Lasagne napoletane di Carnevale

    0.0/5 (0 voti)

    Ricette primi piatti carne

    Lasagne napoletane di Carnevale


    La lasagna napoletana di Carnevale è un ricco piatto napoletano che si gusta di tradizione il martedì grasso. E' un piatto unico, che nella sua versione più classica è davvero estremamente abbondante, come gran parte dei piatti di tradizione napoletana.

    La lasagna napoletana di Carnevale che vi proponiamo è piuttosto alleggerita rispetto alla tradizione, che vorrebbe che contenesse anche uova sode a fettine sottili oppure uovo sbattuto con il pecorino grattugiato, fettine di salame napoletano, la carne e le salsiccette del sugo spezzettate.

    Nella nostra versione della lasagna napoletana di Carnevale preferiamo utilizzare il caciocavallo fresco al posto della mozzarella fiordilatte, che se non preparata bene tende a rilasciare troppo liquido in cottura. Se non trovate il caciocavallo potete utilizzare anche della scamorza, purchè sia fresca.

    INFORMAZIONI

    • 10 persone
    • 680 Kcal a porzione
    • difficoltà media
    • pronta in oltre 5 ore
    • si può preparare in anticipo

    INGREDIENTI

    Per la preparazione del ragù

    Per la preparazione delle polpettine

    Per completare la preparazione

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    PREPARAZIONE

    Preparazione del ragù

    • Mettere le spuntature in una ciotola, unire un pizzico di sale e una generosa macinata di pepe e lasciare riposare per una decina di minuti circa.
    • Tagliare le salsicce a tocchetti di 5 centimetri di lunghezza.
    • Spellare la cipolla e tritarla molto finemente.
    • Mettere in una pentola l'olio, portarla sul fuoco, farlo scaldare, quindi unire la carne. Farla soffriggere uniformemente fino a ottenere una crosticina dorata.
    • Unire la cipolla, mescolare bene e farla dorare dolcemente.
    • Sfumare con il vino e farlo evaporare a fiamma media, girando di tanto in tanto.
    • Unire il pomodoro e mescolare bene.
    • Quando il sugo riprende il bollore abbassare la fiamma al minimo e cuocere per almeno 4 ore. Deve appena sobbollire, piano piano, o come dicono i napoletani "pippiare".
    • Trascorso il tempo indicato assaggiare per regolare di sale.


    Preparazione delle polpettine

    • Lavare il prezzemolo, selezionarne le foglie e tritarle finemente con la mezzaluna su un tagliere assieme all'aglio spellato.
    • Mettere in una ciotola il macinato. Unire un pizzico di sale, il trito di prezzemolo e aglio, l'uovo, il pangrattato, una macinata di pepe e amalgamare bene. Se il composto dovesse risultare troppo morbido, unire altro pangrattato, fino ad ottenere un impasto abbastanza sodo, che manipolato mantenga la forma.
    • Formare delle polpette delle dimensioni di una nocciola e passarle nel pangrattato.
    • Friggere le polpette nell'olio caldo e quando sono uniformemente dorate scolarle mettendole ad asciugare su carta da cucina.
    • Regolare di sale.


    Per completare la preparazione

    • Mettere la ricotta in una ciotola, unire il latte e lavorarla bene con una forchetta per farla diventare cremosa.
    • Tagliare il caciocavallo a fettine sottili.
    • In una casseruola bassa, capace di contenere la lunghezza della sfoglia, far bollire l'acqua, salarla e mettervi un cucchiaio d'olio.
    • Lessare le sfoglie un minuto per parte, quindi scolarle e metterle ad asciugare su uno strofinaccio pulito.
    • Imburrare una pirofila di circa 35x25 cm.
    • Disporre nella pirofila un paio di cucchiai di ragù prelevando soprattutto la parte più unta in superficie. Cospargere bene.
    • A questo punto cominciare a farcire la lasagna. In genere ne occorrono circa 5 strati.
    • Mettere uno strato di pasta, cospargere con poco ragù, la ricotta ben distribuita, quindi mettere qualche polpettina, qualche fettina spezzettata di caciocavallo e cospargere con il pecorino.
    • Mettere un altro strato di pasta e proseguire con gli ingredienti come visto in precedenza.
    • All'ultimo strato di pasta cospargere unicamente con il ragù e il pecorino.
    • Infornare nel forno preriscaldato a 200°C per mezz'ora, proseguendo di poco la cottura se necessario a far ben dorare in superficie.
    • Lasciar raffreddare a temperatura ambiente almeno mezz'ora prima di servirla.

    STAGIONE

    Febbraio, marzo.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    I suggerimenti di barbara

    Se preferite la mozzarella al posto del caciocavallo, scolatela dal suo liquido, affettatela e lasciate passare un giorno prima di utilizzarla, meglio se strizzata. La carne che ha cotto nel pomodoro può essere gustata, anche il giorno dopo, scaldata a bagnomaria nel sughetto avanzato assieme a pane casereccio, polenta o purè.

    La lasagna napoletana di Carnevale può essere preparata un giorno prima e lasciata in frigorifero fino al momento di gratinarla. Ottima, se avanza, anche il giorno dopo, scaldata nel forno a 200°C per una decina di minuti. Se tende a scurirsi troppo coprirla con la carta stagnola. E' possibile anche congelarla, si conserva così per 3 mesi circa. Al momento di consumarla metterla nel frigorifero la sera prima e scaldarla al momento di mangiarla nel forno come descritto in precedenza.


    www.lospicchiodaglio.it


    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web