Questo sito contribuisce alla audience di

Valori di colesterolo HDL basso: cosa fare?

di Dott. Luigi Schiavo

Rubriche II nutrizionista risponde Alimentazione e salute

Domanda

Buongiorno,
dalle analisi effettuate da mio marito (40 anni) è risultato che ha un colesterolo totale di 140 e hdl 33 con una media di rischio di 4.2.
Il nostro medico di base ha suggerito di controllare molto l'alimentazione (non fuma, non è in sovrappeso e pratica sport in palestra molto leggero).
Premetto che non mangiamo mai cose particolarmente elaborate, fritti o altro, anche se mangiando fuori a pranzo il controllo degli alimenti non è mai tanto facile.

Potete consigliarmi una giusta alimentazione da seguire alla luce di questi valori?

Grazie in anticipo per la serietà e professionalità con cui gestite questo sito.
Ludovica


Risposta

Carissima Ludovica,

su raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, (OMS) per fare diagnosi di ipercolesterolemia bisogna, come suo marito giustamente ha fatto, valutare non solo i livelli di colesterolo totale ma anche quelli di colesterolo cosiddetto buono (HDL) e cattivo (LDL): in particolare la colesterolemia totale dovrebbe, in condizioni fisiologiche, mantenersi al di sotto dei 200; inoltre il rapporto colesterolo totale/HDL, non dovrebbe essere superiore a 5 per gli uomini e a 4,5 per le donne.

Quindi, con i valori che mi riporta ed in assenza di sovrappeso, fumo e familiarità per le malattie cardiovascolari, mi sentirei di rassicurarla.

Per quanto concerne infine la relazione ipercolesteolemia-alimentazione, tenga conto che l'80% del colesterolo ematico è endogeno ed in particolare di genesi epatica cioè lo sintetizza il nostro fegato mentre solo il restante 20% è di origine esogena ed in particolare alimentare. Quindi un regime alimentare che limiti l'apporto di grassi saturi (insaccati, formaggi, cacciagione, fritture) a favore di quelli insaturi (pesce azzurro soprattutto) è più che sufficiente per mantenere una normocolesterolemia.

Recenti studi comunque hanno dimostrato che una integrazione giornaliera con 3 grammi di fitosteroli vegetali aiutano significativamente ad abbassare il colesterolo cattivo ed allo stesso tempo ad incrementare quello buono.

Spero di esserle stato utile,

Serena giornata
Dott. Luigi Schiavo



Dott. Luigi SCHIAVO
Primo Policlinico, Seconda Università di Napoli, Ambulatorio di Chirurgia dell'obesità (IX Chirurgia Generale)
Nutrizionista (Numero Iscrizione Albo 055729)
Dottore di Ricerca [Settore Fisiologia, Endocrinologia e Metabolismo]
Socio SICOB [Società Italiana di Chirurgia dell'Obesità e delle Malattie Metaboliche]
Responsabile per la Regione Campania della Fondazione Italiana per la Lotta all'Obesità Infantile ONLUS

Esercita a:
CASERTA
Via F. Daniele 10 (angolo Via Roma-Corso Trieste), (Centro Medico VILLA ROSA), tel. 0823/1702419-22
LUSCIANO (CE)
Via Fratelli Cervi 3, tel. 334/5099818
MARCIANISE (CE)
Via Raffaele Musone 292 (Centro Medico), Tel. 0823/823616
NAPOLI
Via S. Tullio 101 (angolo Via Epomeo), (Studio Medico Polispecialistico GIFRAN), Telefono 081/7661730
ROMA
Via Tirone 11/13 (zona Marconi), presso Ufficio s.r.l., tel. 3345099818

sito web: www.schiavonutrizione.it
e-mail: posta@schiavonutrizione.it

www.lospicchiodaglio.it


Potrebbe interessarti anche

Ginnastica dolce: 5 esercizi per collo e schiena

Se la cattiva postura ti provoca spesso nevralgie al collo e alla schiena, con questi esercizi di ginnastica dolce ritroverai il benessere e sconfiggerai il dolore

Vai all'articolo »