Spiedini di salmone e gamberetti con tagliatelle di calamari

    0.0/5 (0 voti)

    Ricette secondi piatti pesce

    Spiedini di salmone e gamberetti con tagliatelle di calamari


    Gli spiedini di salmone e gamberetti con tagliatelle di calamari sono un secondo piatto a base di pesce leggero, saporito e veloce da preparare. Se il pescivendolo vi vende il pesce già pulito in soli 20 minuti è tutto pronto.

    Gli spiedini di salmone e gamberetti con tagliatelle di calamari si possono conservare già cotti, in frigorifero, per un giorno. Sono ottimi da gustare anche fuori casa a temperatura ambiente. Servirli con un insalataina verde di contorno, dal sapore delicato, per bene accorstarsi a quello del pesce.

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 380 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 45 minuti
    • ricetta light
    • si può preparare in anticipo
    • si può mangiare fuori

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    • Preparare un'emulsione con l'olio extravergine di oliva e succo di limone appena spremuto, secondo quantità a piacere. Non eccedere però per non coprire il sapore delicato del pesce.
    • Lavare le foglie di prezzemolo, tamponarle con carta da cucina e tritarle finemente. Unire il trito all'emulsione assieme ad una generosa macinata di pepe tenendone da parte un pochino per decorre.
    • Pulire i calamaretti. Staccare la testa dal corpo tirando delicatamente e portandosi dietro tutte le interiora. Tagliare la testa appena sotto i tentacoli, eliminare il becco e i due tentacoli più lunghi, quindi sciacquarla bene e metterla in un colino. Pulire così tutte le teste. Spellare i corpi dei calamaretti, pulire bene l'interno e rimuovere la lisca cornea. Tagliarli da un lato per aprirli ed affettarli nello spessore di mezzo centimetro circa. Metterli nel colino assieme alle teste.
    • Cuocere i calamaretti. Si possono lessare in acqua salata per un paio di minuti al massimo, oppure cuocere a vapore per 6 minuti circa. Per la cottura a vapore bisogna regolarsi assaggiando. Sono da ritirare appena le carni diventano bianco opaco e ammorbidiscono. A volte possono bastare anche 4 minuti, a volte ne servono 10. Mettere le tagliatelle di calamaretti in una ciotola e condirli con un po' di emulsione. Regolare di sale e tenere da parte, coperto.
    • Lavare il filetto di salmone, se è presente la pelle eliminarla con un coltello affilato a lama liscia e flessibile. Toccarne la superficie per individuare eventuali spine, da togliere con una pinzetta. Tagliare il salmone in cubetti regolari di circa 3x3 centimetri di lato.
    • Sciacquare i gamberi sotto acqua corrente, eliminare la testa, spellarli e sfilare il budellino scuro posto sulla schiena. Preparare gli spiedini alternando su stecchi di legno salmone e gamberetti.
    • Mettere nella vaporiera gli spiedini e cuocerli per 6 minuti. Trascorso il tempo indicato verificare la cottura: il salmone deve essere morbido, ma ben cotto all'interno. Nel caso fosse ancora crudo proseguire la cottura per qualche altro minuto, senza eccedere però, altrimenti diventa stopposo.
    • Condire gli spiedini con la restante emulsione e regolare di sale.
    • Disporre nei piatti da portata un po' di tagliatelle di calamaro, gli spiedini, decorare con il prezzemolo tritato e servire.

    STAGIONE

    Marzo, aprile, maggio, giugno, luglio, agosto, settembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    I suggerimenti di barbara

    Per la cottura a vapore sono disponibili in commercio diversi dispositivi. Dai semplici cestelli che si mettono in appoggio dentro una pentola, ai cestelli in appoggio sulla pentola, ai cestelli in bambù tipici della cucina cinese (anche'essi in appoggio sopra la pentola). Ci sono quindi le vaporiere elettriche, dotate di cestelli impilabili. Ecco alcuni accorgimenti a seconda del dispositivo utilizzato.

    • Se usate un cestello di quelli che si appoggiano dentro la pentola, mettere nella pentola l'acqua verificandone il livello con il cestello: non deve toccarlo. Mettere la pentola sul fuoco con il coperchio e quando bolle mettere gli alimenti a cuocere nel cestello.
    • Se usate un cestello in appoggio sulla pentola, attenzione a non usare poca acqua, che potrebbe così evaporare completamente prima del termine della cottura.
    • Scegliere una pentola delle dimensioni adatte al vostro tipo di cestello.
    • In ogni caso sistemare il cibo nel cestello quando l'acqua bolle, a meno che non usiate una vaporiera elettrica. In questo caso prima si riempiono i cestelli, poi si aziona l'apparecchio.
    • Qualsiasi utensile utilizziate la cottura deve sempre avvenire con coperchio. Attenzione se lo alzate a non scottarvi con il vapore. Alzate il coperchio il meno possibile perchè così facendo si disperde il vapore e i tempi di cottura si prolungano.


    www.lospicchiodaglio.it


    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web