzare la fiamma e farli saltare vivacemente per un minuto aggiungendo un po' di prezzemolo tritato e regolando di sale.

    Preparazione delle frittelle

    1. Al termine della lievitazione della pastella ricordatevi di aggiungervi la dose di sale prevista nella relativa ricetta.
    2. Unire quindi i carciofi e il Parmigiano grattugiato. I carciofi non devono essere troppo caldi, al limite tiepidi.
    3. Mescolare delicatamente la pastella.
    4. In una padella scaldare abbondante olio di semi di arachide. La temperatura ideale per la frittura è di 180°C. Sarebbe bene avere un termometro da cucina, in alternativa potete immergere uno stecco di legno nell'olio, se inizia a sfrigolare la temperatura è giusta.
    5. Prelevare la pastella a cucchiaiate e tuffarla delicatamente nell'olio. Non riempire troppo la padella per non far diminuire eccessivamente la temperatura. Nel caso, effettuare più cotture consecutive.
    6. Quando la superficie della frittella risulterà ben dorata da entrambe le parti, scolare e asciugare accuratamente con carta da cucina.
    7. Se non siete molto esperti di frittura, aprite una delle frittelle per controllare che sia ben cotta all'interno.
    8. Tenere al caldo fintanto che non sono pronte tutte le frittelle. Si possono mettere su un vassoio all'interno del forno riscaldato, ma spento, con lo sportello leggermente aperto.
    9. Servire accompagnando con affettati e formaggi a piacere. In particolar modo, questo tipo di frittelle si accompagna bene all'arrosto di tacchino affettato, condito con poco olio, limone, pepe e prezzemolo tritato.

    STAGIONE

    Gennaio, febbraio, marzo, dicembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    Le patate farcite con pancetta e Taleggio sono un secondo piatto sfizioso preparato con patate tagliate e farcite con Taleggio e pancetta. La successiva cottura e gratinatura nel forno le fa diventare dorate e filanti. Preferire patate di piccola dimensione, uguali fra loro, così cuociono ...



    Le pizzette di melanzane sono fettine di melanzane grigliate che vengono ripassate al forno condite con pomodoro, mozzarella e origano. Sono semplici da preparare e si conservano ottimamente per un giorno in frigo per essere gustate riscaldate o a temperatura ambiente. Le pizzette di ...



    Le frittelle alle cipolle sono gustose frittelle di pasta lievitata che contengono cipolle e Parmigiano Reggiano grattugiato. In cottura si gonfiano e diventano croccanti fuori e morbide dentro. Una vera delizia. Le frittelle alle cipolle sono ottime come secondo piatto in accompagnamento a salumi, formaggi ...



    I fagioli alla cubana, o frijoles Negros, sono una ricetta di Cuba. Questa versione, tipica della cucina casalinga dell'Havana, è arrivata fino a me grazie a un'amica. Nella loro cultura questo piatto viene servito sia come primo, sia come secondo o come contorno di tante ...



    Se avete voglia di un piatto unico fresco, leggero, veloce da preparare e vegan, questa ricetta di fagioli e pomodori in insalata fa proprio per voi. Ottima in estate, quando i pomodori sono nel pieno della maturazione, non richiede nemmeno l'uso del fornello :-) Si ...



    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web