Trova ricetta

Pasta con i fagioli freschi

    4.1/5 (30 voti)

    Ricette primi piatti verdura

    Pasta con i fagioli freschi


    La pasta con i fagioli freschi è una classica pasta e fagioli preparata a fine estate, quando si trovano i fagioli freschi da sgranare. E' leggera e saporita, adatta alla cucina di tutti i giorni.

    La pasta con i fagioli freschi è un ottimo piatto unico, in cui si abbinano cereali e legumi. Si gusta in genere calda, ma è ottima anche tiepida. Per un sapore più corposo mantecare a fine cottura con una grattugiata di Parmigiano Reggiano.

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 450 Kcal a porzione
    • difficoltà media
    • pronta in 2 ore
    • ricetta vegetariana e vegan
    • ricetta light

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    1. Sgranare i fagioli e metterli in una capace pentola assieme ad aglio e salvia. Aggiungere tanta acqua fredda quanta ne basta a coprire tutti i fagioli per almeno quattro dita. Meglio essere abbondanti piuttosto che scarsi perchè devono sempre essere immersi durante la cottura.
    2. Coprire, mettere sul fuoco e cuocere per 1 ora dall'inizio del bollore. Tenere la pentola coperta, la fiamma bassa e girare di tanto in tanto. Se l'acqua messa non è abbastanza aggiungerne altra, ma che sia molto calda. Se si interrompe la cottura, infatti, le bucce diventeranno dure.
    3. A 10 minuti dalla fine del tempo indicato unire un pizzico generoso di sale grosso e ultimare la cottura.
    4. Passata l'ora, assaggiare acqua di cottura e fagioli. Devono essere ben cotti e saporiti. Proseguire se non fossero morbidi e valutare se regolare di sale.
    5. Scolare i fagioli conservando il liquido di cottura. Eliminare l'aglio.
    6. Mettere metà fagioli da parte e passare gli altri nel passaverdure aiutandosi con qualche mestolo di acqua di cottura.
    7. Mettere l'acqua di cottura rimanente in una pentola sul fuoco. Andrà tenuta sempre a leggero bollore.
    8. Tritare molto finemente sedano, carota e cipolla.
    9. In una pentola da minestra far soffriggere il trito nell'olio per qualche minuto, a fiamma media, fintanto che non assume un aspetto dorato. Unire un mestolo di acqua di cottura dei fagioli e cuocere per 10 minuti a fiamma bassa.
    10. Alzare la fiamma, aggiungere i fagioli interi e lasciare insaporire qualche minuto a fiamma vivace.
    11. Unire i fagioli frullati, metà acqua di cottura dei fagioli, girare e lasciare riprendere il bollore. Regolare di sale.
    12. Quando ha ripreso il bollore buttare la pasta e cuocere mescolando spesso con un cucchiaio di legno, secondo il tempo di cottura del formato scelto. Aggiungere qualche mestolo di acqua di cottura dei fagioli se la minestra tende ad asciugarsi troppo. Tenerla piuttosto liquida perchè a fine cottura tenderà ad addensarsi.
    13. Nel frattempo lavare il prezzemolo, selezionarne le foglie e tritarle con la mezzaluna su un tagliere.
    14. Spegnere il fuoco, regolare di sale, profumare con  una macinata di pepe ed il prezzemolo tritato.
    15. Lasciare intiepidire 5 minuti con il coperchio e servire con un filo d'olio a crudo.

    PASTA DI ABBINAMENTO IDEALE

    Tubetti.

    STAGIONE

    Agosto, settembre, ottobre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    I suggerimenti di barbara

    È importante sgranare i fagioli solo poco prima di cuocerli, altrimenti la pellicina che li riveste diventa dura. Per lo stesso motivo non si mette sale in cottura, se non verso la fine, quando ormai la pellicina si è ammorbidita.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    La pasta gratinata ai peperoni è una pasta al forno tipicamente estiva, semplice da preparare, soprattutto se si ha già pronta della peperonata, che può essere utilizzata per condire la pasta, come indicato in ricetta. La pasta gratinata ai peperoni può essere preparata un giorno prima ...



    La minestra patate e piselli è un primo piatto in brodo vegetale, preparato con piselli, patate e pasta dal formato piccolo, tipo tubetti. E' ottima in primavera, quando si trovano i piselli freschi e le patate nuove, ma ci sono ancora giornate freddine ed è ...



    La vellutata di zucca è una delicata crema preparata con la zucca, le patate e con l'aggiunta di erbe aromatiche, che le donano un sapore particolarmente aromatico. La vellutata di zucca si può servire come primo piatto, leggero e gustoso, accompagnato da crostini di ...



    Il risotto alle zucchine è una delizia tipicamente primaverile, quando si trovano le zucchine piccole piccole, lunghe e sottili, adatte per questa preparazione perchè non si rompono in cottura. Hanno inoltre un sapore più intenso, che viene messo in risalto da aglio, prezzemolo e da ...



    La pasta ai pomodori verdi è un primo piatto velocissimo da preparare perchè il condimento, a base di pomodori verdi cubettati, cuoce per appena 5 minuti sotto il grill del forno. La pasta poi si condisce in ciotola e si serve assieme a scaglie di ...



    Il minestrone di verdure è una zuppa di verdure miste, un grande classico della cucina italiana, ottimo durante la stagione fredda, ma anche in primavera o all'inizio dell'autunno, quando ci sono molti ortaggi teneri e nel pieno del loro sapore. Si può preparare con tipi di ...



    La zuppa di fagioli azuki verdi è una minestra di verdure e fagioli azuki verdi, piccoli fagioli che solitamente non richiedono ammollo e che cuociono in una quarantina di minuti. Controllare la necessità di ammollo sulla confezione e se siete in dubbio fatelo per almeno ...



    I tagliolini alla cinese sono un piatto preparato con i tagliolini all'uovo della tradizione italiana, che vengono però ripassati in padella con verdure e salsa di soia, alla maniera cinese. Un curioso e azzeccato accostamento di sapori. I tagliolini alla cinese sono un ottimo ...



    3 commenti su questa ricetta

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Rosaria: solitamente si misura il peso lordo, la variazione non è particolarmente significativa. Orientativamente lo scarto è del 50%, quindi 500 grammi di fagioli corrispondono a 250 grammi di fagioli sgranati. Se sono poco di più (o poco di meno) va bene lo stesso!

    Rosaria ha detto:
    Scusa, ma perchè non hai messo il peso dei fagioli sgranati? La natura non fa i baccelli tutti uguali, la resa varia da raccolto a raccolto.

    Luz Junqueira ha detto:
    Delicioso! Godtaria de receber receitas por email. :-)

    3 commenti su 3
     

    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web