Trova ricetta

Zuppa di cipolle aromatizzata allo speck

    5.0/5 (4 voti)

    Ricette primi piatti verdura

    Zuppa di cipolle aromatizzata allo speck


    La zuppa di cipolle aromatizzata allo speck è una zuppa tipica delle zone montane del Trentino e dell'Alto Adige. Preparata in diverse varianti, è un piatto che scalda e dà sostanza, anche se la versione che vi propongo è un po' alleggerita. Per la gratinatura occorrerebbe del formaggio di Malga; se non lo trovate potete sostituirlo con Fontina oppure Emmentaler.

    Per servire la zuppa di cipolle aromatizzata allo speck occorre impiattarla in pirofiline monoporzione da forno, perchè va gratinata. Io uso le ciotole in terracotta, che da portare a tavola sono molto belle. Ricordatevi di mettere un sottopentola o un tagliere e di fare attenzione a non scottarvi. Aspettare 5 minuti prima di gustare la zuppa, in modo che si sia appena intiepidita.

    INFORMAZIONI

    • 2 persone
    • 500 Kcal a porzione
    • difficoltà facile
    • pronta in 1 ora e ½

    INGREDIENTI

    In quanti siete?

    Dimmelo e ti ricalcolerò gli ingredienti!

        

    VARIANTE VEGETARIANA

    Sei vegetariano e vuoi realizzare questa ricetta?

    Omettere lo speck e utilizzare solo formaggi con caglio vegetale.


    PREPARAZIONE

    1. Pelare le cipolle, tagliarle a metà per il lungo e affettarle sottili.
    2. Tagliare lo speck a striscioline di un centimetro di larghezza.
    3. Mettere in una pentola da minestra l'olio e portarla sul fuoco. Farlo appena scaldare, quindi unire le cipolle, un pizzico di sale, maggiorana, timo e origano e farle appassire 4-5 minuti a fuoco basso, mescolando.
    4. Alzare la fiamma e aggiungere le striscioline di speck, lasciandone un pochino da parte per decorare.
    5. Unire una macinata di pepe e cuocere mescolando per 1-2 minuti.
    6. Unire il vino e far sfumare la parte alcolica, sempre mescolando.
    7. Coprire e cuocere per 30 minuti a fiamma bassa, coperto.
    8. Se il fondo di cottura tende ad asciugare troppo unire un po' di brodo caldo.
    9. Trascorso il tempo indicato scoperchiare, alzare la fiamma, unire la farina setacciata e mescolare.
    10. Aggiungere il restante brodo, attendere che riprenda il bollore, quindi cuocere per 30 minuti a fiamma bassa, coperto.
    11. Nel frattempo abbrustolire le fettine di pane sotto il grill del forno o in un tostapane da entrambi i lati.
    12. Suddividere la zuppa in pirofile da porzione che possano andare nel forno. Io di solito uso ciotole di terracotta.
    13. Coprire la zuppa con alcune fettine di pane tostato, il formaggio grattugiato, le striscioline di speck tenute da parte e un filo d'olio.
    14. Far gratinare sotto il grill del forno fintanto che il formaggio non è dorato ed ha fatto una leggera crosticina.
    15. Servire immediatamente.

    STAGIONE

    Gennaio, febbraio, marzo, ottobre, novembre, dicembre.

    AUTORE

    Ricetta realizzata da Barbara Farinelli. Fotografia di Giovanni Caprilli. Tutti i diritti riservati.

    APPROFONDIMENTI

    Pelare le cipolle, tagliarle a metà per il lungo e affettarle sottili.


    Tagliare lo speck a striscioline di un centimetro di larghezza.


    Dopo i primi 4-5 minuti di cottura delle cipolle, alzare la fiamma e aggiungere le striscioline di speck, lasciandone un pochino da parte per decorare. Unire una macinata di pepe e cuocere mescolando per 1-2 minuti.

    I suggerimenti di barbara

    Questa cipolla è ottima anche con crostini di polenta, grigliati o abbrustoliti nel forno :-)


    www.lospicchiodaglio.it


    Ricette correlate


    La pasta pomodorini e ravanelli è un primo piatto velocissimo da preparare, leggero e il cui il condimento è a crudo, quindi si presta bene nelle calde giornate estive, quando si ha poca voglia di tenere a lungo accesi i fornelli. Pomodorini, cipollotti e ravanelli si ...



    Gli gnocchetti al cavolo nero e Taleggio sono degli gnocchi di patate a cui vengono aggiunti, nell'impasto, le foglie del cavolo nero cotte e tritate. Il cavolo nero è un ortaggio poco conosciuto, tipicamente toscano. Ha foglie allungate, increspate, particolarmente sode e croccanti, di color ...



    La pasta piselli e stracchino è un primo piatto primaverile semplicissimo da preparare, veloce e poco calorico. Va preparata solo con i piselli freschi, da sgranare al momento. Se usate piselli in scatola o surgelati perdete l'effetto della doppia consistenza fra la crema di piselli ...



    Il risotto ai funghi è una specialità classica della cucina italiana. In questa ricetta ve lo proponiamo con i funghi porcini, particolarmente buoni e dal sapore molto caratteristico. Viene comunque bene con qualsiasi tipo di fungo, anche i semplici champignon, dal prezzo molto più abbordabile ...



    Se vi piace il sapore della salvia, con il suo aroma persistente e delicato, questa minestra di cannellini alla salvia fa per voi. La prima volta preparatela come vi suggerisco in ricetta, la seconda volta se volete dosate la quantità di salvia secondo il vostro ...



    Il riso con le lenticchie è un'ottima minestra tipica dei mesi freddi autunnali e invernali, molto rustica e gustosa, che ricorda le buone zuppe di una volta. Le lenticchie non vanno messe in ammollo, ma cucinate così come sono. Il riso con le lenticchie ...



    Risi e bisi è una ricetta tradizionale veneta, in particolare della cultura alimentare veneziana, che da poco è stata depositata presso la Camera di Commercio di Venezia, per tutelarne la preparazione. Con questo deposito il comune di Scorzè, in provincia di Venezia, diventa quindi ufficialmente la ...



    2 commenti su questa ricetta

    Barbara Farinelli ha detto:
    @Nadia: sono contenta che ti sia piaciuta, grazie per il tuo commento!

    Nadia ha detto:
    Fatta... e già rifatta! Diventerà uno dei miei piatti preferiti!!! <3

    2 commenti su 2
     

    Lascia un commento!!!

    richiesto

    richiesto, non sarà pubblicato

    il tuo sito web