Trova ricetta

Zuppa di cipolle aromatizzata allo speck

    5.0/5 (4 voti)

    Ricette primi piatti verdura

    Zuppa di cipolle aromatizzata allo speck


    La zuppa di cipolle aromatizzata allo speck è una zuppa tipica delle zone montane del Trentino e dell'Alto Adige. Preparata in diverse varianti, è un piatto che scalda e dà sostanza, anche se la versione che vi propongo è un po' alleggerita. Per la gratinatura occorrerebbe del formaggio di Malga; se non lo trovate potete sostituirlo con Fontina oppure Emmentaler.

    Per servire la zuppa di cipolle aromatizzata allo speck occorre impiattarla in pirofiline monoporzione da forno, perchè va gratinata. Io uso le ciotole in terracotta, che da portare a tavola sono molto belle. Ricordatevi di mettere un sottopentola o un tagliere e di fare attenzione a non scottarvi. Aspettare 5 minuti prima di gustare la zuppa, in modo che si sia appena intiepidita.

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 500 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 1 ora e ½

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    VARIANTE VEGETARIANA

    Sei vegetariano e vuoi realizzare questa ricetta?

    Omettere lo speck e utilizzare solo formaggi con caglio vegetale.


    PREPARAZIONE

    1. Pelare le cipolle, tagliarle a metà per il lungo e affettarle sottili.
    2. Tagliare lo speck a striscioline di un centimetro di larghezza.
    3. Mettere in una pentola da minestra l'olio e portarla sul fuoco. Farlo appena scaldare, quindi unire le cipolle, un pizzico di sale, maggiorana, timo e origano e farle appassire 4-5 minuti a fuoco basso, mescolando.
    4. Alzare la fiamma e aggiungere le striscioline di speck, lasciandone un pochino da parte per decorare.
    5. Unire una macinata di pepe e cuocere mescolando per 1-2 minuti.
    6. Unire il vino e far sfumare la parte alcolica, sempre mescolando.
    7. Coprire e cuocere per 30 minuti a fiamma bassa, coperto.
    8. Se il fondo di cottura tende ad asciugare troppo unire un po' di brodo caldo.
    9. Trascorso il tempo indicato scoperchiare, alzare la fiamma, unire la farina setacciata e mescolare.
    10. Aggiungere il restante brodo, attendere che riprenda il bollore, quindi cuocere per 30 minuti a fiamma bassa, coperto.
    11. Nel frattempo abbrustolire le fettine di pane sotto il grill del forno o in un tostapane da entrambi i lati.
    12. Suddividere la zuppa in pirofile da porzione che possano andare nel forno. Io di solito uso ciotole di terracotta.
    13. Coprire la zuppa con alcune fettine di pane tostato, il formaggio grattugiato, le striscioline di speck tenute da parte e un filo d'olio.
    14. Far gratinare sotto il grill del forno fintanto che il formaggio non è dorato ed ha fatto una leggera crosticina.
    15. Servire immediatamente.

    STAGIONE

    Gennaio, febbraio, marzo, ottobre, novembre, dicembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    APPROFONDIMENTI

    Pelare le cipolle, tagliarle a metà per il lungo e affettarle sottili.


    Tagliare lo speck a striscioline di un centimetro di larghezza.


    Dopo i primi 4-5 minuti di cottura delle cipolle, alzare la fiamma e aggiungere le striscioline di speck, lasciandone un pochino da parte per decorare. Unire una macinata di pepe e cuocere mescolando per 1-2 minuti.

    I suggerimenti di barbara

    Questa cipolla è ottima anche con crostini di polenta, grigliati o abbrustoliti nel forno :-)


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    La zuppa d'orzo e cavolfiore è una minestra calda a base di cavolfiore bianco, ma si può utilizzare con lo stesso risultato anche quello giallo, violetto oppure il broccolo romanesco. Allo stesso modo il cereale scelto, l'orzo, può essere sostituito con farro o un mix ...



    I cappellacci di zucca sono una tipica ricetta ferrarese, ormai un simbolo della città, tantoché nel 2016 ha acquisito il marchio IGP. La ricetta dei cappellacci di zucca ha origine nel Rinascimento, alla corte del Duca Alfonso II d'Este. Ne esistono testimonianze scritte che risalgono al 1584 poichè ...



    La pasta alle zucchine trifolate è un primo piatto a base di verdure semplice da preparare, leggero, ma saporito. L'importante per prepararlo al meglio è scegliere zucchine piccole e di ottima qualità. La pasta alle zucchine trifolate può essere preparata anche nella variante fredda ...



    La pasta zucca e pancetta è un primo piatto in cui il sapore dolce della zucca si sposa con quello sapido della pancetta, dando un gusto speciale alla ricetta. La zucca è presente in due consistenze: quella cremosa e quella cubettata, che contrastano creando un piacevole ...



    Questa zuppa di funghi è una minestra molto semplice e veloce da preparare, ma che vi stupirà con il suo aroma e il sapore dei funghi che ne viene molto esaltato. E' inoltre una ricetta molto leggera. E' possibile preparare questa zuppa di funghi ...



    Le orecchiette alle cime di rapa sono un primo piatto italiano tipico della cucina Pugliese, in particolare della provincia di Bari. Si preparano con le cime di rapa, un ortaggio tipico della stagione autunnale e invernale, dal sapore intenso e lievemente piccante. Per un'ottima ...



    Il risotto con le patate è un primo piatto a base di riso molto semplice da realizzare, economico, ma il cui sapore saprà stupirvi per la sua bontà. E' ideale per organizzare un pranzo o una cena per tante persone senza disporre di grande attrezzatura ...



    2 commenti su questa ricetta

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Nadia: sono contenta che ti sia piaciuta, grazie per il tuo commento!

    Nadia ha detto:
    Fatta... e già rifatta! Diventerà uno dei miei piatti preferiti!!! <3

    2 commenti su 2
     

    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web