Trova ricetta

Pasta con i fagioli freschi

    4.4/5 (82 voti)

    Ricette primi piatti verdura

    Pasta con i fagioli freschi


    La pasta con i fagioli freschi è una classica pasta e fagioli preparata a fine estate, quando si trovano i fagioli freschi da sgranare. E' leggera e saporita, adatta alla cucina di tutti i giorni.

    La pasta con i fagioli freschi è un ottimo piatto unico, in cui si abbinano cereali e legumi. Si gusta in genere calda, ma è ottima anche tiepida. Per un sapore più corposo mantecare a fine cottura con una grattugiata di Parmigiano Reggiano.

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 450 Kcal a porzione
    • difficoltà media
    • pronta in 2 ore
    • ricetta vegetariana e vegan
    • ricetta light

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    1. Sgranare i fagioli e metterli in una capace pentola assieme ad aglio e salvia. Aggiungere tanta acqua fredda quanta ne basta a coprire tutti i fagioli per almeno quattro dita. Meglio essere abbondanti piuttosto che scarsi perchè devono sempre essere immersi durante la cottura.
    2. Coprire, mettere sul fuoco e cuocere per 1 ora dall'inizio del bollore. Tenere la pentola coperta, la fiamma bassa e girare di tanto in tanto. Se l'acqua messa non è abbastanza aggiungerne altra, ma che sia molto calda. Se si interrompe la cottura, infatti, le bucce diventeranno dure.
    3. A 10 minuti dalla fine del tempo indicato unire un pizzico generoso di sale grosso e ultimare la cottura.
    4. Passata l'ora, assaggiare acqua di cottura e fagioli. Devono essere ben cotti e saporiti. Proseguire se non fossero morbidi e valutare se regolare di sale.
    5. Scolare i fagioli conservando il liquido di cottura. Eliminare l'aglio.
    6. Mettere metà fagioli da parte e passare gli altri nel passaverdure aiutandosi con qualche mestolo di acqua di cottura.
    7. Mettere l'acqua di cottura rimanente in una pentola sul fuoco. Andrà tenuta sempre a leggero bollore.
    8. Tritare molto finemente sedano, carota e cipolla.
    9. In una pentola da minestra far soffriggere il trito nell'olio per qualche minuto, a fiamma media, fintanto che non assume un aspetto dorato. Unire un mestolo di acqua di cottura dei fagioli e cuocere per 10 minuti a fiamma bassa.
    10. Alzare la fiamma, aggiungere i fagioli interi e lasciare insaporire qualche minuto a fiamma vivace.
    11. Unire i fagioli frullati, metà acqua di cottura dei fagioli, girare e lasciare riprendere il bollore. Regolare di sale.
    12. Quando ha ripreso il bollore buttare la pasta e cuocere mescolando spesso con un cucchiaio di legno, secondo il tempo di cottura del formato scelto. Aggiungere qualche mestolo di acqua di cottura dei fagioli se la minestra tende ad asciugarsi troppo. Tenerla piuttosto liquida perchè a fine cottura tenderà ad addensarsi.
    13. Nel frattempo lavare il prezzemolo, selezionarne le foglie e tritarle con la mezzaluna su un tagliere.
    14. Spegnere il fuoco, regolare di sale, profumare con  una macinata di pepe ed il prezzemolo tritato.
    15. Lasciare intiepidire 5 minuti con il coperchio e servire con un filo d'olio a crudo.

    PASTA DI ABBINAMENTO IDEALE

    Tubetti.

    STAGIONE

    Agosto, settembre, ottobre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    I suggerimenti di barbara

    È importante sgranare i fagioli solo poco prima di cuocerli, altrimenti la pellicina che li riveste diventa dura. Per lo stesso motivo non si mette sale in cottura, se non verso la fine, quando ormai la pellicina si è ammorbidita.


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    Gli spaghetti ai pomodori secchi sono un primo piatto preparato con ingredienti molto semplici, come i pomodori secchi, il prezzemolo e il pangrattato. L'accostamento dei sapori e la scelta di prodotti di qualità sapranno dare al piatto un sapore ricco e caratteristico.   Gli spaghetti ai pomodori ...



    Il risotto ai pioppini è un risotto realizzato con i funghi pioppini. Il pioppino è un ottimo fungo per un risotto da preparare per una cena fra amici. Più pregiato dello Champignon, ma meno costoso del porcino, mantiene bene la forma in cottura ed è ...



    La zuppa di cavolo rapa è una minestra tipica primaverile, quando compaiono sul mercato i piselli e il cavolo rapa, una varietà di cavolo che si presta molto alla preparazione delle zuppe, poichè ha un sapore delicato e una polpa croccante, fresca e particolarmente aromatica. ...



    Questa zuppa di funghi è una minestra molto semplice e veloce da preparare, ma che vi stupirà con il suo aroma e il sapore dei funghi che ne viene molto esaltato. E' inoltre una ricetta molto leggera. E' possibile preparare questa zuppa di funghi ...



    Gli gnocchi di zucca sono una specialità autunnale e invernale, dal sapore caratteristico, molto particolari, un po' difficili da preparare, ma che vi daranno grande soddisfazione. E' assolutamente necessario scegliere una varietà di zucca poco acquosa, soda e compatta, come ad esempio la Mantovana o ...



    La pasta con melanzane al pesto è un primo piatto fresco, tipicamente estivo, in cui la pasta viene condita con un pesto particolare e servita con le melanzane. La pasta con melanzane al pesto è un piatto ricco, adatto anche a pranzi o cene ...



    Il risotto allo zafferano con funghi porcini è un primo piatto a base di riso molto semplice e delicato in cui il sapore del fungo porcino viene messo in particolare risalto essendo servito in accompagnamento al risotto. Per la realizzazione del risotto allo zafferano con ...



    5 commenti su questa ricetta

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Wilma: bravissima! Grazie, continua a seguirci che abbiamo tante ricette vegane in pubblicazione :-)

    Wilma ha detto:
    Slurprosissima.. dosi perfette e risultato pari alla foto sul tuo sito.
    Io sono vegana ed ho trovato moltissime ricette da fare sul tuo sito che ho scoperto oggi.
    Grazie! ti ho messa nei preferiti :)

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Rosaria: solitamente si misura il peso lordo, la variazione non è particolarmente significativa. Orientativamente lo scarto è del 50%, quindi 500 grammi di fagioli corrispondono a 250 grammi di fagioli sgranati. Se sono poco di più (o poco di meno) va bene lo stesso!

    Rosaria ha detto:
    Scusa, ma perchè non hai messo il peso dei fagioli sgranati? La natura non fa i baccelli tutti uguali, la resa varia da raccolto a raccolto.

    Luz Junqueira ha detto:
    Delicioso! Godtaria de receber receitas por email. :-)

    5 commenti su 5
     

    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato